L'Onu denuncia che i civili di Gaza rischiano morte per fame
Top

L'Onu denuncia che i civili di Gaza rischiano morte per fame

In una dichiarazione di giovedì, il direttore esecutivo del WFP Cindy McCain ha affermato che le scorte di cibo e acqua sono “praticamente inesistenti” a Gaza

L'Onu denuncia che i civili di Gaza rischiano morte per fame
Bambini di Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

17 Novembre 2023 - 00.08


ATF

Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) ha avvertito che la Striscia di Gaza si trova ora ad affrontare un “enorme” deficit alimentare e una fame diffusa, mentre quasi l’intera popolazione dell’enclave palestinese ha un “disperato” bisogno di assistenza alimentare.

In una dichiarazione di giovedì, il direttore esecutivo del WFP Cindy McCain ha affermato che le scorte di cibo e acqua sono “praticamente inesistenti” a Gaza e che “solo una frazione” degli aiuti necessari sta raggiungendo il territorio attraverso i confini. Lei disse:

 Con l’inverno che si avvicina rapidamente, i rifugi insicuri e sovraffollati e la mancanza di acqua pulita, i civili si trovano ad affrontare l’immediata possibilità di morire di fame.

 Non c’è modo di soddisfare le attuali esigenze legate alla fame con un solo passaggio di frontiera operativo. L’unica speranza è aprire un altro passaggio sicuro per l’accesso umanitario e portare cibo salvavita a Gaza.

All’inizio di questa settimana, il WFP ha confermato la chiusura dell’ultimo panificio che opera in collaborazione con l’agenzia per mancanza di carburante. Il pane, alimento base per la popolazione di Gaza, è scarso o inesistente, si legge.

Leggi anche:  Gaza: risoluzione Usa all'Onu per un cessate il fuoco temporaneo e lo stop dell'attacco a Rafah

La carenza di carburante sta anche paralizzando la distribuzione e le operazioni umanitarie, compresa la consegna di assistenza alimentare. L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA) ha detto che da domani non ci saranno più consegne di aiuti a Gaza dal valico di Rafah a causa della carenza di carburante.

Native

Articoli correlati