Napoli, il Pronto soccorso del Cardarelli è sovraffollato, i 25 medici minacciano le dimissioni
Top

Napoli, il Pronto soccorso del Cardarelli è sovraffollato, i 25 medici minacciano le dimissioni

In una lettera già protocollata i medici denunciano la situazione del Pronto soccorso, con persone costrette ad aspettare ore prima di essere visitate. La dirigenza della struttura assicura di essersi attivata per i necessari provvedimenti

Napoli, il Pronto soccorso del Cardarelli è sovraffollato, i 25 medici minacciano le dimissioni
Pronto soccorso del Cardarelli
Preroll

globalist Modifica articolo

5 Maggio 2022 - 10.30


ATF

Non è più sostenibile la situazione al Cardarelli di Napoli, dove il Pronto soccorso vive una situazione di sovraffollamento permanente. La conseguenza, è una lettera dei 25 medici in servizio, esasperati, che si dicono pronti alle dimissioni. Nella lettera già protocollata denunciano una situazione insostenibile, con molti pazienti costretti ad aspettare ore prima di poter essere visitati. La Direzione strategica dell’ospedale assicura di aver attivato i provvedimenti necessari per decongestionare il servizio.

Nel principale ospedale del capoluogo partenopeo in questi ultimi giorni si sono registrati fino a 170 accessi e il personale ha dovuto sistemare i malati sulle barelle, senza rispetto del distanziamento necessario per il Covid. “Impossibile garantire un’assistenza adeguata ai pazienti in queste condizioni”: questo il testo della leggera dei 25 medici.

Dalla dirigenza stanno cercando di correre ai ripari e il direttore generale Giuseppe Longo spiega: “Ci siamo attivati sia nei riguardi della nostra organizzazione interna, con l’obiettivo di rendere possibile il maggior numero di trasferimenti dal Pronto soccorso ai vari reparti, sia di concerto con la rete dell’emergenza territoriale 118 per favorire il trasferimento di pazienti verso altre strutture del territorio”. L’obiettivo è quello di permettere all’area di emergenza-urgenza del Cardarelli di assicurare un’attività fondamentale come quella del Pronto soccorso anche in condizioni di pressione straordinaria.

Leggi anche:  Arrestato il titolare della pizzeria "Dal Presidente", l'accusa è di aver agevolato il clan camorristico Contini

“Siamo consapevoli dell’enorme lavoro che grava su tutto il personale, al quale va il nostro ringraziamento – dicono ancora ai vertici -, e non smetteremo mai di impegnarci per fare in modo che questa azienda ospedaliera sia sempre più attrezzata per fare fronte anche a situazioni di straordinario afflusso”.

Native

Articoli correlati