Polonia e paesi Baltici chiudono le frontiere ai cittadini russi: limiti e restrizioni
Top

Polonia e paesi Baltici chiudono le frontiere ai cittadini russi: limiti e restrizioni

Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia hanno concordato un approccio comune ed esprimono la volontà politica e la ferma intenzione di introdurre misure temporanee nazionali per i cittadini russi in possesso di un visto Schengen

Polonia e paesi Baltici chiudono le frontiere ai cittadini russi: limiti e restrizioni
Il confine tra Russia e Estonia
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Settembre 2022 - 18.49


ATF

No ai turisti russi: la decisione era nell’aria ed è arrivata: dal 19 settembre Polonia, Lettonia, Lituania ed Estonia introdurranno restrizioni all’ingresso nei loro Paesi dei cittadini russi con visto Schengen, secondo una dichiarazione congiunta dei primi ministri di questi paesi.

«Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia – si legge nella nota – hanno concordato un approccio regionale comune ed esprimono la volontà politica e la ferma intenzione di introdurre misure temporanee nazionali per i cittadini russi in possesso di un visto dell’Ue, al fine di affrontare le minacce imminenti per l’ordine pubblico e la sicurezza e limitare l’ingresso nell’area Schengen dei cittadini russi che viaggiano per scopi turistici, culturali, sportivi e d’affari».

Il documento sottolinea che le restrizioni non implicano un divieto totale di ingresso. «Abbiamo convenuto che le esenzioni legali rimarranno in vigore per i dissidenti, in caso di questioni umanitarie, per i familiari, titolari di permessi di soggiorno, per la fornitura di servizi di carico e trasporto, missioni diplomatiche, transito facilitato di persone nella regione di Kaliningrad e in altri casi».

Leggi anche:  Oleg Orlov condannato a due anni e mezzo di carcere per aver denunciato la guerra in Ucraina
Native

Articoli correlati