Tentato golpe, la Corte Suprema dà a Trump l'immunità (ma solo per gli atti ufficiali)
Top

Tentato golpe, la Corte Suprema dà a Trump l'immunità (ma solo per gli atti ufficiali)

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che gli ex presidenti hanno diritto a un certo grado di immunità dai procedimenti penali rallentando la possibilità di uj processo

Tentato golpe, la Corte Suprema dà a Trump l'immunità (ma solo per gli atti ufficiali)
Preroll

globalist Modifica articolo

1 Luglio 2024 - 18.05


ATF

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che gli ex presidenti hanno diritto a un certo grado di immunità dai procedimenti penali, riducendo drasticamente la probabilità che il procedimento penale federale contro Donald Trump con l’accusa di aver complottato per fermare il trasferimento del potere proceda prima delle elezioni del 2024.

La maggioranza conservatrice della corte – che Trump ha contribuito a creare – ha ritenuto 6-3 che i presidenti siano protetti dai procedimenti giudiziari per azioni ufficiali che si estendono al “perimetro esterno” del suo ufficio, ma potrebbero essere accusati di condotta non ufficiale.

Trump è accusato di aver supervisionato un vasto tentativo di sovvertire le elezioni del 2020, compresi due capi d’accusa di cospirazione per ostacolare la certificazione dei risultati elettorali, cospirazione per frodare il governo e cospirazione per privare gli elettori dei diritti civili.

Tra le accuse: Trump ha diffuso false accuse di frode elettorale, ha complottato per reclutare false liste elettorali, ha esercitato pressioni sui funzionari del dipartimento di giustizia degli Stati Uniti affinché aprissero false indagini sulle frodi elettorali e ha esercitato pressioni sul suo vicepresidente, Mike Pence, affinché ostacolasse la certificazione del Congresso sulla vittoria di Joe Biden.

Per determinare se i presunti tentativi di Trump di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020 siano avvenuti sotto gli auspici protetti dei suoi doveri ufficiali, la Corte Suprema ha rinviato il caso al giudice distrettuale statunitense Tanya Chutkan, che dovrà rivedere l’accusa riga per riga.

Leggi anche:  Trump ha fatto di tutto per mostrarsi a folla e tv sanguinante: le similitudini con Berlusconi

La corte ha lasciato il grosso dell’analisi a Chutkan. Ma il presidente della Corte Suprema John Roberts, scrivendo a nome della maggioranza, ha ritenuto che la minaccia di Trump di licenziare l’allora procuratore generale in carica per essersi rifiutato di aprire le indagini fosse protetta, perché il dipartimento di giustizia fa parte del ramo esecutivo.

Allo stesso modo, Roberts ha scoperto che il tentativo di Trump di fare pressione su Pence era probabilmente protetto, poiché il presidente che discuteva delle responsabilità con il vicepresidente era un esempio di condotta ufficiale. “Trump è almeno presumibilmente immune da procedimenti giudiziari per tale condotta”, si legge nel parere.

La decisione finale sulla questione dei Pence spettava a Chutkan, ha scritto Roberts. Spettava ai pubblici ministeri l’onere di “confutare la presunzione di immunità” e se l’accusa di Trump “possa presentare pericoli di intrusione nell’autorità e nelle funzioni del ramo esecutivo”.

E riguardo alle dichiarazioni di Trump del 6 gennaio, Roberts ha scritto che probabilmente anche loro erano protette, dal momento che i discorsi presidenziali erano una funzione integrale dell’ufficio. Ma l’opinione ammette anche che, nel caso di Trump, potrebbe essere più appropriato classificare il suo discorso come quello di un candidato ad una carica.

Leggi anche:  Attentato a Trump: Thomas Matthew Crooks, l'autore è un bianco ed elettore del partito repubblicano

La sentenza sul caso di sovversione elettorale di Trump è stata una delle ultime emesse dalla Corte Suprema in questo periodo. Aspettando fino alla fine, la maggioranza conservatrice ha giocato a vantaggio di Trump e nella sua strategia legale cercando di ritardare il più possibile qualsiasi processo.

L’effetto della sentenza di bloccare un processo immediato, dopo che la corte si è mossa rapidamente per mantenere Trump al ballottaggio a marzo, ha già acceso feroci critiche da parte dei liberali e di altri che credono che il caso di Trump dovrebbe essere risolto prima che gli elettori votino nelle prossime elezioni. .

La strategia legale di Trump per tutti i suoi casi penali federali – in Florida è anche accusato di aver conservato illegalmente documenti riservati – è stata quella di rinviarli a dopo le elezioni, nella speranza che venga rieletto e possa nominare procuratore generale un lealista che avrebbe fatto cadere le accuse.

Allo stato attuale del calendario, un processo nel caso di sovversione elettorale di Trump non può iniziare prima del 20 settembre, dal momento che gli avvocati di Trump hanno 88 giorni rimasti per preparare una difesa dopo che il caso è stato automaticamente congelato quando hanno lanciato l’appello all’immunità.

Leggi anche:  Attentato a Trump: si indaga per verificare la presenza di un secondo killer

Lo scorso ottobre, Trump ha presentato istanza di archiviazione dell’accusa sulla base del fatto che godeva di assoluta immunità dall’accusa. Dopo che Chutkan ha respinto la mozione, Trump si è mosso per contestare la sua sentenza l’8 dicembre presso la corte d’appello degli Stati Uniti per il circuito DC.

L’appello comportava una sospensione automatica che congelava il procedimento giudiziario, perché se Trump avesse vinto la sua richiesta di immunità, ciò avrebbe precluso qualsiasi procedimento giudiziario. Di conseguenza, il conto alla rovescia fino alla data del processo originale del 4 marzo è stato sospeso con 88 giorni rimanenti.

Il caso di sovversione elettorale di Trump è rimasto congelato mentre la Corte Suprema ha considerato la sua richiesta di immunità, dopo che il circuito DC ha respinto l’appello, con i giudici conservatori che non hanno mostrato alcuna urgenza di risolvere il caso con una discussione orale, in parte perché sembravano considerare il caso politicamente motivato.

Mentre i giudici lavoravano su potenziali test per delineare tra condotta ufficiale e privata, il giudice Amy Coney Barrett ha suggerito che il procuratore speciale avrebbe sempre potuto aggirare il lungo processo modificando la propria accusa e portando il caso su atti inequivocabilmente privati.

Native

Articoli correlati