Putin secondo solo a Stalin: il più crudele di tutti gli altri capi del Cremlino
Top

Putin secondo solo a Stalin: il più crudele di tutti gli altri capi del Cremlino

A stilare la classifica, la pubblicazione "Proekt" che ha pubblicato uno studio su larga scala in cui ha analizzato i casi penali e amministrativi presentati ai tribunali della Federazione Russa nel 2018-2023,

Putin secondo solo a Stalin: il più crudele di tutti gli altri capi del Cremlino
Stalin e Putin
Preroll

globalist Modifica articolo

22 Febbraio 2024 - 14.48


ATF

Per repressione, Vladimir Putin “ha superato di gran lunga quasi tutti i segretari generali sovietici, tranne uno, Stalin”. Conoscendo l’attuale inquilino del Cremlino c’è da scommetterci: Putin punta a scavalcare “Baffone” e salire sul gradino più alto di questa triste classifica.

A stilare la classifica, la pubblicazione “Proekt” che ha pubblicato uno studio su larga scala in cui ha analizzato i casi penali e amministrativi presentati ai tribunali della Federazione Russa nel 2018-2023, cioè durante il quarto mandato presidenziale di Vladimir Putin. Gli autori della pubblicazione hanno dedicato uno studio al politico Alexei Navalny, “un amico del Progetto, che è stato ucciso da Vladimir Putin”.

Per sei anni, scrive il giornale, in Russia più di 116.000 persone sono state sottoposte a repressione diretta, di cui 11.442 persone sono state perseguite in base a articoli penali e circa 105.000 sono stati multati per dichiarazioni e partecipazione a manifestazioni.

Gli autori dello studio hanno confrontato i dati risultanti con statistiche simili negli anni dell’URSS. I giornalisti hanno calcolato che nella Russia di Putin sono state condannate più persone per “estremismo” e critiche alle autorità che per “anti-sovietismo” sotto Nikita Krusciov e Leonid Brezhnev. Tra il 2018 e il 2023, i tribunali hanno ricevuto casi contro 5.613 persone accusate in base ad articoli che gli attivisti per i diritti umani considerano repressivi (estremismo, giustificazione del terrorismo, “falsi”, “screditamento” dell’esercito). Si tratta di un dato leggermente superiore a quello del 1956-1961, durante il regno di Nikita Krusciov, quando, secondo gli archivi di stato, 4.883 persone furono condannate per gli articoli “Agitazione e propaganda antisovietica” e “Diffusione di invenzioni consapevolmente false”. In tutti gli anni successivi, fino alla perestrojka (dal 1962 al 1985), 3.234 persone sono state condannate in base a questi articoli nella RSFSR. Secondo i calcoli di “Proekt”, nel periodo 2018-2023 i tribunali russi hanno ricevuto 5.829 casi avviati in base ad articoli su crimini contro lo Stato (spionaggio, divulgazione di segreti di Stato, cooperazione con organizzazioni straniere e così via), nonché in base ad articoli relativi al rifiuto di partecipare alla guerra in Ucraina. Negli ultimi sei anni, come notato da “Agency”, un progetto parallelo di “Proekt”, sono state processate più persone in Russia con l’accusa di divulgazione di segreti di stato e spionaggio rispetto ai tempi della Guerra Fredda. Nel periodo 2018-2023, 39 persone sono state accusate di spionaggio, una media di poco più di sei persone all’anno. Allo stesso tempo, tra il 1967 e il 1974, i tribunali sovietici condannarono in media non più di due persone all’anno. In Russia, 329 persone sono state processate per aver divulgato segreti di Stato nell’arco di sei anni, una media di 54 persone all’anno, e nella RSFSR dal 1967 al 1974, una media di poco più di quattro persone all’anno.

Leggi anche:  Putin e Lukashenko, incontro sulla guerra in Ucraina e lo sviluppo della cooperazione

Con l’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte delle truppe russe – hanno calcolato i giornalisti – la Russia ha ricevuto casi contro 4.642 persone che si sono rifiutate di combattere in Ucraina. L’articolo più comune per i militari è l’abbandono non autorizzato dell’unità, attraverso il quale sono passate 4.373 persone in sei anni. Per fare un confronto: nel 2021, l’anno prebellico, i tribunali hanno esaminato 527 casi di questo tipo. Nel 2023, i tribunali hanno ricevuto cause contro 289 persone ai sensi del secondo articolo più comune, per mancato rispetto di un ordine, mentre nei cinque anni precedenti c’erano stati solo nove casi.

Dati alla mano, gli autori del “Progetto” sono giunti così alla conclusione che, in termini di portata delle repressioni, Vladimir Putin “ha superato di gran lunga quasi tutti i segretari generali sovietici, tranne uno, Joseph Stalin”.

Native

Articoli correlati