Top

Ucraina, l'assalto dei russi a Severodonetsk: "Bruciati interi villaggi"

Un missile russo ha colpito nella notte un sobborgo della città settentrionale ucraina di Sumy, causando quattro morti e sei feriti, ha riferito il governatore regionale Dmytro Zhyvytskyi.

Ucraina, l'assalto dei russi a Severodonetsk: "Bruciati interi villaggi"

globalist

16 Giugno 2022 - 09.37


Preroll

Prosegue l’assalto delle forze russe nell’est dell’Ucraina, con Severodonetsk che è diventato il fulcro delle strategie di Mosca. “L’esercito russo continua nell’assalto a Severodonetsk anche questa mattina. I nostri militari si stanno difendendo. Le truppe di Mosca stanno bruciando i villaggi delle comunità di Hirska e Popasnyanska. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Ieri abbiamo respinto un altro assalto a Toshkivka, dove la distruzione aumenta di giorno in giorno, così come a Viktorivka, Novoivanivka, Vovchoyarivka, Nyrkovo e altri insediamenti. Solo a Hirske sono state colpite 12 abitazioni nel corso della giornata”. Lo ha dichiarato in un aggiornamento il capo dell’Amministrazione militare regionale di Lugansk Sergiy Gaidai, riporta Ukrinform.

Middle placement Mobile

“Severodonetsk è un punto chiave nel sistema operativo di difesa della regione di Lugansk – ha detto Gaidai –  questo è stato confermato ieri dal Comandante in Capo delle Forze Armate dell’Ucraina. L’esercito russo perde centinaia di soldati, poi trova le riserve e continua a distruggere Severodonetsk. Ieri hanno colpito il territorio di una fabbrica di fibra di vetro e di un ex impianto di misurazione. Pavlograd e Synetsky sono state bombardate di nuovo”.

Dynamic 1

Un missile russo ha colpito nella notte un sobborgo della città settentrionale ucraina di Sumy, causando quattro morti e sei feriti, ha riferito il governatore regionale Dmytro Zhyvytskyi, citato dal Guardian. Un altro razzo ha colpito il distretto di Dobropillia, che si trova vicino al confine russo alle 5 del mattino di oggi, seguito da 26 colpi di mortaio sparati da oltre il confine. Il consigliere presidenziale Anton Herashenko ha confermato la notizia su Telegram: “Ieri sera gli occupanti hanno sparato a Glukhov, nella regione di Sumy, dagli elicotteri. Purtroppo, secondo i dati preliminari, ci sono perdite tra la popolazione locale”.

Le vittime civili dal 24 febbraio, giorno dell’inizio della guerra della Russia contro l’Ucraina, al 14 giugno, ammontano a 9.983 civili, di cui 4.452 morti, secondo l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani dell’Onu. “L’ornganismo delle Nazioni Unite ritiene che le cifre effettive siano molto più alte, poiché le informazioni da alcuni luoghi dove sono in corso intensi combattimenti sono state ritardate e molti rapporti sono ancora in attesa di conferma”, si legge nel documento. 

Dynamic 2

Questo vale, ad esempio, per Mariupol (regione di Donetsk), Izyum (regione di Kharkiv) e Popasna (regione di Luhansk), dove si registrano numerose vittime civili. In queste città sono in corso ulteriori verifiche. “La maggior parte deli morti e dei feriti tra i civili è stata causata dall’uso di ordigni esplosivi con una vasta area di distruzione, inclusi bombardamenti di artiglieria pesante e lanciarazzi multipli, nonché missili e attacchi aerei”, si legge nella nota.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile