Gideon Levy: "Israele, quanta ipocrisia dietro l'allarme del fascismo kahanista"

Firma storica di Haaretz: "Una lista che in Europa sarebbe stata classificata subito come neonazista è appena entrata nella Knesset"

La destra razzista in Israele

La destra razzista in Israele

Umberto De Giovannangeli 28 marzo 2021

E’ l’icona vivente del giornalismo “radical” israeliano. Amato o odiato, ma mai ignorato. Firma storica di Haaretz, conosciuto a livello internazionale, Gideon Levy è un giornalismo scomodo per il potere, in ogni sua coloritura politica, e la sua indipendenza di giudizio è spiazzante, per tutti.

Con lui, proseguiamo il nostro “viaggio” nell’Israele post voto. Un Paese sempre più a destra.
La parola a Levy: “Una lista che in Europa sarebbe stata classificata subito come neonazista è appena entrata nella Knesset. Non c'è altro modo per descrivere il Religious Zionism. Xenofobia, omofobia e nazionalismo, combinati con il fondamentalismo religioso e la violenza, senza alcun freno a tutto questo: some altro si può chiamare? Nessun paese dell'Europa occidentale avrebbe l'audacia di includere una tale fazione nel suo governo. In Europa, questo fascismo sarebbe inaccettabile. In Israele, è sul punto di far parte del prossimo governo. Ma questa non è la notizia peggiore della notte elettorale. Ancora peggio è il fatto che la destra, come al solito, ha vinto le elezioni. Tutti parlano di Benjamin Netanyahu, ma il vero vincitore è la destra israeliana. Ancora una volta, ha vinto alla grande: Più di 70 parlamentari nella prossima Knesset saranno orgogliosi membri della dura e crudele destra. Una maggioranza più solida di qualsiasi coalizione possibile. Solo perché alcuni a destra disprezzano Netanyahu non li rende meno di destra. Prima e dopo Netanyahu, essi rappresentano un Israele violento, arrogante e isolato che sceglie di ignorare il resto del mondo. Anche nel campo opposto ci sono persone di destra che fingono di essere centristi, ma anche senza di loro, la maggior parte della Knesset è di destra. La maggior parte degli israeliani ha votato per la destra. Perso nella confusione in mezzo a tutti i calcoli sui blocchi che potrebbero essere a favore o contro Bibi, è stato il fatto che Israele ha dimostrato ancora una volta di essere un paese di destra. L'ingresso del sionismo religioso nella Knesset, e l'identità dei suoi membri, sta causando una specie di tumulto nel campo degli sconfitti, ma questo è un atteggiamento moralista e ipocrita. È un bene che questo campo si stia svegliando ma, come al solito, lo sta facendo in ritardo. Sì, il pensiero che Itamar Ben-Gvir e Orit Strock siano nella Knesset è orribile, ma è facile concentrarsi su di loro e attribuire solo a loro ciò che molti altri, che sono percepiti come molto meno brutti, in realtà pensano e dicono e fanno. Quello che dice Ben-Gvir è quello che pensano molti israeliani, anche se non hanno votato per lui. Il governo e l'esercito di Israele stanno già realizzando molti degli obiettivi del 24° partito più nazionalista della Knesset. Quindi l'ingresso del Religious Zionism nella Knesset non è necessariamente una cattiva notizia. Perché renderà molto chiare le intenzioni nascoste nella loro forma più cruda, e forse risveglierà finalmente l'opposizione. È molto facile essere inorriditi da Ben-Gvir, il delinquente condannato, ma non deve più spaventare nessuno. Ciò che fa veramente paura è che Israele sta eseguendo la sua politica e sta ballando al suo ritmo da un bel po' di tempo. Quindi è ipocrita e moralista essere inorriditi dalla sua elezione quando non abbiamo sentito le stesse persone esprimere un orrore simile quando l'Idf spara in testa ai manifestanti disarmati, come è successo proprio venerdì scorso.

Nessuno si scandalizza quando i soldati irrompono nelle case e strappano le persone dai loro letti ogni settimana. Nessuno si scandalizza quando i coloni sequestrano ogni giorno sempre più terre private e attaccano pastori e contadini con catene di ferro, Atv, droni e armi vere, e nessuno li accusa di alcun crimine. E, naturalmente, quando Israele tiene 2,5 milioni di persone intrappolate nella prigione di Gaza, in condizioni terribili, quasi nessuno si arrabbia. Ora i sostenitori di tutte queste atrocità saranno nella Knesset. È un bene che la Knesset senta quello che hanno da dire, e che anche il mondo lo senta. Non hanno guadagnato legittimità venendo eletti ora - gli è stata data molto tempo fa da una maggioranza di israeliani che li sostengono in silenzio. Sarà piuttosto sgradevole sentire parlare di "trasferimento" alla Knesset, ma questo è ciò che lo stato sta già facendo nella Valle del Giordano, a Silwan e sul Monte Hebron meridionale - un trasferimento più tranquillo di quello che Ben-Gvir ha in mente, ma altrettanto spregevole.

È una buona cosa che la lettera ebraica tet - la prima lettera della parola trasferimento e il simbolo elettorale del sionismo religioso - prenderà posto nella Knesset accanto all'immagine di Theodor Herzl. Questo è proprio quello che lo Stato da lui immaginato sta facendo dal 1948, a volte lontano dalla vista”.

Non ci resta che Naftali..

Fin qui Gideon Levy. Di questa destra è parte l’uomo che molti, anche a sinistra, considerano il “male minore” rispetto al “male assoluto” (Benjamin Netanyahu): Naftali Bennett, leader di Yamina (A destra). Annota Israel Harel, tra i giornalisti più informati sulla destra israeliana: “L’'unico discorso degno di un leader martedì sera è stato quello di Naftali Bennett. Ora è il momento di guarire e di ricucire le fratture. Una vera destra aspira all'amore incondizionato e si allontana dall'odio infondato. Nonostante le apparenze, queste parole non sono uscite dalla bocca di un ingenuo ed entusiasta consigliere del Bnei Akiva. Da quando è entrato nella vita pubblica Bennett non ha mai nascosto il fatto che questi sono i suoi valori, quelli su cui i suoi genitori lo hanno cresciuto. Lo sconvolgimento della Guerra dei Sei Giorni ha portato i suoi genitori a lasciare una vita di lusso a San Francisco. Qui trovarono un Paese stordito e confuso dalla brillante impresa militare. I suoi leader, hanno ripetuto a tamburo battente alla loro prole, non sono riusciti a tradurre nel linguaggio dell'azione il potenziale offerto loro da una vittoria senza precedenti. Se avessero approfittato, appena finiti i combattimenti, di quel momento propizio a livello interno e mondiale, avrebbero risolto i nostri problemi di sicurezza, economici e sociali per le generazioni a venire. è stato cresciuto su questo messaggio fin dall'infanzia. Questo è anche il motivo per cui ha avvertito, nel suo discorso di guarigione e rammendo, che l'esistenza di Israele non è garantita se non si fa un grande sforzo per garantirla - un'idea che non è in cima all'agenda dei capi di alcuni degli altri partiti "sionisti. Anche se ha usato questo tono ammonitore anche prima delle elezioni, i risultati di voto che si possono analizzare ora mostrano già che poche persone al di fuori della base centrale di sionisti religiosi "classici" di Bennett hanno votato per il suo partito Yamina. Si scopre che non basta mettere in cima all'ordine delle priorità il guadagnarsi da vivere, o la lotta alla pandemia del coronavirus, o dimostrare una maggiore integrità, capacità manageriale e decisionale dell'attuale governo. Durante una prolungata crisi di leadership e di valori, la nazione di Israele si aspetta un messaggio più grande, una nuova canzone. Sebbene nello sforzo di trovare questa formula sia anche molto più avanti di altri leader di partito sulla mappa politica ideologica - come Yair Lapid, Merav Michaeli e Benny Gantz - Bennett non è ancora pronto a offrire una formula profonda che possa rispondere a questo profondo anelito ed eccitare i seguaci. Per questo motivo, la maggior parte del suo sostegno proviene ancora da un campo che è importante ma, almeno per ora, di piccole dimensioni. Ha un ruolo di primo piano nell'élite genuina dello Stato, ma non ha ancora il potere necessario per installare uno dei suoi membri nell'ufficio del primo ministro. Anche all'interno del suo campo, il campo nazional-religioso, Bennett non è visto come qualcuno che potrebbe portare la "storia" complessiva del sionismo religioso, o dello Stato - se non altro a causa del suo stile di vita. Anche se la maggioranza di questo campo vive una vita piuttosto borghese nelle città e nei sobborghi, il suo ethos centrale è lo spirito pionieristico del Kibbutz Tirat Zvi, di Negohot e Sderot, non Ra'anana e Givat Shmuel. Questo è sempre stato il caso, in particolare dopo la Guerra dei Sei Giorni. E in una società con questo ethos, i leader devono dare un esempio personale.

Dato che Bennett non è riuscito ad attrarre un numero significativo di seguaci al di fuori della sua cerchia naturale di affiliazione, la sua libertà di manovra è estremamente limitata - soprattutto perché ha promesso "Non ci sarà una quinta elezione". Anche se i risultati finali lo rendono ancora una volta un kingmaker, Bennett è incapace di guidare il campo "chiunque ma non Bibi", anche se lo desidera molto. Anche se potessero superare il loro ego, gli oppositori di Netanyahu – conclude Harel - non possono lasciare che un primo ministro di destra rispetti anche il minimo delle sue promesse agli elettori: legalizzare le nuove comunità in Giudea e Samaria, far passare una legge che permetta alla Knesset di scavalcare l'Alta Corte di Giustizia e annettere la Valle del Giordano. Bennett, insieme al Religious Zionism di Bezalel Smotrich, potrebbe costringere Netanyahu a realizzarle, oltre a ripristinare la sovranità e la sicurezza nel Negev e in Galilea”.

Israele, 50 sfumature di destra.