Israele-Palestina: la speranza sono quelle 160 Ong e i "Combattenti per la pace" dei due campi
Top

Israele-Palestina: la speranza sono quelle 160 Ong e i "Combattenti per la pace" dei due campi

In Medio Oriente una pace giusta, vera, duratura, o cresce dal basso o non sarà. O coinvolge le società civili dei due campi, o non sarà.

Israele-Palestina: la speranza sono quelle 160 Ong e i "Combattenti per la pace" dei due campi
Pace in Terra Santa
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

13 Maggio 2024 - 14.08


ATF

Chi scrive, ha iniziato a raccontare il conflitto israelo-palestinese dalla fine del 1987, dall’inizio della prima Intifada, la “rivolta delle pietre”, una grande rivolta popolare che impose la questione palestinese all’attenzione del mondo. D’allora sono passati 34 anni, tante guerre, la speranza di Oslo, l’assassinio di Rabin, la morte, sospetta, di Yasser Arafat… Tante domande, una certezza: la pace, quella vera, giusta, duratura, non potrà mai essere imposta dall’esterno e calata dall’alto. Una pace giusta, vera, duratura, o cresce dal basso o non sarà. O coinvolge le società civili dei due campi, o non sarà. 

Un appello importante

Per questo, ritengo di grande importanza, e speranza, l’appello ai capi di stato e di governo del G7 rivolto da 160 ong palestinesi e israeliane.

“Cari capi di governo del G7, a nome delle oltre 160 organizzazioni di peacebuilding israeliane e palestinesi che compongono l’Alleanza per la Pace in Medio Oriente (ALLMEP), e di altre che sono solidali con questa comunità, vi scriviamo oggi per sollecitarvi a includere nel prossimo comunicato dei leader del G7 un linguaggio che sottolinei l’importanza del lavoro di peacebuilding della società civile come parte integrante di qualsiasi processo fattibile per porre fine al conflitto israelo-palestinese.

Con livelli di violenza, trauma e distruzione mai visti prima, vi chiediamo di affrontare il conflitto israelo-palestinese in modo più completo di quanto abbiamo visto fare in precedenza.

In qualità di sostenitori di lunga data della pace, vediamo la recente, orribile ma evitabile, escalation del conflitto violento come una chiara indicazione del fallimento della comunità internazionale nel sostenere adeguatamente le iniziative di costruzione della pace della società civile. Grazie a successivi studi accademici, sappiamo che tali programmi – che costruiscono relazioni significative tra israeliani e palestinesi e sono basati su un impegno condiviso per la pace, la sicurezza e l’uguaglianza per entrambi i popoli – distruggono e ribaltano gli atteggiamenti e le convinzioni che alimentano il conflitto.

La pace, per durare, deve essere costruita dalle fondamenta. Eppure, in tutti i precedenti cicli di diplomazia israelo-palestinese è mancata una strategia “dal basso verso l’alto”. Per garantire il successo di qualsiasi iniziativa diplomatica, i negoziati dall’alto verso il basso tra i leader devono essere affiancati questa volta da un processo di costruzione della pace a livello sociale tra israeliani e palestinesi, ancora più critico ora considerando il trauma e la polarizzazione causati dalla violenza senza precedenti degli ultimi mesi.

Per questo motivo, noi – costruttori di pace della società civile israeliana e palestinese e i nostri partner in tutto il mondo – raccomandiamo che il Vertice di Puglia apra un nuovo terreno per il sostegno multilaterale e una nuova centralità per la costruzione della pace da parte della società civile – una priorità di consenso che non dipende dalle questioni più complesse attualmente in discussione e che creano divisioni e ritardi. Nello specifico, raccomandiamo ai leader del G7 di inserire nel comunicato dei leader un linguaggio che impegni gli Stati del G7 e altri partner graditi a collaborare alla costruzione della pace della società civile come parte di un approccio coordinato e multilaterale alla risoluzione dei conflitti. In particolare, raccomandiamo l’inserimento del seguente testo, che allinea il G7 con la più recente comunicazione del Quartetto, delle Nazioni Unite e di alcuni Stati membri del G7:

Leggi anche:  Israele: il Likud accusa i manifestanti anti-Netanyahu di essere un ramo di Hamas

“Affermiamo il nostro impegno a collaborare a livello multilaterale – e con altri partner internazionali – per coordinare strettamente e istituzionalizzare il nostro sostegno agli sforzi di costruzione della pace della società civile. Assicurandoci che tali sforzi siano parte di una strategia più ampia per costruire le basi necessarie per una pace negoziata e duratura tra Israele e Palestina”.

Non può esistere una pace sostenibile senza la massa critica di individui e gruppi in Israele e Palestina in grado di sostenere e supportare un accordo diplomatico. Siamo lieti di ricevere la tua risposta e il tuo impegno a sostenere la pace e il partenariato israelo-palestinese”.

Una Memoria violata

Il coraggioso editoriale di Haaretz: “Nell’ottobre 2017, durante una sessione di studio della Torah presso la residenza del primo ministro a Gerusalemme, Benjamin Netanyahu ha sorpreso i partecipanti con un terribile avvertimento sul futuro di Israele. “La nostra esistenza non può essere data per scontata”, ha detto. “Lo stato asmoneo è durato circa 80 anni e noi dobbiamo superarlo”. Ha promesso di fare tutto il possibile per difendere Israele in modo che possa arrivare a 100 anni.

Ma come al solito ha fatto il contrario di ciò che aveva promesso. Invece di proteggere Israele, ha agito per indebolirlo e smantellarlo, al punto che, per la prima volta, il suo futuro è in dubbio.

Da quando è tornato al potere a capo del governo di kahanisti e haredim, la missione principale di Netanyahu è stata quella di smantellare la democrazia e trasformare Israele in un’autocrazia religiosa, cancellando al contempo l’esistenza e i diritti dei palestinesi.

Non ha tenuto conto degli avvertimenti sul fatto che la revisione giudiziaria avrebbe indebolito Israele e portato a una guerra su più fronti, ed è caduto a occhi aperti nella trappola che il leader di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, gli ha teso con il massacro del 7 ottobre. Dal momento in cui è scoppiata la guerra, Netanyahu ha fatto della sua sopravvivenza politica l’obiettivo supremo, subordinando ad essa la sicurezza, l’economia e la posizione internazionale dello Stato, che si sta sempre più deteriorando.

Rifiuta di assumersi la responsabilità del fallimento e continua a seminare discordia, a dividere l’opinione pubblica e a far avanzare la revisione del sistema giudiziario; con il suo rifiuto di qualsiasi accordo negoziato per il “giorno dopo” a Gaza e la sua insistenza su un’operazione militare a Rafah, sta portando Israele a un disastroso confronto con gli Stati Uniti.

I risultati sconfortanti della negligenza di Netanyahu sono evidenti su tutti i fronti. I 132 ostaggi stanno affrontando sofferenze indescrivibili nei tunnel di Hamas. Le comunità vicino ai confini di Gaza e del Libano sono state abbandonate e nessuno sa se e quando gli israeliani vi faranno ritorno. La vitale rotta di navigazione verso Eilat è bloccata. Le compagnie aeree straniere hanno smesso di volare da e per Israele. Il rating creditizio di Israele è sceso e l’inflazione e il deficit di bilancio stanno per impennarsi. L’Iran si è sentito sufficientemente sicuro da lanciare centinaia di missili e droni esplosivi contro Israele, che non poteva difendersi da solo. Israele è accusato di genocidio e Netanyahu è candidato a un mandato di arresto internazionale. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha bloccato alcune spedizioni di armi all’esercito e la sua amministrazione ha dichiarato che è “ragionevole valutare” che Israele abbia violato il diritto internazionale a Gaza. I coloni, con l’incoraggiamento del governo, hanno intrapreso una campagna di distruzione e vendetta contro i palestinesi in Cisgiordania.

Leggi anche:  In Israele Netanyahu dichiara guerra ai vertici militari

Ma prima che Israele continui la sua galoppata verso la realizzazione dell’avvertimento di Netanyahu di non raggiungere la durata di vita dell’antico stato asmoneo, il primo ministro può ancora compiere un passo fondamentale per salvarlo. Deve dimettersi, assumersi la responsabilità della calamità del 7 ottobre e dei fallimenti della guerra e liberare Israele dai pericoli del suo governo dell’orrore. Questa è l’unica possibilità per porre fine alla guerra e riparare lo Stato e le sue relazioni estere, in modo che possa sopravvivere per celebrare il suo centenario”.

L’insopportabile peso del presente

Lo declina, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Allison Kaplan Sommer: “Ogni anno, in quello che è forse il momento più unico dell’anno per Israele, il passaggio dal lutto del Giorno della Memoria per i soldati caduti e le vittime del terrorismo lascia il posto a una festosa cerimonia del Giorno dell’Indipendenza.

Uno dopo l’altro, i premiati accendono le torce che simboleggiano i loro successi e le glorie dello Stato – la tristezza e le lacrime si trasformano in gioia e celebrazione – mentre cantanti e ballerini si esibiscono in una performance di gala per i dignitari sul Monte Herzl a Gerusalemme.

Se la transizione è sempre stata un po’ imbarazzante, quest’anno il rituale è indiscutibilmente inappropriato e fuori luogo. Sono passati sette mesi dal devastante attacco terroristico del 7 ottobre che ha causato almeno 1.200 vittime e ha scatenato la devastante guerra di Gaza. Ogni giorno il bilancio delle vittime aumenta e l’obiettivo della “vittoria totale” su Hamas sembra sempre più vuoto.

Nessuno ha voglia di fare festa, soprattutto se ospitata da un governo così impopolare. La cerimonia ufficiale è stata drasticamente ridimensionata e si terrà senza pubblico, non tanto per rispetto nei confronti di coloro le cui vite sono state alterate quest’anno, quanto per evitare i fischi e le proteste per la guerra e la rabbia del pubblico per la crisi degli ostaggi.

Per le famiglie degli israeliani tenuti in ostaggio a Gaza, l’idea di festeggiare il Giorno dell’Indipendenza è comprensibilmente impensabile. Un gruppo di donne appartenenti alla cerchia delle famiglie degli ostaggi ha quindi deciso di sfruttare l’occasione per fare una dichiarazione con una cerimonia alternativa fissata per lunedì, la sera tra il Giorno della Memoria e il Giorno dell’Indipendenza.

Leggi anche:  Abu Mazen chiede l'aiuto dell'Onu perché Israele lasci entrare gli aiuti umanitari dai valichi di Gaza

“Sentiamo il bisogno di commemorare il momento dal ricordo all’indipendenza in un modo che ci permetta di dire che stiamo vivendo in una realtà diversa”, ha detto Abbey Onn in una conversazione sul Podcast di Haaretz.

Onn è un membro della famiglia Calderon, che è stata lacerata dall’attacco del 7 ottobre. Due membri della sua famiglia sono stati uccisi e tre membri della famiglia, Ofer Calderon e i suoi due figli, sono stati presi in ostaggio. I bambini, Erez di 12 anni e Sahar di 16 anni, sono stati rilasciati nell’accordo sugli ostaggi di novembre. Ofer è ancora prigioniero di Hamas.

Onn dice che le famiglie degli ostaggi e gli altri che hanno sofferto dal 7 ottobre hanno bisogno di un momento che permetta loro di condividere il loro dolore e il loro trauma, la loro realtà cambiata e gli sforzi della nazione “per guarire e ricostruire”, cosa che non accadrà, sottolinea Onn, finché gli ostaggi non torneranno a casa.

Ciascuno dei membri della famiglia che parteciperà a questa nuova cerimonia alternativa lunedì sera, ha detto, sta “spegnendo una fiamma – spegnendo la fiamma del loro trauma e del loro dolore, della loro rabbia e della loro tristezza, e poi accendendo una nuova fiamma per dire che stiamo costruendo una nuova realtà insieme e che dobbiamo rafforzarci a vicenda”.

Oltre alla nuova cerimonia, anche una cerimonia alternativa alle commemorazioni governative, vecchia di 19 anni, è stata radicalmente modificata.

La cerimonia annuale e solitamente controversa del Memoriale congiunto israelo-palestinese, creata da Combatants for Peace e dal Parents Circle, che si tiene all’inizio del Giorno della Memoria, ha attirato 15.000 partecipanti di persona e 200.000 spettatori online nel 2023.

Quest’anno, però, l’evento è stato preregistrato e si è svolto solo online, poiché i palestinesi della Cisgiordania non possono entrare in Israele per partecipare all’evento, in seguito alla cancellazione dei permessi dopo il 7 ottobre. Inoltre, come ha dichiarato Carly Rosenthal di Combatants for Peace nel podcast, l’atmosfera tesa e i “rischi per la sicurezza” hanno reso difficile trovare un luogo in cui tenere l’evento.

Nonostante l’inevitabile disperazione, osserva Rosenthal, la cerimonia offre una “visione di come potrebbe essere il giorno dopo la guerra, quando israeliani e palestinesi potranno effettivamente vivere insieme, sostenersi a vicenda e vedere la comune umanità”.

Entrambe le cerimonie sono nate dal dolore e, sebbene siano molto diverse tra loro, potrebbero essere un segnale del fatto che sempre più israeliani non prenderanno parte alle cerimonie ufficiali del Giorno della Memoria e del Giorno dell’Indipendenza, orchestrate da un governo dal quale dissentono”.

Centosessanta Ong, i Combattenti per la pace, Parents Circle. Sono loro la speranza di un futuro di pace. 

Native

Articoli correlati