Top

Progetto Pegasus, l'ira di Washington: "Israele non può spiare il mondo"

L’inquilino dell’Eliseo Macron ha chiesto a Naftali Bennett dei chiarimenti in seguito alle rivelazioni secondo il Marocco avrebbe “attenzionato” Macron con lo spyware israeliano Pegasus dell'NSO.

Il progetto di spionaggio Pegasus
Il progetto di spionaggio Pegasus

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

25 Luglio 2021 - 17.01


Preroll

Quella telefonata è stata ben poco “diplomatica”. Da una parte, un presidente (francese) furibondo. Dall’altra, un primo ministro (israeliano) a dir poco imbarazzato.

OutStream Desktop
Top right Mobile

L’inquilino dell’Eliseo, Emmanuel Macron ha chiesto giovedì a Naftali Bennett, il successore di Benjamin Netanyahu alla guida dello Stato ebraico, dei chiarimenti in seguito alle rivelazioni secondo il Marocco avrebbe “attenzionato” Macron con lo spyware israeliano Pegasus dell’NSO.

Middle placement Mobile

L’ufficio di Bennett ha rifiutato di commentare la telefonata, riportata per la prima volta sabato da Israel’s Channel 12 News.

Dynamic 1

Nel frattempo, i funzionari americani hanno chiesto a un funzionario della difesa israeliano maggiori dettagli dopo la pubblicazione di una massiccia indagine internazionale, che hanno detto alla loro controparte israeliana, era “inquietante”.

Il progetto, condotto da Forbidden Stories insieme ad Amnesty International e un consorzio di giornali e giornalisti di tutto il mondo, si è basato su dati trapelati e ha rivelato una lunga lista di individui di alto profilo che sono stati selezionati come potenziali obiettivi per lo spyware Pegasus della società dai suoi clienti. NSO ha negato qualsiasi atto illecito e ha sostenuto che i rapporti sono falsi.

Dynamic 2

Martedì, Le Monde ha rivelato che uno dei numeri di telefono selezionati come potenziale bersaglio era quello di Macron. Il loro team d’indagine ha detto che era uno degli oltre 10.000 numeri di telefono selezionati come potenziale bersaglio dal servizio di sicurezza statale marocchino, che è noto per essere un cliente di NSO e del suo spyware Pegasus. Circa il 10% di quei numeri erano francesi, hanno scoperto. Un altro potenziale bersaglio del software – ma da un cliente diverso – era anche il re del Marocco Mohammed VI.

Secondo i dati, un numero che Macron usa regolarmente appare nella lista dei potenziali obiettivi almeno dal 2017 e fino ai giorni scorsi. Immediatamente dopo la pubblicazione del rapporto, Macron ha chiesto una serie di indagini da effettuare sul caso dello spyware Pegasus, il primo ministro Jean Castex ha detto al canale televisivo francese TF1 mercoledì.

Dynamic 3

Poi, giovedì, Macron ha tenuto una riunione di emergenza sulla cybersicurezza per soppesare possibili azioni di governo dopo i rapporti che il suo cellulare e quelli dei ministri del governo potrebbero essere stati presi di mira da spyware. Macron cambia regolarmente i suoi telefoni e sta “prendendo la questione molto seriamente”, ha detto giovedì il portavoce del governo Gabriel Attal alla radio France-Inter.

Forbidden Stories ha rivelato in passato come il Marocco usi gli strumenti di NSO per tracciare e spiare i giornalisti. Amnesty ha pubblicato il suo primo rapporto su come i prodotti di NSO venivano utilizzati in Marocco nell’ottobre 2019.

Dynamic 4

Washington chiede, Tel Aviv nicchia

Scrive Ben Samuels, corrispondente dagli Stati Uniti per Haaretz: 

Dynamic 5

“I legislatori statunitensi sono sempre più allarmati dai rapporti che la società israeliana NSO Group ha affittato spyware di livello militare a regimi autoritari in tutto il mondo, che presumibilmente lo hanno usato per violare i telefoni di politici, giornalisti, attivisti dei diritti umani e dirigenti aziendali.

Il deputato Tom Malinowski, che è stato in prima linea nelle richieste che l’Arabia Saudita sia ritenuta responsabile per l’omicidio di Jamal Khashoggi, ha detto a Haaretz che sta considerando una legislazione volta a regolare l’industria privata dello spyware. ‘Ho seguito la questione per un po’, quindi non sono affatto sorpreso che la segnalazione abbia portato alla luce le prove di ciò che qualsiasi persona razionale avrebbe supposto essere vero, data la lista dei clienti di NSO Group e i potenziali usi della tecnologia sensibile’, ha detto il deputato democratico del New Jersey.

‘Sono contento che stia ottenendo l’attenzione che merita perché questa è un’industria che è attualmente completamente non regolamentata – che è uno scandalo in sé. Questo tipo di tecnologia sensibile di hacking e sorveglianza non dovrebbe essere venduta da aziende private al miglior offerente sul mercato aperto’, ha aggiunto Malinowski. ‘Il problema va ben oltre una sola azienda. C’è un’industria che è stata creata per soddisfare la domanda di questa tecnologia ed è abilitata dalla mancanza di regolamentazione. Quello che stanno facendo è tecnicamente legale; il punto è che non dovrebbe esserlo’, ha rimarcato.

Malinowski, che fa parte dei comitati per gli affari esteri e la sicurezza interna della Camera, ha detto che NSO Group deve dare tutti i chiarimenti necessari invece di continuare ad avere un atteggiamento omertoso.  ‘Le smentite categoriche, combinate con il rifiuto di fornire qualsiasi informazione su chi sono i loro clienti, dovrebbero essere inaccettabili per il governo degli Stati Uniti e altri governi che cercano di prevenire la proliferazione di questa tecnologia’, ha detto Malinowski, aggiungendo che ‘le loro smentite suggeriscono o una credulità incredibile o una disonestà arrogante’.

‘Un principio fondamentale dovrebbe essere che i governi autoritari non possono ricevere questo tipo di tecnologia. Quello che NSO Group sta dicendo in questo momento equivale a dire ‘abbiamo venduto silenziatori alla mafia, ma non preoccupatevi, li stanno usando solo per il tiro al bersaglio’, ha continuato Malinowski. ‘Non mi interessa quali promesse siano firmate su un pezzo di carta, questi sono governi che non distinguono tra dissenso e terrorismo. Quando dicono che useranno la tecnologia contro i terroristi, stanno dicendo che la useranno contro i giornalisti’. Il deputato democratico ha affermato di non voler speculare senza prove sul collegamento tra la lista dei clienti di NSO Group e i paesi con cui Israele ha migliorato i legami diplomatici sotto l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu, ma ha notato che ‘suppone che se il governo israeliano assume licenze di esportazione, sa dove vengono esportati i prodotti’.

‘Penso che la responsabilità sia prima di tutto del governo degli Stati Uniti. Mi piacerebbe vedere Israele lavorare con gli Stati Uniti e altri paesi democratici per stabilire alcune regole che governino questo commercio, ma non mi aspetterei che il governo israeliano lo faccia da solo’, ha detto Malinowski, che ha anche servito in precedenza come assistente segretario di Stato per la democrazia, i diritti umani e il lavoro. ‘Gli Stati Uniti dovrebbero guidare questo sforzo, e mi aspetto che questo sia il caso andando avanti’. Mentre Malinowski chiede il rapido sviluppo di regole che permetterebbero ad aziende come NSO Group di essere ritenute responsabili, egli nota che ci sono già strumenti che possono essere implementati – in particolare il Khashoggi Ban, una sanzione e una restrizione dei visti stabiliti dall’amministrazione Biden che prenderebbe di mira chiunque si ritiene abbia preso di mira i dissidenti fuori dai confini del proprio paese per conto di un governo straniero. ‘Gli Stati Uniti hanno strumenti per proibire alle aziende e agli investitori di fare affari con entità come NSO Group. Le sanzioni dovrebbero essere esplorate ed eventualmente implementate. Tuttavia, non possiamo occuparci di questo caso per caso’, ha detto Malinowski. ‘Abbiamo bisogno di regole molto più chiare per l’industria che segnalino che le persone non possono monetizzare il loro talento vendendo tecnologia sensibile agli stati autoritari’.

Malinowski non è l’unico legislatore degli Stati Uniti a chiedere un’azione in seguito alla segnalazione di NSO Group. Il senatore Ron Wyden, che in precedenza ha chiesto indagini per verificare se la tecnologia venduta da NSO Group e altre società di sorveglianza straniere è stata coinvolta nell’hacking dei cittadini statunitensi, ha sollevato l’argomento durante un’audizione del Comitato Intelligence del Senato questa settimana.

‘Ci deve essere qualche responsabilità per le spie a noleggio. E questa sarà una parte centrale di questa discussione’, ha detto Wyden, facendo eco ai suoi commenti al Washington Post che ‘queste società di spionaggio sono una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, e l’amministrazione dovrebbe considerare tutte le opzioni per garantire che i dipendenti federali non siano presi di mira’.

Un funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto ad Haaretz che non hanno annunci riguardanti le restrizioni sui visti. ‘Gli Stati Uniti condannano le molestie o la sorveglianza extragiudiziale di giornalisti, attivisti dei diritti umani o altri critici percepiti del regime”, ha detto il funzionario.

‘Proprio come gli stati hanno il dovere di proteggere i diritti umani, le imprese hanno la responsabilità di rispettare i diritti umani. Quindi, dovrebbero garantire che i loro prodotti o servizi non siano usati dagli utenti finali per abusare delle libertà fondamentali’, ha aggiunto il funzionario.

Il rappresentante Joaquin Castro, membro del Comitato permanente selezionato sull’intelligence e vicepresidente della commissione per gli affari esteri della Camera, ha invitato il Congresso a indagare su ‘questa minaccia alla democrazia’, aggiungendo che il suo ufficio sta lavorando con la famiglia di San Antonio di Paul Rusesabagina, attualmente imprigionato in Ruanda. Il telefono di sua figlia è stato tra quelli violati dallo spyware Pegasus di NSO Group, secondo il Guardian”, conclude Samuels.

Pegasus, la storia continua. Ed è sempre di più una brutta storia.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile