Israele: quando l'allievo Bennett supera il maestro Netanyahu
Top

Israele: quando l'allievo Bennett supera il maestro Netanyahu

Il nuovo esponente del cosiddetto governo del cambiamento non è così diverso dall'estremista di destra che lo ha preceduto

Israele: quando l'allievo Bennett supera il maestro Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

14 Dicembre 2021 - 18.21


ATF

Non è impresa da poco superare Benjamin Netanyahu quanto a radicalismo colonizzatore. Eppure, Naftali Bennett ci sta riuscendo. Della serie al peggio non c’è mai fine.

Il minimizzatore

A darne conto, su Haaretz, è Josh Breiner:  “Il primo ministro Naftali Bennett – scrive Breiner – ha criticato martedì il ministro della pubblica sicurezza Omer Bar-Lev per aver criticato la violenza dei coloni in Cisgiordania e aver promesso di affrontarla.  Bennett ha definito la violenza dei coloni un ‘fenomeno insignificante’ e come tale dovrebbe essere affrontato. Inoltre, ha invitato ad astenersi dal generalizzare l’intera comunità. ‘I coloni in [Cisgiordania] soffrono di violenza e terrorismo, ogni giorno, da decenni’, ha detto Bennett. ‘Dobbiamo rafforzarli e sostenerli, con parole e azioni’. Il ministro della Pubblica Sicurezza Omer Bar-Lev, durante una visita nell’area di Hebron, ha ribadito martedì che si attiene ai suoi precedenti commenti sulla violenza dei coloni in Cisgiordania, dopo aver provocato una tempesta politica e attirato le critiche di legislatori e colleghi ministri di gabinetto. ‘Capisco che per alcuni è veramente difficile guardarsi allo specchio’, ma “’a violenza dei coloni estremisti sta spazzando il mondo intero e i governi stranieri sono interessati alla questione’.

Anche il parlamentare Mossi Raz (Meretz) ha risposto: ‘Invece di tracciare una linea rossa di fronte alla violenza dei coloni, il primo ministro ha scelto di appoggiarla e minimizzarla’. Bar-Lev ha provocato indignazione lunedì dopo aver detto al sottosegretario di Stato americano per gli affari politici Victoria Jane Nuland che Israele considera la violenza dei coloni ‘severamente’ e che sta prendendo misure per affrontare il fenomeno. Ha aggiunto che continuerà ‘a combattere il terrorismo palestinese come se non ci fosse la violenza dei coloni estremisti, e la violenza dei coloni estremisti come se non ci fosse il terrorismo palestinese’.

Durante l’incontro di Ber-Lev con Nuland lunedì, ha detto che Israele sta lavorando per rafforzare la polizia in Cisgiordania e fornire istruzioni più chiare alle truppe israeliane su come affrontare gli attacchi degli ebrei ai palestinesi. A novembre, il ministro della Difesa Benny Gantz aveva promesso di intensificare l’applicazione contro gli attacchi, dopo che Israele ha visto un aumento del 150 per cento dei casi dal 2019 al 2021.

In risposta agli ultimi commenti di Bennett, l’importante Ong anti-occupazione Peace Now ha affermato che ‘gli oltre 500 casi di violenza dei coloni all’anno, secondo l’establishment della difesa, sono tutt’altro che marginali’.

Hanno inoltre notato che la reazione dei politici di destra illustra che i coloni violenti non sono semplicemente un caso di mele marce, ma che rappresentano un’importante ‘parte dell’impresa di insediamento’.

Hanno invitato Bar Lev a lavorare con Gantz contro la violenza dei coloni. ‘Dobbiamo fermare la violenza dei coloni e occuparci degli avamposti illegali da cui essa emerge’”.

Fin qui il reporter del quotidiano progressista di Tel Aviv. 

 “Who is who”

Per cogliere ogni sfaccettatura della personalità di  Naftali Bennett, vale davvero la pena leggere con attenzione la storia del Primo ministro d’Israele, scritta dall’editor chief di Haaretz, Anshel Pfeffer. Una lettura davvero illuminante.

“Naftali Bennett – scrive Pfeffer –  è facilmente etichettato – religioso integralista, ultranazionalista e leader dei coloni da una parte, milionario dell’alta tecnologia, operativo delle forze speciali e politico prodigio dall’altra. La maggior parte di queste etichette, ad un esame più attento, non si applicano realmente. Almeno non completamente. Bennett, a 49 anni, è l’uomo che si è avvicinato di più al Santo Graal della politica israeliana, sostituendo Benjamin Netanyahu, ma non è veramente un politico, certamente non uno coerente. Negli ultimi 14 anni è stato in cinque partiti diversi. È entrato per la prima volta nella Knesset solo otto anni fa, e solo due anni fa uno dei suoi partiti non ha nemmeno superato la soglia elettorale. Ora sta per diventare primo ministro e il suo attuale partito, Yamina, sta cadendo a pezzi, con metà dei suoi membri che hanno disertato o stanno pensando di farlo.

Leggi anche:  Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana

Nelle interviste gli piace presentarsi come non come gli altri politici ‘che non hanno mai gestito un’impresa’ – invece, è un dirigente tecnologico e un commando, ‘un esperto nel dare la caccia ai lanciarazzi dietro le linee nemiche’. Ma la somma dei suoi anni nell’esercito e negli affari è ancora più breve del suo periodo in politica. Chi lo conosce bene prevede che tra qualche anno farà qualcos’altro.

Lo stesso vale per il suo background personale. Indossa una minuscola kippah, improbabilmente appollaiata sulla sua testa calva con l’aiuto di un nastro biadesivo, ma questo non lo definisce. O la sua famiglia. Ha genitori americani e ha trascorso parte della sua prima infanzia a New York e Montreal, ma è al massimo un ‘anglo’ ambivalente. Come fanatico autoproclamato di Eretz Israel, della Grande Terra d’Israele, non ha mai mostrato molto interesse a vivere in Cisgiordania e ha costruito una casa nel placido sobborgo di Tel Aviv di Ra’anana….

A detta di tutti, è quello che nell’Israele di oggi è conosciuto come dati lite, religious lite, non è un assiduo frequentatore di sinagoghe e non è il tipo di persona che può dirti qual è la porzione settimanale della Torah o la data ebraica. Il suo liceo, la scuola Yavneh di Haifa, può essere stato chiamato una yeshiva, ma non si è diplomato con un grande gusto per il Talmud.

È entrato alla Knesset come leader del partito Habayit Hayehudi, che significa ‘Casa ebraica’, il venerabile Partito Nazionale Religioso. Ma ha subito cercato di riempire la sua squadra di politici laici e si irritava visibilmente ogni volta che doveva incontrare i rabbini per una ‘guida’. Quando incontra gli elettori, a differenza di altri politici religiosi, raramente avrà qualche saggezza dalla Torah da dispensare, ma li delizierà con storie del suo tempo nell’esercito o negli affari. Quindi che tipo di israeliano religioso è? Probabilmente un tipo da movimento giovanile Bnei Akiva, anche se non l’austero Bnei Akiva di oggi, con la sua segregazione di genere e l’enfasi sull’osservanza. Il Bnei Akiva di Bennett negli anni ’80 ad Haifa era fatto di balli, escursioni e discorsi dei consiglieri sul patriottismo e il servizio.

Il Bnei Akiva era anche il luogo in cui Bennett sentì per la prima volta il nome Netanyahu, sebbene fosse il fratello maggiore di Bibi, Yoni. Al Bnei Akiva, Bennett avrebbe visto ripetutamente un film sul leggendario salvataggio degli ostaggi da parte delle forze speciali all’aeroporto di Entebbe in Uganda nel 1976; Yoni viene ucciso alla fine. ‘Le lettere di Yoni’, il libro di lettere che Yoni scrisse da adolescente costretto a trasferirsi con i suoi genitori a Philadelphia, e più tardi come commando nelle Forze di Difesa Israeliane, erano un punto fermo dei colloqui di Bnei Akiva.

Leggi anche:  Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana

Yoni scriveva dello scopo superiore di servire il proprio paese, in contrapposizione ai ragazzi di Philadelphia, che ‘sono così poveri di sostanza’ e ‘parlano solo di macchine e ragazze’. Le lettere di Yoni, è molto meno popolare nell’Israele più cinico e materialista di oggi, ma era la Bibbia dell’adolescente Bennett, così a 18 anni si offrì volontario per l’unità di commando Sayeret Matkal che Yoni aveva guidato a Entebbe. Per anni, Bennett si era preparato fisicamente per le esigenze dell’unità di forze speciali più elitaria di Israele. All’epoca, nel 1990, le unità di punta dell’Idf non erano ancora piene di diplomati delle scuole religiose. A Bennett non piaceva essere visto come ‘uno dei dosim’, e un anno e mezzo dopo, quando fu inviato all’addestramento degli ufficiali, non indossava più la sua kippah e si godeva uno stile di vita molto più laico quando era in licenza.

I sei anni di Bennett nell’esercito hanno soddisfatto la sua voglia di pericolo e di avventura. Sayeret Matkal gli ha insegnato ad operare in una piccola squadra dietro le linee nemiche, ma come giovane soldato ha visto poca azione, e quando è diventato un ufficiale ha affrontato un dilemma. Poteva tornare a Matkal e prendere parte alle ‘missioni principali’ – ma come operatore, non come comandante – o trasferirsi in un’unità leggermente meno elitaria per ricevere un comando. Scelse quest’ultimo e divenne rapidamente un caposquadra e poi un comandante di compagnia nell’unità Maglan, ma il fatto che alcuni dei suoi contemporanei tornarono a Matkal per comandare squadre proprie (come i fratelli Netanyahu Yoni e Bibi) gli avrebbe lasciato un senso di inadeguatezza anche al di là della sua carriera militare. Era a detta di tutti un comandante capace e creativo, popolare con i suoi uomini nonostante li spingesse spesso oltre i loro limiti fisici, ma un fastidio occasionale per i suoi ufficiali superiori, che non sempre apprezzavano quando discuteva i loro ordini.

Alla fine scelse di lasciare il servizio, anche se avrebbe potuto continuare. Aveva già preso la decisione quando fu coinvolto in un incidente con implicazioni internazionali. Nell’aprile 1996, Israele bombardò il Libano meridionale per 17 giorni nell’Operazione Grapes of Wrath, un tentativo di indurre Hezbollah a smettere di sparare sul nord di Israele e sulle forze Idf nella zona di sicurezza auto-dichiarata da Israele nel Libano meridionale.

Bennett ha guidato una compagnia in un raid di penetrazione profonda sulle posizioni Hezbollah, finché all’ottavo giorno della missione i soldati sono finiti sotto il fuoco dei mortai. Bennett chiamò il supporto dell’artiglieria, che piovve sulla posizione della squadra di mortai, vicino a un complesso delle Nazioni Unite dove centinaia di civili libanesi si stavano rifugiando. Centosei persone furono uccise e le condanne internazionali costrinsero Israele a terminare l’operazione Grapes of Wrath prima del previsto, senza realizzare i suoi obiettivi.

Bennett non era responsabile del puntamento delle granate, ma anni dopo giustificò il fuoco di artiglieria. ‘Hezbollah stava sparando da scuole e ospedali’, ha detto, aggiungendo che il fuoco di copertura ‘ci ha salvato la vita’. Scoprì il disastro solo ore dopo, dopo che gli elicotteri avevano riportato i commando in Israele. Ancora, anni dopo, anonimi ufficiali superiori hanno detto che il suo presunto panico sotto il fuoco ha portato ad una risposta dell’artiglieria troppo affrettata, aggiungendo alla sua sensazione che il suo genio militare era sottovalutato e che l’alto comando dell’Idf soffre di mediocrità. In ogni caso, era tempo di andarsene.

Leggi anche:  Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana

Bennett ama parlare dei suoi giorni nell’esercito e ha fatto molti periodi come riservista. Ma è anche facilmente irritabile quando la sua breve carriera militare viene fuori e ha problemi ad affrontare il fatto che in Israele centinaia di uomini hanno record operativi più impressionanti. Tuttavia, l’esperienza lo aiuterà nella sua prossima carriera…

Bennett si è sempre occupato di politica e non c’erano dubbi su dove si trovasse nello spettro politico di Israele. Durante la sua adolescenza, i suoi genitori avevano completato il loro viaggio personale verso l’estrema destra, che si opponeva a qualsiasi compromesso sul territorio. Bennett stesso era attivo nell’ala giovanile del partito Tehiya, che era stato fondato nel 1979 alla destra del Likud e protestava contro l’accordo di Menachem Begin di restituire tutto il Sinai all’Egitto per la pace. Uno dei leader dell’ala giovanile era Gideon Sa’ar, che Bennett avrebbe incontrato 20 anni dopo come politico emergente del Likud e ora partner della nascente coalizione di governo come leader del partito Nuova Speranza. Ma Bennett si è perso le due grandi lotte della destra israeliana – era nell’esercito durante l’ondata di protesta contro gli accordi di Oslo all’inizio e alla metà degli anni ’90, e negli Stati Uniti con Cyota durante la lotta contro il disimpegno di Gaza nel 2005. Nonostante il suo fervore ideologico, ha deciso di entrare in politica solo a 35 anni, dopo averne avuto abbastanza degli affari e aver sperimentato ancora più frustrazione nell’IDF come comandante della riserva durante la fallita seconda guerra del Libano del 2006.

È stato un nadir per la destra, specialmente per il Likud. Ariel Sharon, architetto del disimpegno, e altri leader del Likud si separarono dal partito alla fine del 2005 e formarono il centrista Kadima con alti laburisti tra cui Shimon Peres. Sharon ebbe presto due ictus e scivolò in un coma di otto anni, ma Kadima, sotto la leadership accidentale di Ehud Olmert, riuscì comunque a battere il Likud nelle elezioni del 2006.

Il Likud conquistò solo 12 seggi alla Knesset sotto Netanyahu, che era finalmente tornato come leader del partito – sei anni dopo essersi dimesso in seguito alla fine del suo primo mandato come primo ministro e alla sua sconfitta elettorale contro Ehud Barak del Labour. Molti predissero che il Likud non sarebbe mai tornato al potere; certamente la carriera del suo leader non si sarebbe più ripresa.

A quel tempo, Netanyahu era sinonimo di sconfitta; molti Likudniks erano pronti a sostituirlo. Poi venne la disastrosa gestione della guerra del Libano da parte del governo Olmert, che è anche il momento in cui arrivò Bennett”.

E da quel giorno inizia l’irresistibile scalata al potere di Naftali  Bennett , il tecno colono che ha scalzato “Kink Bibi” nel cuore , e nel voto, dei sostenitori di Eretz Israel.

Native

Articoli correlati