Top

Taiwan attacca la Cina: "Ci difenderemo dalle intimidazioni militari di Pechino"

Joseph Wu, ministro degli Esteri di Taiwan: "Il regime di Xi Jinping ha ignorato le critiche della comunità internazionale e sta continuando a perseguire un progetto totalitario"

Taiwan attacca la Cina: "Ci difenderemo dalle intimidazioni militari di Pechino"
Joseph Wu, ministro degli Esteri di Taiwan

globalist

17 Dicembre 2021 - 10.16


Preroll

Pechino la considera parte integrante della Cina e vuole che torni assolutamente sotto l’autorità del governo centrale, più o meno come è accaduto ad Hong Kong. Ma Taiwan, l’isola nella quale si rifugiarono i nazionalisti dopo la sconfitta contro Mao Tse Tung, ora si sentono una democrazia evoluta e non vogliono assolutamente tornare sotto Pechino, forti anche del rinnovato appoggio degli Stati Uniti.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Taiwan non vuole un conflitto ma saprà difendersi e salvaguardare la propria democrazia di fronte alle intimidazioni militari della Cina”: è quanto ha detto Joseph Wu, ministro degli Esteri di Taiwan, aggiungendo che “il regime di Xi Jinping ha ignorato le critiche della comunità internazionale e sta continuando a perseguire un progetto totalitario antitetico ai valori universalmente riconosciuti di libertà e democrazia”.

Middle placement Mobile

Il ministro ha spiegato che Taiwan ha “promosso numerose riforme militari, sviluppato capacità di guerra asimmetrica e programmi di difesa autonomi, con produzione interna di aerei e sottomarini” e che “per la nostra posizione strategica, Taiwan si trova in prima linea nella difesa contro l`autoritarismo e anche per questo vediamo con molto favore le forme di coordinamento fra le democrazie dell`Indo-Pacifico (Quad e Aukus) e il crescente consenso in Europa e Usa per salvaguardare la democrazia di Taiwan”.

Dynamic 1

“Taiwan rispetta i diritti umani, la libertà e lo stato di diritto ed è la prova vivente che un sistema democratico possa coesistere con la cultura e le tradizioni cinesi. Credo che se la Cina si avvierà verso la strada delle riforme democratiche, il popolo cinese non potrà che trarne grande beneficio”, ha concluso.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage