Nagorno-Karabakh: il patto del Caucaso tra Erdogan e Netanyahu

La versione turco-israeliana del vecchio adagio secondo cui “il nemico del mio nemico è mio amico”. E il nemico comune che hanno il Sultano e “King Bibi” sul fronte azero-arbaijiano” si chiama Iran.

Erdogan

Erdogan

Umberto De Giovannangeli 1 ottobre 2020

Il “Patto del Caucaso” fra Erdogan e Netanyahu. La versione turco-israeliana del vecchio adagio secondo cui “il nemico del mio nemico è mio amico”. E il nemico comune che hanno il Sultano e “King Bibi” sul fronte azero-arbaijiano” si chiama Iran.


Gli aerei cargo azerbaigiani che atterrano nelle basi aeree israeliane nel Negev sono uno spettacolo relativamente comune, a testimonianza degli estesi traffici di armi tra i due Paesi. Ma la frequenza degli arrivi e la tempistica dei cargo Ilyushin Il-76 - due dei quali sono atterrati all'Uvda giovedì scorso, appena due giorni prima di un'importante escalation del conflitto in corso tra Azerbaigian e Armenia, seguita da altri due martedì e mercoledì - suggeriscono sia la preparazione che il rifornimento delle forze azere per l'ultimo combattimento intorno all'enclave del Nagorno-Karabakh.


Patto a due


Il governo israeliano si è astenuto dal rilasciare dichiarazioni sulla situazione nel Caucaso meridionale. Ufficialmente non si sta schierando, e ha anche relazioni diplomatiche con l'Armenia, che solo due settimane fa ha aperto la sua prima ambasciata a Tel Aviv. I funzionari israeliani sottolineano tranquillamente che "abbiamo interessi da entrambe le parti", e Israele non sfiderà certo apertamente il governo russo, che è uno dei ”mecenati” dell'Armenia (sebbene venda armi anche all'Azerbaigian). Non si tratta solo dei lucrosi traffici di armi, che secondo i rapporti includono droni, missili e sistemi radar. Israele considera l'Azerbaigian un alleato strategico. La cleptocrazia sul Caspio è la fonte di gran parte del petrolio che Israele acquista e, per la sua posizione geografica, una "backdoor" estremamente utile al vicino Iran per l'intelligence e altri scopi clandestini - soprattutto perché il Paese a maggioranza sciita è anche decisamente laico e da tempo sospetta delle ambizioni espansioniste  della repubblica islamica a sud.


“Ma  – annota Anshel Pfeffer, analista di punta di Haaretz -  i legami etnici dell'Azerbaigian sono molto più forti con un'altra potenza regionale, la Turchia - che, secondo i rapporti del Nagorno-Karabakh, principalmente da fonti armene -  è molto più coinvolta in questa attuale escalation che in quelle precedenti. Gli armeni sostengono che vengono utilizzati droni turchi, che un caccia F-16 turco ha abbattuto un suo aereo e che vi sono stati schierati anche combattenti siriani dell'esercito nazionale siriano appoggiato dai turchi. La Turchia ha negato di essere militarmente coinvolta, ma sostiene apertamente l'Azerbaigian. Per la prima volta da molto tempo, Israele sembra essere dalla stessa parte della Turchia. Si tratta di un interesse comune temporaneo e casuale, o di un segno che alcuni elementi della vecchia alleanza israelo-turca resistono ancora? Negli ultimi 12 anni, dall'operazione ‘Piombo Fuso’  di Israele a Gaza, le relazioni tra i due Paesi hanno avuto una costante traiettoria discendente. Nei primi anni, c'è stato chi ha creduto che si trattasse ancora di una situazione temporanea, dovuta ai tentativi di Recep Tayyip Erdogan di rafforzare la sua posizione nella regione. Oggi, però, nell'establishment israeliano della sicurezza e dell'intelligence  si è rafforzata l’opinione  che il sempre più autocratico Erdogan sia un inguaribile antisemita e che finché sarà il leader della Turchia, non ci sono prospettive di reale miglioramento di questi legami. Nonostante la Turchia stessa continui a mantenere legami diplomatici di basso livello e relazioni commerciali estese con Israele, Erdogan ha condannato ferocemente la recente "normalizzazione" delle relazioni e degli accordi tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein. Negli ultimi anni, la Turchia ha iniziato ad ospitare i leader chiave di Hamas, permettendo loro di stabilire uffici a Istanbul e dando loro anche la cittadinanza turca. Ciò è dovuto in parte al desiderio di Erdogan di costruirsi l’immagine del grande protettore dei palestinesi e alla sua personale affinità con il movimento dei Fratelli Musulmani, che ha perso la sua base originaria in Egitto dopo il colpo di stato del 2013 contro l'allora presidente Mohammed Morsi. La discussione all'interno della comunità dei servizi segreti israeliani sul fatto che la rottura con la Turchia sia temporanea e dovuta solo a Erdogan o se rappresenti un cambiamento più profondo è ancora in corso. In larga misura, dipende dai rapporti personali che ogni funzionario ha avuto in passato con gli omologhi turchi. Per esempio, un alto ufficiale dell'aeronautica militare israeliana, che poco più di dieci anni fa si stava ancora allenando nello spazio aereo turco e continuava a mantenere i legami con i suoi referenti  turchi attraverso vari forum della NATO, ha detto l'anno scorso di essere convinto che "la Turchia non è un nemico e sarà di nuovo un alleato stretto una volta che Erdogan se ne sarà andato". D'altra parte, i funzionari dei servizi segreti che hanno visto come le operazioni di Hamas in Cisgiordania siano sempre più dirette da Istanbul - e come i servizi segreti turchi del MIT siano passati sotto il controllo di uomini di Erdogan che sono inclini a lavorare a stretto contatto con l'Iran - sono convinti che anche se Erdogan è costretto a dimettersi, o muore, i suoi successori potrebbero continuare la sua politica. "Ci vorranno certamente anni per ristabilire il rapporto che un tempo abbiamo dovuto ristabilire", ha detto un analista dell'intelligence. "La prova sarà se gli uffici di Hamas saranno chiusi". Più di ogni altra cosa, dipende dall'Iran - il che ci riporta al Nagorno-Karabakh.


L'Iran - rimarca ancora l’analista israeliano - è stato uno dei principali sostenitori dell'Armenia nel Nagorno-Karabakh, creando per Israele un'opportunità di dialogo con la Turchia di Erdogan e, si spera, allargando la spaccatura tra Ankara e Teheran.


Per decenni, gli alleati di Israele nella regione sono state le potenze non arabe, la Turchia e l'Iran, che si sono unite a Israele nella non ufficiale "alleanza della periferia", decimata prima dalla rivoluzione islamica iraniana del 1979 e poi dall'ascesa di Erdogan dal 2003 in poi. Ora, Israele è più vicino che mai al blocco pro-occidentale delle nazioni arabe che comprendono gli Emirati Arabi Uniti, l'Arabia Saudita e l'Egitto, che condividono l'ostilità di Israele verso l'Iran e la Turchia, e si contendono con loro il dominio regionale in una serie di conflitti per procura in Siria, Yemen, Libano e Libia.


Le spedizioni di armi in Azerbaigian e la fiammata in Nagorno-Karabakh ci ricordano che l'alleanza con Ankara  potrebbe non essere del tutto morta”.


Intanto, il Sultano torna a tuonare: "Voglio ribadire che noi, come Turchia, ci schieriamo dalla parte dell'Azerbaigian nella loro lotta nel Nagorno-Karabakh", ha detto Erdogan, aggiungendo che il Gruppo di Minsk dell'OSCE deve chiedere che l'Armenia metta fine alla sua "occupazione" della regione separatista.” La Turchia sosterrà l'Azerbaigian con ogni mezzo, in linea con il principio di "due Stati e una nazione", ha riaffermato il presidente turco.


Da Ankara, storico alleato di Baku, in precedenza avevano dichiarato che qualsiasi attacco contro l'Azerbaigian equivale ad un attacco contro la Turchia stessa.