Top

Israele, Bennett all'Onu, la prima non buona

Il suo primo discorso da Primo ministro d’Israele. Il primo dopo la fine dell’”era Netanyahu”. Ma...

Naftali Bennett in occasione dell’annuale Assemblea Generale delle Nazioni Unite
Naftali Bennett in occasione dell’annuale Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Umberto De Giovannangeli

29 Settembre 2021 - 17.45


Preroll

Il suo primo discorso da Primo ministro d’Israele. Il primo dopo la fine dell’”era Netanyahu”. Basta e avanza per mettere sotto la lente d’ingrandimento politica il discorso pronunciato da Naftali Bennett in occasione dell’annuale Assemblea Generale delle Nazioni Unite

OutStream Desktop
Top right Mobile

Non buona la prima

Middle placement Mobile

Globalist lo fa con il contributo di due firme storiche di Haaretz: Jack Khoury e Noa Landau.

Dynamic 1

Inizia Khoury: “Il discorso di Naftali Bennett all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite lunedì ha illustrato il noto detto che Israele non ha una politica estera, ma solo una politica interna. I leader mondiali presenti nell’auditorium e quelli che guardavano il discorso nei loro uffici aspettavano che il nuovo, giovane primo ministro israeliano abbozzasse una visione per il futuro.

Ma Bennett non ha risposto alla domanda più antica e più importante riguardo al Medio Oriente: dove è diretto il governo israeliano nel conflitto con i palestinesi. Ha ignorato completamente questa domanda. Bennett è salito sul podio delle Nazioni Unite come primo ministro della più disparata coalizione di governo che Israele abbia mai conosciuto, tra cui un partito islamista e un partito liberale guidato da un gay. Alcuni membri di questo governo sostengono con entusiasmo la soluzione dei due Stati – che ha ricevuto la benedizione della Casa Bianca, come per mostrare al mondo che c’è vita dopo l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu. Eppure, invece di approfittare di questa piattaforma molto pubblica per presentare la sua visione, come ci si aspetta da qualcuno che intende guidare il paese per i prossimi quattro anni, Bennett ha parlato come se fosse ancora in campagna elettorale. Forse Bennett sa qualcosa che i comuni israeliani non sanno. Nel profondo, potrebbe sentire che il suo governo non sopravviverà e ha quindi deciso di fare appello a una base più ampia di elettori. Altrimenti, come si potrebbe spiegare la sua decisione di ignorare la questione palestinese alla comunità internazionale e a molti israeliani, compresi i suoi partner di coalizione? Bennett ha fatto un discorso che ha fatto appello agli israeliani. Ha parlato di un Israele illuminato, conosciuto anche come l’unica democrazia nella giungla chiamata Medio Oriente. Uno stato che lotta con le minacce di annientamento dell’Iran e dei suoi proxy, Hezbollah, Hamas e la Jihad islamica. Uno sSato che cerca la pace con tutti quelli che la cercano in cambio, come il Bahrein, gli Emirati Arabi Uniti e il Marocco. Questo, ha ricordato, è anche l’Israele che ha gestito bene il coronavirus e che gode dell’appoggio dei leader del mondo libero. La politica di ignorare i palestinesi domina il dibattito pubblico in Israele, poiché la questione viene fuori solo durante una crisi di sicurezza. L’occupazione, il regime di apartheid che si rafforza in Cisgiordania e il calpestamento dei diritti fondamentali non tengono la maggior parte degli israeliani svegli di notte. Bennett ha adottato questa politica, e non ha pronunciato la parola “palestinesi” nemmeno una volta durante il suo discorso all’Assemblea Generale, nemmeno in una connotazione negativa. Solo Hamas e la Jihad islamica sono stati menzionati. Il presidente palestinese Mahmoud Abbas, che ha quasi pianto durante il suo discorso all’Assemblea Generale dell’Onu venerdì, non è stato menzionato neanche una volta, come se le sue osservazioni si fossero già dissipate nel suo ufficio di Ramallah.

Dynamic 2

Bennett e la sua cerchia ristretta possono affermare che il suo discorso era adatto alla composizione del governo – ha enfatizzato i punti di consenso e ignorato i disaccordi. Questa potrebbe essere una buona formula per affrontare una crisi interna in Israele, ma non è appropriata quando si tratta di un conflitto decennale e sanguinoso. Non c’è mai stato un primo ministro israeliano che abbia ignorato i palestinesi. Se Bennett riceve l’appoggio silenzioso degli Stati Uniti e della comunità internazionale, dovrà comunque fare i conti con un fatto chiaro: anche se i palestinesi sono assenti dalle Nazioni Unite e dal discorso pubblico in Israele, sono ancora presenti – in Cisgiordania, Gerusalemme Est e nella Striscia di Gaza, così come all’interno della Linea Verde come cittadini israeliani. Questa presenza non è temporanea – è un fatto che Bennett non può negare.

Inevitabilmente, Bennett, il suo partner, il ministro degli Esteri Yair Lapid e forse il resto della coalizione, dovranno rispondere ad alcune domande fondamentali: dove si trova il confine orientale di Israele e quale sarà il destino dei palestinesi che vivono intorno a questo confine – sotto quale regime vivranno e quale sarà il loro status legale lì?

Dynamic 3

Se Bennett rispondesse a queste domande, potrebbe arrivare a sostenere che Israele è un “faro in un mare in tempesta” e un faro di democrazia. Altrimenti, passerà alla storia come qualcuno che ha ulteriormente rafforzato l’occupazione e l’apartheid”.

Così Khoury.

Dynamic 4

Niente di nuovo

Annota Noa Landau: “Si può dire che il primo discorso del Primo ministro Naftali Bennett all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite è stato principalmente un test d’inglese in una gara con Benjamin Netanyahu, e che l’ha superato con relativo successo.

Dynamic 5

Tutti coloro che hanno avuto la fortuna di assistere all’Assemblea Generale si rendono conto che esiste un enorme divario tra il basso interesse che questi discorsi suscitano nella sala delle Nazioni Unite e in tutto il mondo, rispetto all’eccessivo livello di interesse che creano in Israele.  

Anche prima che la pandemia di Covid sconvolgesse le nostre vite, l’area per la stampa e i visitatori all’Assemblea Generale dell’Onu era completamente vuota fino a quando una delegazione troppo eccitata di giornalisti israeliani non si metteva a ballare la fanfara. Il discorso di Bennett è stato trasmesso a New York, ma era destinato al pubblico a casa. Avrebbe potuto essere ugualmente registrato a Gerusalemme con lo stesso marmo verde come sfondo. Questo spiega in qualche modo anche il fatto che la maggior parte del discorso del primo ministro sia stato dedicato a questioni interne.

Ma questo cinismo totale è problematico. La partecipazione al gioco internazionale, anche se è principalmente un atto simbolico, ha ancora una certa importanza. Questo chiarisce che nonostante la sua mancanza di rispetto per le Nazioni Unite e la Corte penale internazionale dell’Aia, Israele aspira ancora a far parte del sistema multilaterale, anche se gioca il ruolo dell’adolescente scontroso che continua a dire: ‘Qui nessuno mi capisce’. Questo non significa che l’oratore debba essere un primo ministro; anche un ministro degli esteri può andare bene. Tuttavia, bisogna notare che queste visite, in parte, hanno lo scopo di permettere un incontro pubblico, e soprattutto segreto, con altri leader.

Ma Bennett ha cercato di dimostrare a noi e a se stesso che è capace quanto Benjamin Netanyahu, e così facendo è caduto nella trappola di essere costantemente paragonato al suo predecessore. Dopo aver superato il grande test d’inglese dell’Onu, forse è il momento per Bennett di uscire dall’ombra di Netanyahu. 

E per liberarsi dall’ombra di Netanyahu, Bennett avrebbe dovuto ascoltare il suo stesso discorso. ‘L’inerzia è sempre la scelta più facile. Ma ci sono momenti nel tempo in cui i leader devono prendere il volante un momento prima del precipizio, affrontare il calore e guidare il paese verso la salvezza’, ha detto Bennett a proposito della costituzione del suo governo, ‘il governo più vario della nostra storia’. L’inerzia è anche il miglior titolo per il discorso di Bennett. Dall’inizio alla fine, le sue osservazioni erano piene dei più abusati cliché israeliani. ‘Israele è l’unica democrazia in Medio Oriente’, non una sola parola sui palestinesi e molte parole sull’Iran. Esattamente tutto quello che avrebbe detto Netanyahu. Gli stessi messaggi, solo senza puntelli infantili – come Bennett aveva promesso.   

Perché l’inerzia, o quello che Pierre Bourdieu chiamava habitus – il potere che limita i pensieri e le azioni alle nostre disposizioni note – è il più grande problema di Israele oggi. Si può sostituire il Primo ministro e rendere il governo più vario, ma la realtà sul terreno e i punti di discussione rimangono come erano. Dalle cose più piccole, come le regole cerimoniali del viaggio del primo ministro, che includono lo spettacolo di pre-imbarco e la piccola X dove starebbe quando parla con i giornalisti, alla politica stessa. Bennett è preso in quella stessa ‘scelta facile”’ e finora non ha preso nessuna ruota indipendente. Anche se è una versione più fresca, più simpatica e senza accuse – e questo non è poco – i principi della politica di Bennett su tutte le questioni veramente importanti sono identici a quelli di Netanyahu. Più che mai, il suo discorso alle Nazioni Unite ha sottolineato questo. Un leader che vuole veramente ‘affrontare il caldo e guidare il paese verso la sicurezza’ deve osare sfidare i profondi paradigmi nazionali – principalmente tra questi nascondere la testa sotto la sabbia e l’aspirazione infantile che – proprio come nel discorso dell’Onu – non ci saranno davvero più palestinesi dentro di noi e intorno a noi.

Anche questo, Bennett, è un virus che ‘se non controllato’ potrebbe avere ‘effetti devastanti’ sulla società. Tutta la parte del discorso dedicata all’importanza dell’unità interna a Israele può essere applicata al conflitto israelo-palestinese. Ma Bennet non è l’uomo che ci porterà lì. È impegnato a stabilire il suo status di versione aggiornata di Netanyahu”. 

Noa Landau ha centrato il problema: il “governo del cambiamento” è ancora molto lontano dal manifestarsi. Per ora, Israele è retto da un governo Netanyahu senza Netanyahu. E non è certo un grande cambiamento. 

 

 

 

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage