Per la Libia Haftar si affida a Israele. E la Turchia mostra i muscoli
Top

Per la Libia Haftar si affida a Israele. E la Turchia mostra i muscoli

Il generale sta cercando assistenza militare e diplomatica da Israele e in cambio promette che se sarà a capo del futuro governo su avvieranno legami diplomatici con Gerusalemme.

Haftar
Haftar
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Novembre 2021 - 15.54


ATF

Libia, Haftar bussa alla porta d’Israele. E Israele gliela apre. E così nel già affollatissimo “campo” libico entra un altro attore esterno: Israele.

A ricostruire questa vicenda è una delle firme più autorevoli di Haaretz: Yossi Melman.

Scrive Melman:  “Lunedì scorso, un jet privato – un Dassault Falcon di fabbricazione francese, registrazione P4-RMA – è decollato da Dubai ed è atterrato all’aeroporto Ben-Gurion. L’aereo è rimasto a terra per circa 90 minuti, e poi ha proseguito verso la sua destinazione finale in Libia. Il jet appartiene al signore della guerra libico Gen. Khalifa Haftar ed è usato per far volare la sua famiglia e i suoi aiutanti. A bordo dell’aereo c’era il figlio del generale, Saddam Haftar. Padre e figlio stanno cercando assistenza militare e diplomatica da Israele, e in cambio promettono che se saranno a capo del governo di unità nazionale e di riconciliazione che sarà istituito in Libia dopo le elezioni presidenziali del 24 dicembre, avvieranno legami diplomatici con Gerusalemme. Saddam Haftar è anche assistito da società di PR e consulenti strategici della Francia e degli Emirati Arabi Uniti. Secondo rapporti non confermati, i dipendenti che rappresentano la famiglia Haftar lavorano in una società registrata negli Emirati Arabi Uniti, compresi alcuni israeliani. Il gen. Khalifa Haftar è considerato l’uomo più forte e influente in Libia. Fino a poco tempo fa, era a capo del governo ribelle, con sede a Bengasi, nella parte orientale del paese, con la forza militare più grande e importante del paese. Saddam Haftar è considerato il braccio destro di suo padre, e la salute del generale 77enne è fragile. Tre anni fa, il generale Haftar è stato ricoverato d’urgenza in un ospedale militare di Parigi con una condizione di pericolo di vita. Haftar ha fatto di Saddam un ufficiale e lo ha nominato comandante di brigata nel suo esercito, concedendogli da allora una crescente autorità. Non è chiaro chi abbia incontrato Saddam Haftar durante il suo breve soggiorno all’aeroporto Ben-Gurion. In passato, tuttavia, è stato riferito che Haftar Sr. aveva avuto contatti segreti con Israele, soprattutto attraverso il dipartimento Tevel del Mossad, i cui rappresentanti lo hanno incontrato in diverse occasioni. Tevel è responsabile di mantenere relazioni clandestine con le controparti dell’intelligence israeliana all’estero, organizzazioni non statali e governi che non hanno relazioni diplomatiche ufficiali con Israele. Fino ad oggi, ha stabilito contatti con quasi 200 entità. 

Riconciliazione e unità

I rappresentanti del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano hanno mantenuto contatti con i rappresentanti della Libia per un certo numero di anni. Questi sono iniziati sotto l’allora capo del Consiglio, Meir Ben-Shabbat, che ha nominato un ex agente dello Shin Bet, conosciuto solo come R., per mantenere i legami con i paesi arabi. Il vero nome di R., chiamato anche in codice “Maoz”, non può essere pubblicato secondo la legge dei servizi di sicurezza dello Shin Bet. R., che si è spesso scontrato con l’allora capo del Mossad Yossi Cohen sulla divisione dei poteri, si è ritirato lo scorso gennaio. Dopo che il primo ministro Naftali Bennett ha nominato il dottor Eyal Hulata capo del Consiglio di Sicurezza Nazionale, il “file” libico è stato gestito da Nimrod Gez, anche lui un ex alto funzionario dello Shin Bet che ha comandato l’unità di Gaza nel distretto meridionale dell’organizzazione. Gez serve nel Consiglio di Sicurezza Nazionale come capo del ramo che copre il Medio Oriente, l’Africa e i legami diplomatici. Il motivo della visita di Saddam Haftar la scorsa settimana era legato alle elezioni libiche del mese prossimo. Lo scopo delle elezioni è anche quello di stabilire un governo di riconciliazione che riunirà i gruppi in guerra e le tribù che sono coinvolti nella guerra civile che va avanti da circa un decennio, dalla caduta del regime del Col. Muammar Gheddafi

Leggi anche:  La Libia oggi: una matrioska di clan, vendette, patti violati e promesse di altre ritorsioni

The Israeli connection

Israele ha sempre avuto un interesse per la Libia a causa della sua posizione geostrategica nel Mediterraneo e la sua vicinanza al confine egiziano, e anche per la grande comunità di ebrei libici in Israele e la loro influenza sugli ebrei libici emigrati in Italia. Dopo l’ascesa al potere di Gheddafi, Israele è diventato più interessato alla Libia a causa del suo sostegno ai gruppi terroristici palestinesi, ai quali ha dato soldi, armi e addestramento. I tentativi di Gheddafi di assicurarsi armi chimiche, biologiche e nucleari attirarono anche l’attenzione dell’intelligence israeliana, che piazzò agenti del Mossad nel paese, sbarcò forze di commando come le unità d’elite Flotilla 13 e Sayeret Matkal, e usò misure tecnologiche di intelligence militare. Contemporaneamente, i rappresentanti israeliani hanno anche condotto contatti di natura diplomatica e umanitaria con il regime di Gheddafi. Questi contatti erano gestiti da uno dei figli di Gheddafi, Saif al-Islam, attraverso uomini d’affari ebrei di origine libica. Uno di questi è Walter Arbib, le cui operazioni sono centrate in Canada. Come Haaretz ha riportato una decina di anni fa, Arbib è stato il principale intermediario che ha assistito al rilascio nel 2010 del fotografo e artista israeliano di origine tunisina Rafael Haddad, arrestato in Libia con il sospetto di spionaggio. Nello stesso periodo di quell’anno, su richiesta del ministero degli Esteri israeliano, Arbib ha convinto il figlio di Gheddafi a rinunciare all’intenzione di inviare una nave con aiuti umanitari a Gaza. In cambio, fu concordato che la nave avrebbe attraccato a El-Arish, nel Sinai, e il suo carico sarebbe stato inviato a Gaza attraverso il valico di Rafah. Come parte dell’accordo, la Libia ha costruito decine di edifici prefabbricati a Gaza e Israele ha rilasciato un certo numero di prigionieri palestinesi. Dopo la caduta di suo padre, Saif al-Islam, che fu processato e imprigionato, cercò di arruolare sostenitori e lobbisti – compresi alcuni di quegli stessi uomini d’affari ebrei libici.

Sua sorella, Aisha, è andata anche oltre con una proposta bizzarra: Dopo essere fuggita in Algeria, ha chiesto ai soci a lei vicini in Europa che avevano precedentemente fatto affari con lei e la sua famiglia di esplorare la possibilità di ottenere asilo in Israele. Ha persino assunto un avvocato israeliano di Gerusalemme che ha cercato di verificare se poteva venire a vivere in Israele in base alla Legge del Ritorno, a causa delle voci comuni da molti anni secondo cui la madre di Muammar Gheddafi era in realtà ebrea e si era convertita all’Islam.

Negli ultimi anni, Aisha ha vissuto con i suoi figli in Oman, e si è lamentata con un conoscente israeliano di essere frustrata perché vive in una “gabbia dorata”. Dopo la morte di Gheddafi, i depositi di armi della Libia sono stati saccheggiati e una grande quantità di attrezzature ha trovato la sua strada via terra attraverso l’Egitto e il Sinai verso Hamas a Gaza e via mare verso Hezbollah in Libano. Per tappare questi buchi, e con l’incoraggiamento dell’intelligence egiziana, il Mossad e lo Shin Bet hanno tenuto colloqui con il gen. Haftar per fermare le spedizioni. Secondo vari rapporti, Israele in quel periodo si schierò con il generale. Ma a un certo punto, e per non mettere tutte le uova in un solo paniere, il Mossad ha deciso di prendere contatto con entrambi i governi libici. Si può supporre che questi legami continuino ancora oggi.

Leggi anche:  Libia: il generale Haftar al servizio dello zar Putin, ma Giorgia Meloni fa finta di niente

Nelle ultime settimane e come parte dei preparativi per le elezioni, il primo ministro Abdul Hamid Mohammed Dbeibah (nel governo di Tripoli) è stato in contatto con il gen. Haftar e suo figlio Saddam. Con l’incoraggiamento dell’intelligence degli Emirati Arabi, stanno cercando di formare un governo di unità nazionale e di riconciliazione. Anche gli Stati Uniti e l’UE lo stanno cercando, e anche Israele sostiene l’idea, che potrebbe aiutarlo a portare avanti l’obiettivo di legami diplomatici con la Libia. Il gen. Haftar vorrebbe guidare il nuovo governo. Ma sa che le sue possibilità di farlo sono scarse, come quelle di Saif al-Islam, che è stato rilasciato dal carcere nel 2017 e sta anche lui accarezzando l’idea. Si dice che quest’ultimo lo stia facendo perché è ricercato per crimini di guerra dalla Corte penale internazionale dell’Aia. Nel frattempo, nei tribunali federali degli Stati Uniti sono state presentate cause civili contro il gen. Haftar per crimini di guerra, abusi dei diritti umani e tortura. Al contrario, le possibilità di Saddam Haftar sono migliori di quelle di suo padre, nonostante il fatto che lui, come molti leader libici, è macchiato dalla corruzione e conduce uno stile di vita ostentato. Al suo matrimonio un anno fa, ha distribuito regali ai suoi ospiti per un valore di 10 milioni di dollari. Gli ospiti, secondo quanto riferito, includevano 40 poeti che cantavano le sue lodi e quelle della sua tribù. Se Saddam Haftar gioca un ruolo chiave nel governo di unità (se un tale governo viene effettivamente istituito), le possibilità che la Libia avvii legami diplomatici con Israele aumenteranno, con l’incoraggiamento dell’Egitto, degli Emirati Arabi e dell’amministrazione Biden. L’Ufficio del Primo Ministro, che è responsabile del Mossad, dello Shin Bet e del Consiglio di Sicurezza Nazionale, ha rifiutato di commentare questa storia”.

Fin qui Melman.

Elenco infinito

A chi parla di stabilizzazione della Libia, di transizione democratica, di elezioni da mantenere nella data fissata (24 dicembre 2021), di una Libia ripulita da mercenari e militari stranieri, la domanda da porre è: “Ma in che mondo vivi?”.  Egitto, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Turchia, Arabia Saudita, Russia, Cina e l’elenco degli attori esterni che hanno allungato le mani sulla Libia potrebbe proseguire a lungo. 

In che mondo vive, ad esempio, il nostro ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, il quale sembra non sapere della penetrazione turca in Libia, che peraltro ha tolto spazio e influenza all’Italia. Altro che ritiro delle forze miliari straniere!  Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, sono ancora diverse migliaia i mercenari siriani che stazionano nelle basi turche in Libia. E’ di qualche giorno fa la notizia che uno scaglione di 90 combattenti appartenenti a gruppi legati alla Turchia operanti ad Afrin, nell’area controllata da Ankara, è stato inviato in Tripolitania, per avvicendarsi con uno delle stesse dimensioni di ritorno in Siria.

Leggi anche:  Libia: il generale Haftar al servizio dello zar Putin, ma Giorgia Meloni fa finta di niente

La qualità dei rapporti tra il governo di Ankara e quello di Tripoli  è confermata anche dai recenti incontri  che il ministro degli Esteri turco Mevlüt Çavuşoğlu ha avuto con il Presidente dell’Alto Consiglio di Stato libico Khalid Almishri, considerato vicino ai Fratelli Musulmani.

Proprio per ribadire la volontà di continuare a mantenere le proprie forze armate nel Paese nordafricano, la Turchia ha disertato i colloqui del 6-8 ottobre a Ginevra, dove è stato ribadito il principio della smobilitazione di tutti i gruppi armati legati a potenze straniere dalla Libia come tappa indispensabile del processo di pacificazione.

Caos politico

 La ministra degli Esteri del governo di unità nazionale libico, Najla Al-Mangoush, è stata sospesa dalle sue funzioni e sottoposta a divieto di viaggio. Lo ha detto ai media locali una portavoce del Consiglio presidenziale Najla Weheba. La presidenza ha aperto un’inchiesta “per violazioni amministrative”, ha spiegato a Libya Panorama
 Secondo il sito online El-Marsad, vicino al generale Haftar, la ministra avrebbe preso decisioni di politica estera senza aver consultato il Consiglio. Questa mattina il premier libico Abdul-Hamid Dbeibah ha respinto l’ordine del Consiglio presidenziale di sospendere il ministro degli Esteri Najla Mangoush e le ha comunicato di restare al suo posto. Così un tweet del Libya Observer che cita una nota del Consiglio dei ministri: “I poteri del Consiglio presidenziale definiti dalle conclusioni del dialogo politico libico, firmato a Ginevra, non danno alcun diritto legale al Consiglio presidenziale di nominare, revocare, sospendere o indagare sui membri dell’Autorità esecutiva”. “Il Consiglio dei ministri libico ha dato istruzioni al ministro degli Esteri di proseguire di pari passo i propri lavori, ribadendo il proprio apprezzamento per tutti gli sforzi a favore della nazione compiuti nell’esercizio delle sue funzioni” si legge in una nota su Facebook del Governo di unione nazionale libico. “Il Consiglio dei ministri ha affermato i propri sforzi per unificare le istituzioni, conciliare i punti di vista e risolvere i problemi politici sulla base del dialogo e della comunicazione positiva tra tutte le parti, in modo che l’importante scadenza nazionale, le elezioni presidenziali e legislative, possano svolgersi in un clima positivo e salutare”, prosegue la nota. “I poteri del Consiglio presidenziale – prosegue il comunicato – definiti dalle conclusioni del dialogo politico libico, firmato a Ginevra, non conferiscono alcun diritto legale al Consiglio presidenziale di nominare, revocare, sospendere o indagare sui membri dell’Autorità esecutiva”. “Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha ottenuto un successo molto apprezzato negli ambienti internazionali organizzando la Conferenza sulla Stabilità della Libia e adottando una politica di comunicazione positiva nei confronti dei Paesi amici e fratelli, che aiuti alla stabilità e prevenga interferenze negative negli affari libici”. “Ciò richiede pertanto che tutte le autorità e le parti nazionali sostengano questi sforzi senza pregiudicarli”, conclude la nota.

Anche alla luce di questa vicenda, mantenere le elezioni per il 24 dicembre prossimo più che una illusione, è un azzardo che potrebbe avere ricadute devastanti.

Tanto più che ora   della partita è anche Israele. 

 

 

 

 

 

Native

Articoli correlati