Nuove rivelazioni: Putin trattava lo scambio di Navalny mentre meditava di eliminarlo
Top

Nuove rivelazioni: Putin trattava lo scambio di Navalny mentre meditava di eliminarlo

Vladimir Putin ha discusso la possibilità di scambiare Alexei Navalny con russi arrestati in Occidente anche poche ore prima della morte del dissidente

Nuove rivelazioni: Putin trattava lo scambio di Navalny mentre meditava di eliminarlo
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Marzo 2024 - 11.21


ATF

Vladimir Putin ha discusso la possibilità di scambiare Alexei Navalny con russi arrestati in Occidente anche poche ore prima della morte del dissidente. Lo ribadisce l’Agenzia, citando quattro fonti che in qualche modo hanno avuto una parte attiva nei negoziati.

Secondo due interlocutori dell’Agenzia, quattro ore prima che apparissero le prime notizie sulla morte di Navalny, Putin ha avuto un incontro con Roman Abramovich. Una delle fonti afferma che durante questo incontro, il presidente aveva dato il via libera allo scambio.

Christo Grozev, un giornalista investigativo, ritiene che quel consenso fosse un inganno: “Penso che quel si sia stato una copertura per i piani di assassinio, o una mossa strategica per portare i negoziati quasi alla fine, pensando che dal momento che la Germania ha accettato di dare Vadim Krasikov in linea di principio, in assenza di Navalny, avrebbero poi accetteto di scambiarlo con un altro prigioniero, non così importante per Putin”.

Dello stesso parere un altro interlocutore dell’Agenzia. “Dopo aver appreso che l’Occidente era pronto a consegnare Krasikov alla Russia, Putin ha ordinato a sangue freddo l’omicidio di Navalny”, ha detto. Una fonte vicina ad Abramovich si è limitata a dire di attendere i risultati delle indagini sulla morte di Navalny.

Leggi anche:  Ucraina, i russi avanzano su tutto il fronte e Putin esulta

Le fonti dell’Agenzia dicono che il negoziato è iniziato nella primavera del 2023. In estate, la Germania ha accettato in linea di principio lo scambio di Navalny, ma a settembre i negoziati sono stati sospesi dopo la pubblicazione di un articolo del Wall Street Journal, in cui si affermava che i funzionari occidentali avevano permesso a Navalny di essere incluso nell’accordo di scambio di prigionieri tra la Russia e l’Occidente. I negoziati sono ripresi a dicembre, quando il politico è stato trasferito nella colonia penale del Circondario autonomo di Yamal-Nenets. Secondo l’Agenzia, la famiglia di Navalny a quel punto diede l’allarme all’Occidente: erano iniziati i preparativi “per qualcosa di brutto”.

Le fonti hanno anche aggiunto che durante i colloqui, la Russia aveva espresso la sua disponibilità a consegnare all’Occidente non solo Navalny, ma anche il corrispondente del Wall Street Journal, Evan Hershkovich, e il marine statunitense in pensione Paul Whelan. In risposta, i paesi occidentali erano pronti a estradare il presunto ufficiale dell’FSB Vadim Krasikov, condannato in Germania all’ergastolo per l’omicidio dell’ex signore della guerra ceceno Zelimkhan Khangoshvili, nel 2019. Una delle fonti ha anche affermato che durante i negoziati è stato menzionato il fondatore della società M13, Vladislav Klyushin, condannato negli Stati Uniti per hacking delle reti informatiche di aziende americane e insider trading.

Native

Articoli correlati