Israele: Itamar Ben-Gvir, il razzista e fascista figlio dell'apartheid in Palestina
Top

Israele: Itamar Ben-Gvir, il razzista e fascista figlio dell'apartheid in Palestina

Itamar Ben-Gvir, ministro della Sicurezza interna d’Israele, è un razzista. Razzista e fascista. Per pratica, cultura, trascorsi. Ma non è il padre dell’apartheid imposto da Israele nei Territori palestinesi occupati. Itamar Ben-Gvir ne è il figlio

Israele: Itamar Ben-Gvir, il razzista e fascista figlio dell'apartheid in Palestina
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

26 Agosto 2023 - 17.02


ATF

Itamar Ben-Gvir, ministro della Sicurezza interna d’Israele, è un razzista. Razzista e fascista. Per pratica, cultura, trascorsi. Ma non è il padre dell’apartheid imposto da Israele nei Territori palestinesi occupati. Itamar Ben-Gvir ne è il figlio. Forse quello più degenerato, a comunque il figlio.

Alla base dell’apartheid

A spiegarlo, con la consueta passione civile e accuratezza giornalistica, è Haaretz, in un editoriale di grande efficacia analitica e denuncia politica. “Il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir non è il padre dell’apartheid israeliano. Semmai sarebbe più corretto dire che ne è il figlio. Dal modo in cui pensa, parla e agisce, è evidente che la lingua dell’apartheid è la sua lingua madre. Non ne conosce altre. È stato nutrito con la supremazia ebraica e oggi, in età adulta, ne incarna la visione del mondo. Mi dispiace Itamar, ma questa è la realtà.

Mercoledì di questa settimana, il ministro è stato ospite del notiziario di Channel 12 e, in quanto esponente della supremazia ebraica, ha colto l’occasione per diffondere la sua malattia. “Il mio diritto e quello di mia moglie e dei miei figli di percorrere le strade della Giudea e della Samaria è più importante della libertà di movimento degli arabi”, ha detto. Poi si è rivolto al giornalista Mohammad Magadli e ha aggiunto: “Scusa Muhammad, ma questa è la realtà, questa è la verità. Il mio diritto alla vita viene prima della libertà di movimento”.

L’ondata kahanista che ha investito Israele è torbida, brutta e minacciosa. Ma proprio per la sua visibile crudezza, sempre più israeliani si stanno svegliando e vedono il collegamento diretto tra l’impresa degli insediamenti, il concetto di supremazia ebraica e il colpo di stato giudiziario. Per decenni hanno potuto fingere che la democrazia israeliana fosse solida anche con l’occupazione, ma ora si stanno rapidamente rendendo conto: L’una non può convivere con l’altra. “La protesta sta arrivando alle radici del colpo di stato”: questo è il messaggio pubblicitario sponsorizzato dai leader della protesta, che invita a manifestare davanti alla casa di Ben-Gvir nell’insediamento di Kiryat Arba venerdì alle 11 del mattino.

Ben-Gvir è effettivamente uno dei principali motori del colpo di governo, ma ce n’è anche un altro, molto importante: gli insediamenti, la loro espansione, il loro mantenimento e il desiderio di annettere questi e tutti i territori occupati, senza concedere la cittadinanza israeliana ai milioni di palestinesi che vi abitano.

Leggi anche:  Israele, così è fallita la "Procedura Annibale"

Il risveglio di questa connessione è doloroso ma necessario. Inizialmente il movimento di protesta ha cercato di rimanere separato dalla lotta contro l’occupazione e il diritto all’autodeterminazione palestinese, ma ora i suoi leader stanno iniziando a capire che le due cose sono inseparabili. Il colpo di stato giudiziario è essenziale per il processo di consolidamento dell’apartheid e di rafforzamento della supremazia ebraica. Se la protesta raggiungerà le fonti del colpo di stato, allora la nostra speranza non è ancora persa”. 

Un’occasione preziosa

Di grande impatto è lo scritto di Larry Derfner,  giornalista e autore israelo-americano. Defne, oltre ad essere una delle firme di Haaretz,  e ha scritto per U.S. News & World Report, (London) Sunday Times, +972 Magazine e molte altre pubblicazioni. È autore di due memorie, “No Country for Jewish Liberals” (2017) e “Playing Till We Have to Go: Un’infanzia ebraica nei quartieri poveri di Los Angeles”. (2020).

“Bene, – scrive Derfner – seguiamo il consiglio del blocco di sinistra più duro che ha partecipato alle manifestazioni contro il colpo di stato, quello che scandiva “Una nazione che occupa un’altra nazione non sarà mai libera”, e facciamo in modo che la fine dell’occupazione sia l’obiettivo principale, o almeno in prima linea, delle proteste di massa. Cosa succederà?

Innanzitutto, i leader dell’opposizione Benny Gantz e Yair Lapid e i loro sostenitori non saranno più presenti.

Ovviamente non ci saranno nemmeno l’ex ministro della Difesa Avigdor Lieberman, che odia Netanyahu, e il suo gruppo. Non ci saranno nemmeno i leader in pensione dell’esercito, del Mossad, dello Shin Bet e della Polizia di Israele, né la maggior parte dei soldati di riserva che hanno assunto un ruolo così importante nel movimento di protesta.

L’intero centro e la destra moderata di Israele usciranno dal movimento e rimarranno solo la sinistra ebraica e alcuni cittadini arabi. Dal 2006, quando è diventato chiaro che il ritiro israeliano da Gaza non aveva fermato il lancio di razzi da parte dei militanti, questo gruppo ha visto le sue manifestazioni contro l’occupazione e a favore della pace ridursi da centinaia di migliaia a migliaia, a centinaia, a niente.

Per anni non ci sono state proteste significative contro l’occupazione perché quasi nessuno crede ancora che possano fare la differenza. Nella Knesset e alle elezioni, prima i laburisti centristi, poi il Meretz di sinistra hanno rinunciato alla causa. Non si vedono più né proteste, né partiti politici, né adesivi contro l’occupazione.

Leggi anche:  Cosa c'entra Anna Frank con la guerra di Gaza? Una riflessione da Israele

Eppure è questa la “forza” che la sinistra ideologica vuole vedere alla guida delle proteste anti-golpe. Vogliono prendere quello che è di gran lunga il più grande, il più determinato, il più riuscito, il più vitale movimento di massa della storia di Israele e attaccarlo a un cadavere.

Sono d’accordo: questa sarebbe la cosa più moralmente incontaminata da fare. L’occupazione è il peggior crimine che Israele sta commettendo o ha mai commesso. Rende amara l’affermazione che Israele è una democrazia, rendendo il canto dei manifestanti “dem-o-kratiya!” fondamentalmente ipocrita. Tutto vero.

Ma la lotta contro il colpo di stato giudiziario è politica e la politica è “l’arte del possibile” e porre fine all’occupazione – come abbiamo visto con sempre maggiore chiarezza dal 2006, quando i coloni e i loro alleati hanno preso costantemente il controllo del paese mentre il “campo della pace” si è prosciugato ed è stato spazzato via – non è più possibile, se non teoricamente.

Porre fine all’occupazione significa porre fine al dominio israeliano sui palestinesi, il che, in Cisgiordania, significa rimuovere l’IDF dal loro territorio, il che significa rimuovere centinaia di migliaia di coloni dalla Cisgiordania.

Ti sembra che questo sia in programma? Vuoi davvero sventolare questo striscione in testa alle proteste anti-golpe?

Al contrario, porre fine al colpo di stato giudiziario significa solo convincere il governo a ritirare la legge sul colpo di stato giudiziario. Basta dimenticare, come se non fosse mai successo. Nessuno viene sradicato dalla propria casa, non si ridisegnano i confini, non si pagano decine di miliardi di risarcimento, non si mettono sottosopra Israele e il Medio Oriente. Basta che il governo si renda conto di aver commesso un errore, abbandoni l’idea e vada avanti.

E le proteste non hanno fatto incredibili progressi verso questo obiettivo? A questo punto, la domanda da porsi è se il Primo Ministro Benjamin Netanyahu si sia arreso e abbia intenzione di far procedere lentamente l’iter legislativo del colpo di stato solo per evitare una rivolta da parte dei suoi pazzi, oppure se sia ancora davvero intenzionato a far passare questa cosa. Io credo che sia la prima.

Netanyahu non è pazzo, questa politica non ha raccolto altro che disastri per lui su tutti i fronti, l’opposizione non sta svanendo come si aspettava e i suoi pazzi non hanno un posto dove andare se lasciano il suo governo. Penso che i manifestanti stiano vincendo, il governo stia perdendo e il colpo di stato giudiziario stia per finire nella pattumiera della storia.

Leggi anche:  Gaza, nuova strage di civili palestinesi durante i raid di Israele: 16 morti e decine di feriti

Ma l’occupazione è ancora qui e diventa sempre più forte. Le proteste non l’hanno scalfita. Il movimento di protesta non può continuare a ignorare l’occupazione”, ha scritto di recente Ayman Odeh, legislatore arabo e capo del partito Hadash, su Haaretz: “Dopo tutto, la ragione di fondo per cui si cerca di mandare in frantumi il sistema giudiziario, la società civile e i confini democratici è quella di dare al fascismo mano libera nei territori, al fine di perpetrarvi crimini orribili senza alcuna interferenza”.

Esattamente. Immagina quanto sarebbero peggiorate le cose per i palestinesi se le proteste fossero fallite, il colpo di stato giudiziario fosse riuscito e la Corte Suprema fosse stata castrata come previsto.

Questo è ciò che sarebbe successo se la sinistra intransigente avesse avuto la meglio e la protesta si fosse trasformata in un movimento anti-occupazione, che non avesse avuto tutti quei grandi nomi dell’establishment della sicurezza e tutti quei soldati, che molto probabilmente non avrebbe scelto la bandiera israeliana come simbolo, che Netanyahu avrebbe potuto bollare con successo come “di sinistra”. Se ciò fosse accaduto, la protesta sarebbe fallita mesi fa.

Le conseguenze sarebbero state non solo la distruzione di ciò che resta della democrazia israeliana, cioè la democrazia di cui godono i 9 milioni di cittadini israeliani che vivono all’interno della Linea Verde, ma anche il rapido peggioramento dell’occupazione.

E mentre i palestinesi stavano sopportando il peso del colpo di stato giudiziario in Cisgiordania e a Gaza, chi sarebbero state le principali vittime in Israele? I cittadini arabi, ovviamente. Cosa avrebbe detto allora Ayman Odeh?

Mi piacerebbe che l’occupazione finisse e che Israele fosse una democrazia a tutti gli effetti, e ho la netta sensazione che anche la maggior parte dei leader della protesta lo vorrebbe.

Ma quando la scelta è così evidente tra il tenersi la mezza pagnotta che si ha e il buttarla via per niente, mi tengo stretta quella metà e ringrazio Dio che il movimento di protesta, nella sua saggezza, abbia scelto proprio questa strategia”.

Native

Articoli correlati