La maleducazione sessista dello psichiatra Morelli contro Murgia "Zitta e ascolta!"

Nel corso della trasmissione lo psichiatra stava sostenendo la tesi per cui le bambine devono giocare con le bambole per conservare la loro "radice femminile".

Morelli e Murgia

Morelli e Murgia

globalist 25 giugno 2020

"Raffaele Morelli, incalzato sulle frasi sessiste ("le bambine giocano con le bambole", "se una donna non suscita il desiderio sono guai") non trova di meglio che dileguarsi senza argomenti. Il maschilista detesta il contraddittorio paritario". Così su Instagram Michela Murgia commenta quanto accaduto ieri durante la diretta del Tg Zero di Radio Capital. Nel corso della trasmissione lo psichiatra stava sostenendo la tesi per cui le bambine devono giocare con le bambole per conservare la loro "radice femminile".


"I maschi non giocano con le bambole", ha osservato Morelli. "Forse perché non gliele diamo, magari se diamo loro le bambole giocano anche con le bambole", ha ribattuto Murgia. "No, ascolta, i bambini maschi non giocano con le bambole", ha insistito Morelli. "Con cosa giocano?", chiede allora la scrittrice. "Ascolta, tu sei qui per farmi domande cretine o vuoi farmi delle domande intelligenti e capire?", è sbottato quindi lo psichiatra che poi, incalzato dalla Murgia che chiedeva degli approfondimenti sulle sue parole, le ha più volte ripetuto "zitta e ascolta!”, prima di chiudere bruscamente la telefonata.
In un’altra intervista, poche ore prima, Morelli aveva detto che "se una donna esce di casa e gli uomini non le mettono gli occhi addosso, deve preoccuparsi”. Un pensiero che è stato molto criticato, soprattutto sui social network.