"Gli Stati Uniti riconoscano la Palestina": il coraggio di un giornale dalla schiena dritta
Top

"Gli Stati Uniti riconoscano la Palestina": il coraggio di un giornale dalla schiena dritta

Un titolo secco, chiaro, che va al cuore del problema. A sviscerarlo è un editoriale di Haaretz

"Gli Stati Uniti riconoscano la Palestina": il coraggio di un giornale dalla schiena dritta
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

24 Aprile 2024 - 14.56


ATF

“Gli Stati Uniti devono riconoscere la Palestina”

Un titolo secco, chiaro, che va al cuore del problema. A sviscerarlo è un editoriale di Haaretz: “A prima vista, si tratta di misure importanti che riflettono un cambiamento nell’approccio degli Stati Uniti nei confronti dei simboli dell’occupazione, degli insediamenti, dell’apartheid e del kahanismo. L’amministrazione Biden sta imponendo sanzioni all’estremista di destra Benzi Gopstein e all’organizzazione Lehava, poche settimane dopo aver imposto sanzioni ai coloni violenti.

Per la prima volta, il governo degli Stati Uniti prevede sanzioni nei confronti del Battaglione Netzah Yehuda, il cui nome è stato collegato a diversi episodi di violenza estrema contro i palestinesi negli ultimi anni. Il più noto riguarda la morte di Omar Abdalmajeed As’ad, 80 anni, cittadino americano, dopo essere stato arrestato dai soldati del battaglione che lo hanno legato e poi picchiato, imbavagliato e bendato, gettato a terra e lasciato morire, a faccia in giù.

A quanto pare, queste misure hanno lo scopo di mostrare a Israele la strada da seguire se vuole continuare a godere della legittimità internazionale e della protezione speciale che riceve dal suo migliore amico al mondo, gli Stati Uniti. È il modo per stabilire i confini di Israele, letteralmente e metaforicamente: sì a una democrazia che rispetti il diritto internazionale e i diritti umani all’interno del suo territorio sovrano, no all’impresa degli insediamenti, al saccheggio e all’apartheid oltre la Linea Verde.

Queste mosse sono anche coerenti con la presunta insistenza dell’America sulla necessità che Israele accetti di discutere seriamente del “day after” a Gaza e di tornare ai negoziati per una soluzione a due stati”.

Alla luce di queste azioni, quindi, la decisione degli Stati Uniti di venerdì di porre il veto a una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che raccomanda l’ammissione dello Stato di Palestina come membro a pieno titolo delle Nazioni Unite non è chiara. Il viceambasciatore statunitense Robert Wood ha dichiarato al Consiglio di Sicurezza che il veto “non riflette l’opposizione alla creazione di uno Stato palestinese, ma è invece un riconoscimento del fatto che questo potrà avvenire solo attraverso negoziati diretti tra le parti”.

Si tratta di una spiegazione problematica, che esprime una posizione che alimenta il rifiuto di Israele di qualsiasi riconoscimento unilaterale di uno Stato palestinese; è strettamente legata al rifiuto della soluzione dei due Stati e al desiderio di annettere tutti i territori occupati senza concedere la cittadinanza ai palestinesi che vi abitano.

Il tentativo di dipingere la richiesta di adesione dei palestinesi alle Nazioni Unite come un sostituto dei negoziati tra le parti è una manipolazione israeliana. In primo luogo, perché non c’è contraddizione tra le due cose, ma soprattutto perché Israele non sta compiendo un solo passo che sembri far avanzare i negoziati diretti con il popolo palestinese, a nome del quale rifiuta il riconoscimento unilaterale.

Per 15 anni – dal 2009 – il Primo Ministro Benjamin Netanyahu si è astenuto da qualsiasi trattativa con il Presidente palestinese Mahmoud Abbas e ha fatto tutto il possibile per ostacolare gli sforzi dell’allora Segretario di Stato americano John Kerry per raggiungere un accordo durante l’amministrazione Obama.

Di conseguenza, non è affatto chiaro il motivo per cui gli Stati Uniti stiano abbracciando l’opposizione israeliana a una mossa che fa avanzare la soluzione diplomatica desiderata. Non c’è motivo per non riconoscere uno Stato palestinese accanto a Israele e allo stesso tempo lavorare per i negoziati volti a raggiungere una soluzione a due Stati. Solo in questo modo la soluzione avrà una possibilità”.

Le falsificazioni di Bibi e i precedenti storici 

Di grande spessore storico-politico è il report, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, a firma Dahlia Scheindlin.

Annota l’autrice: “Alla fine di gennaio, a più di tre mesi dall’inizio della guerra mediorientale per porre fine a tutte le guerre, il ministro degli Esteri israeliano, Israel Katz, ha partecipato a una riunione dei suoi omologhi dell’Unione Europea a Bruxelles.

Leggi anche:  Sanchez annuncia il riconoscimento dello Stato di Palestina e attacca Netanyahu nemico della pace

Mentre il responsabile della politica estera dell’UE, Josep Borrell, elaborava in modo cupo il suo piano in 10 punti per la soluzione dei due Stati, Katz proiettò un video di sette anni fa con immagini futuristiche di un’isola artificiale che proponeva di costruire al largo di Gaza, per fornire una pista di atterraggio, un terminal merci e soluzioni energetiche. Da allora, i diplomatici si sono infuriati per le fantasie di Katz sull’isola e io ho pensato a “Il lago dei cigni”, il simbolo sempreverde dell’illusione e della distrazione mentre l’impero sovietico si sgretolava.

Ora non più. Questa settimana Israele è improvvisamente inondato dalla febbre dello Stato palestinese. Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu sta trattando l’accelerazione degli sforzi degli Stati Uniti per far avanzare sia un cessate il fuoco che un grande accordo regionale che si basa su una soluzione a due stati, o lo spettro di altri paesi che riconoscono uno stato palestinese indipendente, come una nuova e scioccante minaccia esistenziale. Domenica ha fatto in modo che il suo governo esprimesse il suo categorico rifiuto dei “diktat internazionali”, ripetendo al contempo che uno stato palestinese sarebbe un premio per il terrorismo.

Come molte altre cose che Netanyahu pensa, si sbaglia di grosso sia sullo shock che sulla minaccia.

Per gli osservatori degli affari globali, anche solo degli ultimi 35 anni, la resurrezione dello Stato palestinese è sconvolgente solo se il globo che stai osservando rappresenta un altro pianeta. Mentre “Il lago dei cigni” andava in onda per tre giorni sulla televisione sovietica nel 1991, i violenti conflitti etno-nazionalistici stavano nascendo o stavano già scoppiando. Gruppi nazionali come i georgiani cercavano l’indipendenza da un breve secolo di dominio sovietico, mentre le minoranze subnazionali, come gli abkhazi o gli osseti, temevano le correnti nazionaliste delle nuove repubbliche indipendenti. Ognuno di loro chiedeva a gran voce l’autodeterminazione nazionale, sotto forma di Stato. Se non la ottenevano con un accordo, la ottenevano attraverso referendum, guerre o dichiarazioni, che qualcuno li ascoltasse o meno.

Allo stesso modo, le repubbliche dell’allora Jugoslavia temevano l’aumento virulento del nazionalismo dello stato più forte della loro unione e iniziarono a secedere. La furiosa federazione dominata dalla Serbia cannibalizzò i suoi ex partner nella “fratellanza e nell’unità” (come da slogan di Tito), pur di mantenerli. Le forze ultranazionaliste serbo-bosniache sostenute da Belgrado commisero persino un genocidio contro i musulmani bosniaci a Srebrenica; la Bosnia divenne comunque un proprio stato.

I palestinesi cercano uno stato limitato ai territori occupati dal 1988, quando l’Olp rinunciò al terrorismo e riconobbe Israele, anche se a malincuore. Ma gli stati spesso nascono nel sangue, quindi un processo di nascita innaturalmente lungo (36 anni e più) sta dissanguando tutti.

In questi casi, il salasso è spesso avvenuto in entrambe le direzioni. Il Tribunale Penale Internazionale per l’ex Jugoslavia ha trovato qualcuno da incriminare o punire tra tutte le principali parti in guerra. Per ogni armeno che ricorda il pogrom del 1988 contro di loro nella città di Sumgait, fuori Baku, in Azerbaigian, c’è un azero che ricorda gli attacchi armeni contro di loro a Khojali qualche anno dopo.

I palestinesi cercano uno stato limitato ai territori occupati dal 1988, quando l’Olp rinunciò al terrorismo e riconobbe Israele, anche se a malincuore. Ma gli stati spesso nascono nel sangue, quindi un processo di nascita innaturalmente lungo (36 anni e più) sta dissanguando tutti. Persino il Kosovo, l’ultimo conflitto irrisolto dell’ex Jugoslavia, ha lottato dal 1991 circa (il primo referendum sull’indipendenza) fino al 2008, quando ha dichiarato nuovamente l’indipendenza ed è diventato uno Stato a tutti gli effetti, tranne che per l’appartenenza all’Onu, nonostante i febbrili sforzi serbi per il suo de-riconoscimento (c’è un motivo per cui Serbia e Israele si piacciono).

Leggi anche:  Irlanda, Norvegia e Spagna riconoscono lo Stato di Palestina: Israele ritira gli ambasciatori dalle Capitali

È strano che Netanyahu, con la sua forte padronanza degli affari globali, abbia una visione ridotta quando si tratta di collocare i palestinesi in questo ampio contesto storico. Ad onor del vero, ha quasi superato la storia. Il processo di pace a due Stati è stato moribondo per oltre un decennio; gli ultimi colloqui del 2013-14 si sono conclusi con un mugugno e l’unico colpo è stato l’occasionale intercettazione di Iron Dome che ha fatto sentire gli israeliani al sicuro, a patto che ignorassero le sofferenze dei loro concittadini nel sud.

Nel frattempo, la società palestinese si è incancrenita. Le nazioni non smettono mai di desiderare la libertà e il tentativo di Israele di dipingere il mondo come fuori dal mondo per aver sostenuto uno stato palestinese è esso stesso spaventosamente fuori dal mondo.

Le argomentazioni sbagliate contro la Palestina

Alcune argomentazioni contro l’indipendenza della Palestina sono false o stupide. Prendiamo la decisione del governo di domenica che si scaglia contro le azioni unilaterali: è uno scherzo? Israele ha sostenuto l’unilateralismo per tutta la vita della maggior parte dei giovani, dallo smantellamento degli insediamenti israeliani a Gaza nel 2005 alla normalizzazione dell’annessione da parte della destra (l’annessione territoriale è unilaterale per definizione).

Netanyahu è stato il capofila recente: sotto la sua guida, il Likud si è impegnato ad annettere la Cisgiordania nel 2017; in seguito ha incoraggiato i partiti annessionisti radicali a fondersi e a vincere le elezioni israeliane; nel 2020, Netanyahu ha praticato il doppio unilateralismo, dichiarando l’intenzione di Israele di annettere parti della Cisgiordania senza l’approvazione palestinese né, a quanto pare, americana (né di nessun altro Paese).

In effetti, il riconoscimento della Palestina non è affatto unilaterale. Più di 100 paesi hanno già riconosciuto la Palestina in passato e l’attuale sforzo sarebbe insolitamente multilaterale; è più corretto parlare di rifiuto unilaterale di Israele della statualità palestinese.

Prendete la decisione del governo israeliano di domenica che si scaglia contro le azioni unilaterali: è uno scherzo? Israele ha sostenuto l’unilateralismo per tutta la vita della maggior parte dei giovani, dallo smantellamento degli insediamenti israeliani a Gaza nel 2005 alla normalizzazione dell’annessione da parte della destra.

Ad essere onesti, negli ultimi anni non mi piaceva l’idea di spingere per il riconoscimento globale della Palestina in assenza di un vero processo di pace. La Palestina è molto indietro rispetto ad altri candidati al riconoscimento come il Kosovo, il Somaliland, il Nagorno-Karabakh (prima che venisse saccheggiato dall’assalto militare dell’Azerbaigian lo scorso settembre) e persino la piccola Cipro turca, per quanto riguarda i poteri di sovranità. Temevo che il riconoscimento sarebbe stato una dichiarazione vuota e demoralizzante, come le richieste di riconoscimento da parte delle Nazioni Unite nel 2011 e nel 2012, che non hanno cambiato quasi nulla.

Ora penso che un orizzonte politico per i palestinesi sia della massima urgenza, prima che la società palestinese imploda nella disperazione. Se la gente pensa che Gaza sia un problema, c’è ancora l’intera Cisgiordania come prossimo terreno di scontro per l’inferno. Una dichiarazione può essere un indicatore di aspirazioni, che vale più delle parole passate, se i piani si riempiono di sostanza.

Paure reali

Sostenere l’autodeterminazione palestinese sotto forma di Stato è quindi la giusta direzione storica, morale, legale e politica. Ma dovresti essere un negazionista del 7 ottobre per ignorare le minacce alla sicurezza estremamente reali sulla tortuosa strada per arrivarci. Bisogna essere anche un negazionista della distruzione di Gaza per non rendersi conto che le esigenze di sicurezza dei palestinesi non sono meno reali e urgenti; il rapporto tra palestinesi e israeliani uccisi in tutti i cicli di violenza è da decine a oltre 100 volte superiore.

Leggi anche:  La Federcalcio palestinese chiede alla Fifa di escludere Israele, entro luglio la risposta di un comitato di esperti

La risposta è abbandonare il concetto fallimentare di “richieste di sicurezza israeliane” esclusive e ammettere che la sicurezza è un’esigenza reciproca la cui soluzione risiede nel partenariato. A differenza della cooperazione in materia di sicurezza in atto da oltre 30 anni in Cisgiordania, che i palestinesi detestano in quanto forza che sta alla base della continua occupazione israeliana, la sicurezza deve essere al servizio delle popolazioni pacifiche di entrambe le parti, piuttosto che implementare il controllo di una parte sull’altra. Ecco perché ritengo che uno Stato palestinese avrà il massimo della pace e del successo (e, se Dio vuole, della democrazia) in un’associazione confederata con Israele, concepita per la cooperazione sulle reciproche esigenze, a condizione che le due parti cooperino come partner paritari.

Se ci saranno progressi verso una soluzione a due stati, alcuni palestinesi vedranno la strategia di Hamas come giustificata. Forse le stesse persone che sono state respinte dalle azioni di Hamas. Le persone sono complicate, ma lo è anche la realtà.

Ma ancora una volta, le argomentazioni retoriche di Israele sono sempre più bizzarre, anche per quanto riguarda la grave questione della sicurezza. L’ala destra ora sostiene che uno stato palestinese compirebbe ogni giorno gli attacchi del 7 ottobre. Come cittadino israeliano, questa visione scandalosa non solo assolve lo Stato dai suoi fallimenti di quel giorno, ma promette di buttare nel cesso i soldi delle mie tasse dichiarando che lo Stato non potrà proteggerci nemmeno in futuro.

Tuttavia, una delle frasi preferite di Netanyahu non può essere ignorata. L’idea che lo Stato sia un “premio per il terrore” solleva preoccupazioni che non dovrebbero essere ignorate.

È vero che molti palestinesi sono pronti a concludere, anche se infelicemente, che nulla funziona se non la violenza e la forza. Non dichiarazioni come quelle del 1988. Non gli accordi come quello di Oslo. Non la diplomazia nei vari cicli di negoziati. Non la costruzione di uno stato tecnocratico sotto Salam Fayyad, nel periodo in cui anche le fonti israeliane ammettevano che il terrorismo era in calo.

Premiare la forza in politica è infatti inquietante. Se Putin si tiene la Crimea (come probabilmente accadrà), manda in frantumi un mattone dell’ordine internazionale. Se l’Armenia raggiunge un accordo con l’Azerbaigian, dopo l’assalto militare di settembre al Karabakh e il timore che l’Azerbaigian invada l’Armenia vera e propria, potrebbe sembrare che la forza bruta abbia funzionato.

Ma anche i palestinesi stanno pagando un prezzo terribile in termini di sangue per qualsiasi lenta, faticosa e parziale conquista di uno stato: oltre 28.000 morti gazesi – anche se solo 16.000 sono civili (Israele sostiene che 12.000 sono combattenti) – sono comunque più di 10 sabati neri.

Tuttavia, se ci saranno progressi verso una soluzione a due Stati, alcuni palestinesi vedranno la strategia di Hamas come giustificata. Forse anche le stesse persone che sono state respinte dalle azioni di Hamas. Le persone sono complicate, ma lo è anche la realtà.

Nella sua lotta per la creazione di uno stato, Israele (e i sionisti pre-statali) hanno ucciso sia civili che militari, persino un mediatore delle Nazioni Unite. All’inizio degli anni ’90, la leadership del Kosovo ha messo in atto un modello di costruzione nazionale nonviolenta per ottenere l’indipendenza, ma è stata uccisa. Solo quando l’Esercito di Liberazione del Kosovo si è scatenato, le cose si sono mosse: La reazione violenta della Serbia a quello che considerava un gruppo terroristico ha scatenato la guerra della Nato guidata dagli Stati Uniti, portando alla nascita parziale del futuro stato. È difficile sostenere che la storia debba sempre fermarsi davanti ai palestinesi”, conclude Scheindlin.

Chapeau. 

Native

Articoli correlati