Navalny ai giudici: "La mia Russia sta annaspando in una pozzanghera di sangue"
Top

Navalny ai giudici: "La mia Russia sta annaspando in una pozzanghera di sangue"

La mia Russia sta annaspando in una pozzanghera di fango o sangue, con le ossa rotte, con una popolazione povera e derubata, e decine di migliaia di persone che sono morte nella guerra più stupida e insensata del 21esimo secolo

Navalny ai giudici: "La mia Russia sta annaspando in una pozzanghera di sangue"
Preroll

globalist Modifica articolo

20 Luglio 2023 - 18.23


ATF

Uno stralcio dell’intervento fatto da Navalny davanti al pubblico ministero che per lui ha chiesto 20 anni di carcere, per “estremismo”. Parole che sono un atto d’amore per la Russia:                                                                                                           

“La mia Russia sta annaspando in una pozzanghera di fango o sangue, con le ossa rotte, con una popolazione povera e derubata, e decine di migliaia di persone che sono morte nella guerra più stupida e insensata del 21esimo secolo. Ma prima o poi risorgerà. E dipende da noi su cosa farà affidamento in futuro…

Amo la Russia. Il mio intelletto mi dice che vivere in un Paese libero e prospero è meglio che vivere in uno corrotto e impoverito. E quando sono qui e guardo questo tribunale, la mia coscienza dice che non ci sarà giustizia in un tribunale del genere per me o per chiunque altro. Un Paese in cui non esiste un processo equo non diventerà mai prospero. Quindi, ora l’intelletto dice di nuovo, sarà ragionevole e corretto da parte mia lottare per un sistema giudiziario indipendente, elezioni eque, per essere contro la corruzione, perché allora raggiungerò il mio obiettivo e sarò in grado di vivere nella mia Russia libera e prospera..E allo stesso modo, perché un Paese nuovo, libero, ricco possa nascere, deve avere dei genitori, chi lo vuole, chi lo aspetta e chi è pronto a fare qualche sacrificio per la sua nascita, rendendosi conto che ne vale la pena…

Leggi anche:  In Russia si ricorda il compleanno di Navalny tra intimidazioni e repressione

Sono accusato di incitare all’odio nei confronti di rappresentanti delle autorità e dei servizi speciali, giudici e membri del partito Russia Unita. Ma no, non sto fomentando l’odio. Ricordo solo che l’uomo ha due gambe: coscienza e intelletto. E quando ti stancherai di scivolare con questo potere, spezzandoti la fronte e il futuro, quando finalmente capirai che il rifiuto della coscienza alla fine porterà alla scomparsa dell’intelletto, allora, forse, starai su quelle due gambe su cui una persona dovrebbe stare, e insieme saremo in grado di avvicinare la Bella Russia del Futuro”.

Native

Articoli correlati