La chiesa ortodossa ucraina legata a Mosca accusa Kiev: "A rischio la libertà di religione"
Top

La chiesa ortodossa ucraina legata a Mosca accusa Kiev: "A rischio la libertà di religione"

La Chiesa ortodossa ucraina (legata al Patriarcato di Mosca) critica aspramente due disegni di legge presentati al parlamento ucraino che vieterebbero la loro attività

La chiesa ortodossa ucraina legata a Mosca accusa Kiev: "A rischio la libertà di religione"
La chiesa Ortodossa ucraina obbediente a MOsca
Preroll

globalist Modifica articolo

31 Marzo 2022 - 17.46


ATF

Guerra in Ucraina e eccessi nazionalisti. La Chiesa ortodossa ucraina (legata al Patriarcato di Mosca) critica aspramente due disegni di legge presentati al parlamento ucraino: “Nonostante l’appello del Presidente Zelensky a non incitare all’odio religioso durante la guerra, i parlamentari ucraini hanno deciso attraverso iniziative legislative di vietare sfacciatamente e cinicamente le attività della Chiesa ortodossa ucraina e di privare milioni di ucraini del diritto alla libertà di religione”.

I due disegni di legge presentati al parlamento ucraino riguardano, uno la “proibizione del Patriarcato di Mosca sul territorio dell’Ucraina”, mentre il secondo la proposta di modifica della legge “sulla libertà di coscienza e le organizzazioni religiose” in un modo da vietare le attività di quelle organizzazioni religiose il cui centro di governo si trova al di fuori dell’Ucraina e “in uno stato riconosciuto dalla legge come aggressione militare contro l’Ucraina”. 

Sebbene le forze dell’ordine non abbiano presentato denunce alla Chiesa ortodossa ucraina in merito alla violazione della sicurezza nazionale, della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina, i deputati – si legge in una nota della Chiesa ortodossa ucraina –  nella loro nota esplicativa al disegno di legge fanno deliberatamente false accuse contro la Chiesa ortodossa ucraina nel tentativo di fuorviare i parlamentari ucraini. Inoltre, vietare alle persone di appartenere alla Chiesa ortodossa ucraina viola il loro diritto alla libertà di religione, che è contrario alla Convenzione europea sui diritti umani e alla Costituzione dell’Ucraina”.

Leggi anche:  Ucraina: sono 37 mila i civili e militari dispersi dall'inizio della guerra

Nella nota si evidenzia anche come il Primate della Chiesa Ortodossa Ucraina, Sua Beatitudine Onufriy, Metropolita di Kiev e di tutta l’Ucraina, ha invitato tutti i fedeli a “difendere il nostro Stato e la sua integrità territoriale e sovranità”.

C’è da dire anche che la Chiesa Ortodossa ucraina legata al Patriarcato di Mosca aveva scritto una lettera al Patriarca di Mosca Kirill per chiedergli di fare pressioni su Putin perché smettesse la guerra.

Native

Articoli correlati