Top

Appendino (M5s): "Non mi ricandido sindaca di Torino ma resto in politica"

La sindaca sul Pd: "Non c'è stato coraggio da parte di quello che doveva essere il nostro naturale alleato, il Pd, scegliendo una strada differente con primarie che, di fatto, hanno escluso il Movimento"

Chiara Appendino
Chiara Appendino

globalist Modifica articolo

16 Maggio 2021 - 10.16


Preroll

Chiara Appendino, sindaca di Torino, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ ha espresso la sua volontà di restare in politica nonostante non si ricandiderà a sindaca. 
Anche se “la tentazione di un ripensamento c’è stata. Ma non cambio idea. Non mi ricandido”.
”Nei giorni scorsi mi sono confrontata proprio su questo tema anche con Luigi Di Maio” perché, ha spiegato, ”lo scenario è cambiato nelle ultime settimane. Non c’è stato coraggio da parte di quello che doveva essere il nostro naturale alleato, il Pd, scegliendo una strada differente con primarie che, di fatto, hanno escluso il Movimento. A Torino, e non solo”.
Ha messo in chiaro che la ”nuova maternità non ha influenzato la scelta di non ripresentarmi. Anzi”.
Ha poi spiegato: ”Sono stata condannata due volte, anche se solo in primo grado di giudizio. A malincuore, non ritengo di essere nelle condizioni di candidarmi. Anche se mi dispiace non proseguire il lavoro sui temi a me più cari come quelli su ambiente, sociale, innovazione e soprattutto sui diritti civili”.
Tema quest’ultimo che ha rivendicato con forza. ”Sono orgogliosa di essere la prima sindaca di Italia per numero di trascrizioni degli atti di nascita dei figli di coppie omogenitoriali. Purtroppo, sono ben pochi i colleghi che mi stanno seguendo”.
La Appendino ha pensato  che il recente passato pesi ”molto” sul progetto di alleanza con il Pd.
”Ci vorrebbe più maturità, e il coraggio di lasciarsi alle spalle le idiosincrasie passate. Bisogna solo chiedersi se entrambi, noi e il Pd, siamo disposti ognuno a fare un sacrificio per fare un passo avanti. A Torino, io mi sono fatta da parte. Loro, invece, non sono disposti a trovare una terza soluzione”.
Chiudere con la politica? ”Niente affatto. Continuerò. Esistono tanti modi per farlo. In questi cinque anni ho imparato che si fa politica con il linguaggio, con il proprio comportamento, con l’uso che fai del tuo ruolo. Non mi faccio nessuna domanda sul mio futuro. Non ho tempo.
Sono sindaca di città ancora in pandemia, e tra cinque mesi divento madre per la seconda volta”. A proposito ”è un maschio. Il nome lo sceglierà Sara”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile