Borrell: "Creare uno Stato palestinese è il modo migliore per garantire la sicurezza di Israele"
Top

Borrell: "Creare uno Stato palestinese è il modo migliore per garantire la sicurezza di Israele"

La creazione di uno Stato palestinese è il modo migliore per garantire la sicurezza di Israele, ha dichiarato lunedì il capo della diplomazia dell'UE Josep Borrell dopo un incontro con i 27 ministri degli Esteri.

Borrell: "Creare uno Stato palestinese è il modo migliore per garantire la sicurezza di Israele"
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Novembre 2023 - 01.43


ATF

La creazione di uno Stato palestinese è il modo migliore per garantire la sicurezza di Israele, ha dichiarato lunedì il capo della diplomazia dell’UE Josep Borrell dopo un incontro con i 27 ministri degli Esteri.

“La migliore garanzia per la sicurezza di Israele è la creazione di uno Stato palestinese”, ha dichiarato Borrell in un riassunto scritto di una videoconferenza con i 27 ministri dopo un tour in Medio Oriente.

Questa è “una conclusione politica fondamentale” delle sue discussioni nella regione, ha sostenuto il diplomatico di punta dell’UE.

Il 18 ottobre, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che la guerra tra Israele e Hamas ha rafforzato la sua “determinazione” per una soluzione a due Stati.

Borrell ha insistito sul fatto che Israele non dovrebbe occupare Gaza dopo la fine del conflitto e che il controllo del territorio dovrebbe essere trasferito all’Autorità Palestinese.

“Nonostante le enormi sfide, dobbiamo portare avanti la nostra riflessione sulla stabilizzazione di Gaza e sul futuro Stato palestinese”, ha sottolineato.

Leggi anche:  Un rapporto accusa Israele di abusi sui prigionieri: torture, abusi sessuali e anche omicidi

A breve termine, c’è un “senso di urgenza” nella regione per la disperata situazione umanitaria di Gaza, ha aggiunto Borrel dopo aver visitato una serie di Stati arabi.

“La risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiede una pausa umanitaria immediata è un importante passo avanti, ma dobbiamo assicurarci che venga attuata rapidamente”, ha dichiarato il funzionario dell’UE.

Un altro grande timore è che il conflitto possa infiammare ulteriormente la situazione esplosiva in Cisgiordania e coinvolgere altri attori in Medio Oriente.

“Visto l’aumento della violenza da parte di estremisti e coloni contro i palestinesi, c’è il rischio concreto che la situazione si aggravi”, ha dichiarato Borrell.

Le notizie di una nave dirottata dagli Houthi sono un altro segnale preoccupante di un rischio di ricaduta regionale”.

Lunedì il Giappone ha annunciato che si avvicinerà agli Houthi nello Yemen, il giorno dopo che i ribelli sostenuti dall’Iran hanno catturato nel Mar Rosso una nave da carico con 25 membri dell’equipaggio, noleggiata da un gruppo giapponese e di proprietà di Israele.

Native

Articoli correlati