Top

Gerusalemme come Abu Ghraib: storie di torture e torturati

Quando un Paese che si dice l’”unica democrazia in Medio Oriente”, usa lo strumento della tortura che tutto è meno che “democratico”. Leggere per credere.

Gerusalemme come Abu Ghraib: storie di torture e torturati
Yazan al-Rajbi, 21 anni, e suo cugino Mohammed al-Rajb torturati dagli israeliani

globalist

25 Maggio 2022 - 17.39


Preroll

Gerusalemme, con i suoi terminali passati in Sud Libano, come Abu Ghraib. Ovvero, quando un Paese che si dice l’”unica democrazia in Medio Oriente”, usa lo strumento della tortura che tutto è meno che “democratico”. Leggere per credere.

OutStream Desktop
Top right Mobile

La storia dei fratelli al-Rajbi

Middle placement Mobile

Una storia esemplare che è al centro di un coraggioso editoriale di Haaretz: “La testimonianza di due giovani palestinesi di Gerusalemme Est su ciò che accade nelle stanze degli interrogatori dello Shin Bet indica che l’agenzia di sicurezza continua a usare pratiche proibite che potrebbero includere la tortura. I due, Yazan al-Rajbi, 21 anni, e suo cugino Mohammed al-Rajbi, 19 anni, sono stati arrestati con il sospetto di aver lanciato pietre contro la polizia e sono stati interrogati dallo Shin Bet per più di un mese finché non hanno confessato le accuse. Sono stati condannati a otto mesi di prigione. Ciò che li ha convinti a confessare, hanno detto, è stata una serie di pratiche vietate che sono inaccettabili in un Paese democratico.

Dynamic 1

‘Gli investigatori mi hanno lasciato legato a una sedia con le mani ammanettate dietro di me e le gambe ammanettate davanti’, ha raccontato. ‘Sono rimasto così per due giorni, senza andare in bagno, senza bere e senza mangiare’, ha raccontato Yazan al-Rajbi. Dopo alcuni giorni di interrogatorio, gli interroganti hanno ricevuto un filmato di sicurezza che provava che lui era da un’altra parte quando sono state lanciate le pietre, come aveva raccontato. “Invece di rilasciarmi, hanno iniziato a interrogarmi su un altro caso di lancio di pietre avvenuto cinque giorni dopo il primo”, racconta. ‘Ho chiesto di portarmi il telefono per poter dimostrare che non ero lì in quel momento, ma l’investigatore si è rifiutato e mi ha dato del bugiardo. Mi hanno interrogato per diversi giorni, ogni volta per 17 o 19 ore di fila’. 

Tra una sessione e l’altra, al-Rajbi è stato messo in isolamento in una stanza che lui e altri hanno stimato essere grande circa un metro per due. Dicono che il soffitto basso rende impossibile stare in piedi. Durante un altro interrogatorio, al-Rajbi ha detto che gli inquirenti lo hanno messo in un mobile di legno basso. ‘La mia testa era tra le mie gambe, che erano ammanettate”, ha detto. ‘Le mie mani erano ammanettate dietro di me’. Le torture e gli abusi sono continuati. Alla fine è crollato e ha confessato, a riprova del fatto che la tortura spesso porta a false confessioni (Nir Hasson, Haaretz, 23 maggio). Mohammed, il cugino di Yazan, ha raccontato di torture simili.

Dynamic 2

Già nel 1999, l’Alta Corte di Giustizia ha stabilito che lo Shin Bet non è autorizzato a utilizzare mezzi fisici di coercizione durante gli interrogatori, tra cui l’attesa nella posizione “Shabach” (che comporta “l’ammanettamento del sospetto, il farlo sedere su una sedia bassa, il coprirgli la testa con un sacco e la riproduzione di musica ad alto volume nell’area”), la ‘rana accovacciata’ (“accovacciamenti consecutivi e periodici sulla punta dei piedi, ciascuno della durata di cinque minuti”) e la privazione del sonno. L’Alta Corte ha lasciato una stretta apertura nei casi di ‘bomba a orologeria’, ma ha chiarito che, anche in questi casi, la ‘necessità’ non è una fonte di autorità per l’uso di questi metodi di interrogatorio – potrebbe servire solo per la difesa di un interrogatore se quest’ultimo viene perseguito. Ma questo caso non era una “bomba a orologeria”. Il reato commesso da uno dei due giovani è stato quello di aver lanciato alcune pietre e dall’altro quello di averne lanciata una, e lo Shin Bet li ha presumibilmente torturati per ottenere una confessione di un reato già commesso.

Leggi anche: Abu Ghraib

Dynamic 3

L’unità che indaga sui reclami dei sospetti interrogati deve esaminare questo caso, ma non è sufficiente. Il caso attuale è un’ulteriore prova della necessità di ampliare la documentazione video, anche degli interrogatori dello Shin Bet. Inoltre, è giunto il momento di approvare una legge completa contro la tortura, perché finché ci sarà la possibilità di interpretare la legge per consentire la tortura, la tortura continuerà”, conclude l’editoriale di Haaretz.

Quei precedenti inquietanti.

Dynamic 4

A darne conto, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, è Ofer Aderet, in un reportage-inchiesta di straordinara efficacia. Scrive Aderet: “La folgorazione di una detenuta, l’interrogatorio di donne da parte di due uomini, la fame, la negazione di cure mediche e la detenzione a tempo indeterminato senza processo: Questa settimana, per la prima volta, il servizio di sicurezza Shin Bet ha rivelato documenti d’archivio che illustrano le dure condizioni subite dai prigionieri arabi in un carcere costruito da Israele in Libano, che ha operato fino al ritiro nel 2000.

Alcuni attivisti per i diritti umani avevano presentato una petizione all’Alta Corte di Giustizia tramite l’avvocato per i diritti umani Itay Mack per ordinare allo Shin Bet di declassificare i documenti. Secondo gli attivisti, i documenti registrano “torture e punizioni crudeli e disumane” nella prigione.

Dynamic 5

“Insieme all’Esercito del Libano del Sud (Els), le Forze di Difesa Israeliane e lo Shin Bet hanno gestito una struttura di detenzione e tortura come quelle delle dittature militari in America Latina”, ha dichiarato Mack ad Haaretz.

“Le torture inflitte nella prigione di Khiam sono un crimine contro l’umanità”, ha dichiarato Mack. “I documenti che sono stati rivelati grazie alla petizione sono scioccanti e costituiscono solo un piccolo scorcio dell’inferno che si è consumato lì. Continueremo a lottare finché tutti i documenti non saranno resi disponibili al pubblico e i responsabili di questi orrori non saranno assicurati alla giustizia”.

La prigione di Khiam è stata costruita nel 1985 vicino all’omonimo villaggio, che si trova nel sud del Libano, pochi chilometri a nord del confine israeliano. Tre anni prima, alla fine della Prima guerra del Libano, Israele si era ritirato dal Libano, ma l’Idf rimase ad operare nella “zona di sicurezza” istituita nel sud del Paese, dove fu costruita la prigione.

Il primo dei procedimenti legali per scoprire i documenti avrà luogo all’inizio di aprile, ma lo Shin Bet ha permesso la pubblicazione di parte del materiale questa settimana. Una parte consistente dei documenti rivelati è ancora censurata, per cui non è possibile leggerne ampie sezioni.

Uno dei documenti, un rapporto del 1987 intitolato “La struttura di Khiam – una valutazione della situazione”, è ancora in gran parte censurato. Da quel poco che è stato possibile pubblicare si apprende che lo Shin Bet sosteneva che la prigione “svolgeva un ruolo significativo nell’attività di prevenzione” e che era gestita da interrogatori dell’Els addestrati dall’Idf e dallo Shin Bet”.

Sotto la voce “Varie”, lo stesso documento riporta che “non vengono raccolte confessioni da coloro che vengono interrogati in questa struttura, non vengono perseguiti, non c’è alcun ordine di detenzione nei loro confronti e il periodo di detenzione dipende dalla gravità dei loro atti, senza alcuna determinazione della durata della loro permanenza in carcere”. In altre parole, i detenuti rimangono lì per un periodo indefinito senza che venga condotto alcun procedimento legale nei loro confronti, in violazione del diritto internazionale.

Un altro documento, scritto a mano e senza informazioni sull’autore o sulla sua posizione, riguarda una detenuta che è stata interrogata perché sospettata di essere “legata a Hezbollah” e che “ha ricevuto elettricità nelle dita” – in altre parole, è stata torturata durante l’interrogatorio.

Un altro documento, sotto il titolo “Interrogatorio di donne”, riporta che “L’interrogatorio di una donna è condotto da un investigatore anziano con una poliziotta presente durante il corso dell’interrogatorio”. Tuttavia, “nel caso in cui non sia disponibile una poliziotta militare, l’interrogante riceverà un permesso speciale per interrogare la donna, con l’investigatore senior che la interroga mentre un altro investigatore è presente nella stanza”. Ciò significa che la donna sarebbe stata interrogata in presenza di due uomini. Altri documenti indicano che tra i detenuti c’erano decine di donne.

Un altro documento, scritto nel 1988, testimonia la fame di cui soffrivano i prigionieri nel carcere. “Stamattina il direttore della prigione locale ha riferito che ieri è scoppiato uno sciopero della fame nella prigione a causa della mancanza di cibo”, si legge. Il mittente e il destinatario della lettera sono censurati.

“Secondo il direttore del carcere, c’è davvero una carenza di cibo… attualmente il cibo viene fornito a 240 detenuti, mentre il numero di prigionieri è di 260”, si spiega. Secondo un altro documento, redatto nello stesso anno: “La prigione è molto affollata e di recente c’è stato persino uno sciopero della fame di un giorno a causa della mancanza di cibo!!!”.

Un altro documento, del 1997, parlava dei problemi medici di cui soffrivano i detenuti. Lo scrittore, il cui nome e la cui posizione sono censurati, riferisce di un incontro che ha avuto con una persona il cui nome e la cui posizione sono anch’essi censurati, apparentemente un responsabile per conto dell’Els. Durante l’incontro, “mi ha espresso la sua insoddisfazione per la soluzione dei problemi medici delle persone interrogate/prigioniere e per il fatto che, essendo sommersi da problemi medici, rimandiamo le decisioni sui rilasci”.

Il documento cita “una questione di responsabilità medica, che non è definita in modo chiaro e specifico”. Questo fa sì che ci siano detenuti “la cui salute è in pericolo” senza che il responsabile “ne sia consapevole e senza che riceva da noi un sostegno sufficiente per rilasciarli”. Il documento indica che un medico viene in carcere solo una volta alla settimana “o su invito specifico”. Il documento indica che, in casi eccezionali, lo Shin Bet ha fatto in modo di portare un medico israeliano in carcere, “per ricevere una diagnosi medica ‘in bianco e blu’ in casi che per noi sono delicati”.

In sintesi, il documento afferma che si tratta di “un problema doloroso” e che la fonte che lo ha segnalato sente “di non avere alcun sostegno nel caso in cui un detenuto muoia in carcere a causa di problemi medici o della mancata somministrazione delle cure raccomandate dal medico”. Secondo i documenti di Amnesty International, durante i 15 anni di attività della prigione, 11 detenuti vi sono morti. Non sono state pubblicate statistiche ufficiali dell’Idf o dello Shin Bet al riguardo. Secondo l’ultimo paragrafo del documento, lo Shin Bet “deve prendere decisioni che riducano le responsabilità, sia nostre che di [redacted] riguardo al mantenimento dei detenuti in prigione”.

In un altro documento, sempre del 1997, una fonte il cui nome e la cui posizione sono censurati scrive che “I problemi medici… sono noti da anni”. Tra l’altro, dice la stessa fonte, alcuni di essi derivano da “ogni sorta… di tentativi di essere rilasciati dalla prigione”. E aggiunge: “Dovremmo ricordare che non tutti i problemi di salute sono critici e richiedono il rilascio [del prigioniero], e anche le persone malate possono essere trattenute in carcere”. Il documento dice anche che “la decisione finale deve essere sempre quella delle nostre forze”, perché i libanesi “hanno interessi noti, che non sempre sono coerenti con i nostri”.

Secondo i documenti, nella prigione erano detenuti da 250 a 300 persone in qualsiasi momento. Appartenevano a diverse organizzazioni e partiti politici, tra cui Amal, Hezbollah, il Partito Comunista, Fatah, il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina. Altri appartenevano ad altre organizzazioni descritte come “non chiare”. I documenti rivelano anche conversazioni tenute da varie organizzazioni governative israeliane, che hanno trattato la legalità degli interrogatori di detenuti libanesi da parte di Israele in territorio libanese. Secondo un documento del 1996, Israele ha riconosciuto il “problema diplomatico/legale” dell’esistenza di una struttura di detenzione e interrogatori gestita da Israele in Libano. Il documento afferma che in un momento “in cui il governo israeliano ha formalmente dichiarato di ritirarsi dalla regione”, l’istituzione di tale struttura di detenzione è “un atto chiaramente governativo”.

La discussione di questo argomento ha avuto luogo dopo che lo Shin Bet ha chiesto al governo il permesso di interrogare i detenuti libanesi in Libano, a causa di quello che ha descritto come un deterioramento della situazione della sicurezza e della necessità di “ottenere, in modo efficiente e professionale, l’intelligence che probabilmente impedirà alcuni degli attacchi e risparmierà le vite dei soldati dell’Idf e dell’Els”. Secondo il documento, l’allora avvocato generale militare Uri Shoham ha sottolineato che la proposta di consentire allo Shin Bet di interrogare i detenuti in Libano “non è esente dal problema principale – la responsabilità che Israele si sta assumendo semplicemente conducendo un’indagine da parte di organizzazioni israeliane”.

Un altro documento, non datato, riporta che il consulente legale – apparentemente il consulente dello Shin Bet, il cui titolo completo è censurato – “ha esaminato la situazione legale, secondo la quale l’attività in Libano non è stabilita dalla legge, e ancor meno dall’aspetto del diritto internazionale e dall’aspetto pubblico”. Un’altra fonte ha dichiarato: “I test che possiamo aspettarci sono condizionati dal controllo giudiziario da un lato e dalla critica pubblica dall’altro”, e ha raccomandato: “Meno facciamo e più siamo attenti ai casi che trattiamo, e più il lavoro viene svolto in condizioni identiche a quelle con cui lavoriamo in Israele, minore è il pericolo di finire nei guai”.

Un altro documento, del 1997, riporta che il procuratore generale Elyakim Rubinstein “ha approvato in linea di principio la proposta congiunta dello Shin Bet e dell’Idf di consentire allo Shin Bet, a determinate condizioni e restrizioni, di interrogare i libanesi in Libano”.

Nel 1999 l’Associazione per i Diritti Civili in Israele e Hamoked – Centro per la Difesa dell’Individuo hanno presentato una petizione all’Alta Corte chiedendo il rilascio di alcuni detenuti dalla prigione di Khiam e la possibilità per gli avvocati dell’organizzazione di incontrare i detenuti. I firmatari hanno affermato che lo Shin Bet era coinvolto in ogni aspetto delle operazioni della prigione, ma come ha ricordato questa settimana l’avvocato Dan Yakir, consulente legale dell’Acri, “l’Alta Corte ha evitato di discutere la petizione e ha cercato un numero crescente di argomentazioni sulla questione della sua autorità di intervenire in ciò che stava accadendo fuori dai confini del Paese”.

Dan Halutz, capo della Direzione delle Operazioni dell’Idf e successivamente Capo di Stato Maggiore, ha presentato una dichiarazione giurata all’Alta Corte in cui affermava che non c’erano basi per le denunce di coinvolgimento israeliano nella gestione della prigione. Ha confermato che soldati dell’Idf e altri israeliani erano distaccati nella prigione, ma ha affermato che “non sono lì di routine”.

“I documenti rivelati ora dallo Shin Bet dimostrano quanto lo Shin Bet fosse profondamente coinvolto in tutti gli aspetti della gestione della prigione”, afferma Yakir. “Lo Shin Bet era a conoscenza delle condizioni disumane in cui venivano tenuti i detenuti e della scarsità di cibo; lo Shin Bet era a conoscenza delle torture subite dai detenuti durante gli interrogatori e conduceva lui stesso alcuni degli interrogatori”.

Yakir ha aggiunto: “Da un lato lo Shin Bet non voleva affidarsi al parere di un medico libanese, in modo che non ci fosse apparentemente un modo facile per rilasciare i detenuti dalla prigione, e dall’altro ha rifiutato di inviare un medico israeliano, nel tentativo di evitare la responsabilità per ciò che stava accadendo nella prigione”.

I documenti indicano che “l’Idf in generale e lo Shin Bet in particolare erano coinvolti fino al collo nel controllo della popolazione civile nel Libano meridionale e nell’imprigionamento illegale di centinaia di detenuti per un tempo illimitato senza alcuna base legale, senza revisione giudiziaria e in condizioni crudeli che includevano la tortura”.

Dalia Kerstein, ex direttrice esecutiva di Hamoked – Centro per la Difesa dell’Individuo e una delle firmatarie, ha dichiarato che “il crudele regime di occupazione condotto da Israele nel Libano del Sud, comprese le terribili torture nella prigione di Khiam, è una delle macchie nere sulla storia di Israele”. Ha aggiunto: “La partenza dal Libano non sarà completa finché lo Stato di Israele non rivelerà tutte le sue azioni in quel paese e finché la società israeliana non farà i conti con il suo passato”. Mentre la prigione stessa è diventata un museo, i documenti sulle azioni di Israele in quel luogo continuano ad essere nascosti al pubblico e i responsabili degli orrori continuano a vivere tra noi, senza essere chiamati a rispondere delle loro azioni”, conclude Aderet.

Se questa è una “democrazia”…

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage