Top

La premier Lituania: "La Ue non faccia trattative con chi la ricatta come Lukashenko"

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha descritto questi colloqui come un "percorso pericoloso".

Ingrida Simonyte
Ingrida Simonyte

globalist

18 Novembre 2021 - 17.23


Preroll

Ingrida Simonyte, premier della Polonia, si è dichiarata contraria all’avvio dei negoziati con l’Unione Europea con il dittatore bielorusso Alexandr Lukashenko per risolvere la crisi dei migranti innescata proprio dalla Bielorussia al confine con la Polonia: “Riuscirà l’Unione Europea a rimanere unita fino alla fine suoi suoi valori, come è stato fino ad ora? Spero che sia così, e questo non vuole dire avviare una sorta di trattativa con le persone che ricattano l’Ue e cercano di farsi riconoscere”, ha dichiarato.
Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha descritto questi colloqui come un “percorso pericoloso”. Il ministro ha avvertito che “anche se venissero concordate alcune condizioni, come l’espulsione dei migranti dalle frontiere, non sarebbe mai chiaro quando sarebbero stati portati, dove sarebbero stati portati o cosa accadrebbe dopo”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage