Top

Progetto di spionaggio Pegasus: le domande che inchiodano il governo d'Israele

L’enormità del Progetto Pegasus non può venire oscurata o ridimensionata, da una informazione mainstream che teme di pronunciare, o scrivere, la parola “Israele”.

Pegasus
Pegasus

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

24 Luglio 2021 - 19.02


Preroll

Non si molla l’osso. L’enormità del Progetto Pegasus non può venire oscurata o ridimensionata, da una informazione mainstream che teme di pronunciare, o scrivere, la parola “Israele”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Alla fonte di Pegasus

Middle placement Mobile

Chiunque conosca un po’, non tanto un po’, Israele sa che è la “nazione delle sturt up”. E la sua capitale è Tel Aviv. Su questioni cruciali, come è la cyber sicurezza, la ricerca è militare. E poi si espande nel civile. E qui si torna al Progetto Pegasus e alla società madre, la NSO. 

Dynamic 1

A spiegarne la portata, è le sue implicazioni politiche, è una delle firme storiche di Haaretz, Zvi Bar’el.

“I termini ‘Israele’ e ‘NSo’  hanno restituito 9.680.000 risultati su Google giovedì. “Israele” e “NSO” hanno restituito 9.680.000 risultati su Google giovedì. Questo è un buon risultato per lo spyware Pegasus creato da Startup Nation. Segna anche Israele con il dubbio status di una nazione che aiuta i dittatori a perseguitare gli attivisti dei diritti umani, i giornalisti e gli stati amici. Le intercettazioni furtive sono il pane quotidiano dei servizi segreti. Le ambasciate hanno costantemente intercettato obiettivi, anche quelli di stati amici. I regimi che controllano e bloccano gli account di Facebook o Twitter sono diventati quasi ‘accettabili’ e raramente sollevano un interesse indebito. Per esempio, abbiamo già dimenticato le intercettazioni furtive della NSA americana del telefono del cancelliere tedesco Angela Merkel, che hanno scosso le relazioni tedesco-americane, o le intercettazioni americane dell’appartamento di Ehud Barak. La massa di informazioni raccolte dalle corporazioni dell’informazione attraverso i social media su milioni di persone, e la perdita di privacy che ne deriva, stanno portando a nuove leggi e spingendo a sviluppare mezzi tecnologici avanzati per proteggere le informazioni. Ma questa volta sembra che il furore e la paura derivino dalla portata all’ingrosso – circa 50.000 numeri di telefono, gli obiettivi contrassegnati per la sorveglianza, tra cui capi di stato, alti politici, uomini d’affari, così come giornalisti e attivisti sociali, e gli scopi dello spionaggio.

Dynamic 2

Il nome di NSO ha fatto notizia circa tre anni fa in seguito all’omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi nel consolato saudita di Istanbul nell’ottobre 2018. Nel marzo 2019 il direttore della società, Shalev Hulio, ha detto in un’intervista a “60 Minutes” della Cbs: ‘Posso dirvi molto chiaramente (sic), non abbiamo nulla a che fare con questo orribile omicidio’. Ma un’inchiesta del Guardian ha scoperto che il telefono della moglie di Khashoggi, Hanan al-Atar, è stato incollato nel software diversi mesi prima del suo omicidio, e che pochi giorni dopo l’omicidio è stato fatto un tentativo di incollare i numeri di telefono degli amici di Khashoggi nel software. Il Guardian è ora partner del Pegasus Project, insieme a decine di giornalisti e organizzazioni di media in tutto il mondo che stanno indagando sulla società e sul coinvolgimento del suo software nei casi di spionaggio.

Il numero di telefono del procuratore generale turco era nella lista dei numeri di telefono ‘di interesse’ che erano stati scoperti. Tuttavia, non è chiaro se gli operatori del software erano riusciti a installarlo nel suo telefono. L’intercettazione del telefono del procuratore turco era fondamentale per il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, che voleva sapere delle indagini in corso e se i risultati potevano incriminarlo nell’avvio dell’omicidio. Quell’anno NSO fu menzionato in altri due casi associati a Dubai. La principessa Latifa, figlia del leader di Dubai Mohammed bin Rashid al Maktoum, fuggì dalla sua casa e navigò sullo yacht Nostromo dall’Oman all’India. Dopo che lo yacht ha lasciato le acque territoriali dell’Oman, Latifa pensava di essere sulla via della libertà, ma poco dopo la barca è stata fermata da commando di Dubai che hanno rapito la principessa e l’hanno portata a casa. Da allora nessuno l’ha più vista o sentita.

Dynamic 3

Il Progetto Pegasus rivela che la principessa e sua madre erano state sorvegliate da Pegasus, e si ritiene che lo spyware abbia condotto i commando alla sua posizione. Questo solleva la questione del perché non l’abbiano arrestata prima che lasciasse il paese, ma come tutte le domande rivolte alla corte del leader emiratino su questo argomento è rimasta senza risposta. Un anno dopo, nel 2019, Dubai e gli stati arabi sono stati scossi dalla storia della fuga in Gran Bretagna della principessa Haya, moglie di bin Rashid e sorellastra del re giordano Abdullah. Molto è stato scritto sui motivi della sua fuga e sul trattamento degradante a cui è stata sottoposta alla corte del leader di Dubai. Ciò che è emerso ora è che anche il suo numero di telefono era sotto sorveglianza di Pegasus. NSO ha negato che Macron sia stato segnato come obiettivo dai ‘suoi clienti’ e ha detto che il fatto che il suo numero di telefono sia sulla lista non significa che sia un obiettivo, o che lo spyware sia stato installato nel suo telefono.

Macron, che ha convocato una sessione urgente del suo Consiglio di sicurezza nazionale per indagare sul caso, ha promesso di ‘far brillare tutte le luci’ sulla vicenda.

Dynamic 4

Ma lo stesso re del Marocco ha motivo di temere. Anche il suo numero di telefono appare sulla lista come obiettivo di sorveglianza, insieme al suo primo ministro. I due erano apparentemente segnati come obiettivi dall’esercito e dall’intelligence del Marocco.

Se questo è vero, mostra quanto profonde siano le paure e i sospetti tra le élite al potere in Marocco, e quali siano le vere minacce alla stabilità dello stato.

Dynamic 5

La lista degli obiettivi di sorveglianza dell’Arabia Saudita include ministri egiziani, politici e uomini d’affari importanti. Questi includono il primo ministro Mostafa Madbouly e i ministri degli esteri, delle finanze, della giustizia e della tecnologia, così come il leader del partito al Ra’d (il Domani), che era l’unico concorrente contro il presidente Abdel al-Fattah al-Sisi e altre figure.

Il sito Daraj, uno dei collaboratori del progetto Pegasus, nota che la maggior parte delle intercettazioni telefoniche dei ministri egiziani sono avvenute intorno a marzo 2019, quando si è riunito il vertice arabo, sostenendo che la ragione principale per cui l’Arabia Saudita ha preso di mira i ministri era il suo desiderio di sapere dove il governo egiziano era orientato e come aveva intenzione di navigare nelle discussioni.

Non è chiaro se il software sia stato effettivamente installato nei telefoni presi di mira, ma l’intenzione stessa di spiare il governo egiziano rende chiaro che anche tra vecchi e solidi alleati come Egitto e Arabia Saudita, i sospetti e la sfiducia sono un fattore permanente. I commentatori egiziani suggeriscono una ragione quasi sovversiva. L’Arabia Saudita e gli emirati avevano preso di mira il presidente iracheno o l’ex primo ministro libanese da sorvegliare per proteggere i loro interessi in Iraq e in Libano, dicono. Allo stesso modo, l’Arabia Saudita voleva mappare le influenti figure egiziane per influenzare la politica interna dell’Egitto.

Questa spiegazione equivale ad accusare il regno di interferire negli affari interni dell’Egitto, o almeno di volerlo fare.

L’Egitto, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti avevano fatto un’accusa simile contro il Qatar, e l’hanno usata come pretesto ufficiale per il boicottaggio e l’assedio che hanno imposto al Qatar. Tuttavia, è dubbio che l’Egitto farebbe una mossa così drammatica contro l’Arabia Saudita. È troppo dipendente dal regno economicamente e diplomaticamente.

I media egiziani non hanno risposto alla denuncia. Infatti, non è stato possibile trovare nemmeno un breve servizio sulla vicenda. Sembra che solo una coincidenza cosmica possa aver fatto sì che sia i media sauditi che quelli degli Emirati Arabi Uniti non abbiano detto una parola sulle scoperte. Solo l’editorialista emiratino Abed al-Halk Abdallah, che è vicino al governo, si è chiesto il perché di tutto questo trambusto. Ha scritto sul suo account Twitter:  ‘Niente di nuovo. Tutti i paesi del mondo spiano tutti i paesi del mondo e nessuno stato è pulito da attività di spionaggio nella nuova era tecnologica’.

La scoperta della lista dei numeri di telefono e lo stretto legame con l’NSO dimostra che questo non è solo un altro caso di regimi che violano i telefoni dei loro rivali all’interno dello stato, ma una rete internazionale, interna ed esterna, che fornisce informazioni che si sospetta abbiano portato a omicidi, rapimenti, imprigionamenti illegali e influenzato le politiche dei governi. Tutta questa attività è nelle mani di una società privata, e non è chiaro se le informazioni o quanta parte di esse siano state trasmesse al governo di Israele. Il governo d’Israele era a conoscenza della lista dei clienti di NSO? Ha approvato, o avrebbe dovuto approvare, la vendita del software a ciascuno dei clienti di NSO? Ha iniziato l’intercettazione di obiettivi per mezzo di NSO e dei suoi clienti? Queste sono solo alcune delle questioni su cui i funzionari della sicurezza e dell’intelligence, e le commissioni d’inchiesta in tutti gli stati interessati, indagheranno ora”.

Così Bar’el.

La stampa libera israeliana non molla l’osso. E non lo facciamo anche noi. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile