Top

Viaggio nell'Israele del post Netanyau, le speranze di Gideon Levy: "Provate a immaginare se Bennett..."

Una liberazione per quanti hanno visto in "Bibi" una minaccia per lo stato di diritto. Un autocrate che si considerava al di sopra della legge.

<picture> Proteste in Israele contro Netanyahu </picture>
Proteste in Israele contro Netanyahu

Umberto De Giovannangeli

15 Giugno 2021


Preroll

Che possa essere davvero il “governo del cambiamento” è tutto da vedere. Ma le migliaia di persone che domenica sera si sono radunate in Piazza Rabin, nel cuore di Tel Aviv, per festeggiare la caduta di “King Bibi”, danno conto di un umore, di una speranza che si è realizzata: la fine dell’era Netanyahu.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Una liberazione per quanti hanno visto in Netanyahu una minaccia per lo stato di diritto. Un autocrate che si considerava al di sopra della legge.  “Bibi” ha promesso, minacciato di tornare a Balfour Street, la residenza del Primo ministro nel cuore di Gerusalemme. Intanto, però, si fa festa nella Piazza dedicata al premier laburista, assassinato in quella piazza la notte del 4 novembre 1995 da un giovane estremista di destra, Yigal Amir, armato ideologicamente dai leader di una destra estremizzata, incattivita, che aveva tacciato di tradimento il premier che aveva “osato” stringere la mano al “capo del terroristi palestinesi”, Yasser Arafat. Una campagna di odio che aveva in Benjamin Netanyahu uno dei suoi più tenaci ispiratori. Israele spera di vivere in un clima politico meno avvelenato, dove esistono avversari ma non nemici da additare come traditori. Lo stesso Amir, considerato un “eroe” dalla destra estrema, non ha mai nascosto la sua ammirazione per “Bibi”.

Middle placement Mobile

Svelenire il clima politico

Dynamic 1

 A dar conto di questa impellenza  è l’editoriale di Haaretz: “Domenica il governo Bennett-Lapid, il 36° governo di Israele, ha prestato giuramento. Dopo più di 12 anni in cui Benjamin Netanyahu è stato primo ministro, la sua autorità è stata trasferita al nuovo primo ministro, Naftali Bennett. Questo governo costituisce anche una svolta nella sua composizione: non solo è composto da partiti di destra e di sinistra, ma per la prima volta un partito arabo è un partner a pieno titolo nella coalizione di governo. Dobbiamo congratularci con questo governo di cambiamento e augurargli successo. Il discorso conciliante e da statista di Bennett, che parlava della speranza insita nell’unione tra diversi tipi di persone, è stato ripetutamente e maleducatamente interrotto da legislatori senza rispetto, che hanno umiliato la Knesset, il presidente, i loro partiti politici, le loro famiglie, i loro elettori e soprattutto se stessi. Non hanno smesso di disturbare anche quando Bennett ha riconosciuto che ‘questo è un momento politico delicato’, né hanno risposto al suo appello, rivolto a entrambe le parti, ‘a mostrare moderazione’.. Bennett ha riconosciuto che ‘ci sono molti disaccordi’ all’interno del governo che ha formato con il presidente di Yesh Atid Yair Lapid, e con i suoi partner di destra e di sinistra, ebrei e arabi; si è impegnato ad attuare ciò su cui possono essere d’accordo, ‘e ciò che ci divide, lo lasceremo da parte per ora’. Consapevole della divisione tra la gente da un lato, e delle lacune all’interno della sua coalizione dall’altro, Bennett ha fissato obiettivi realistici per il nuovo governo. ‘Il nuovo governo cercherà soluzioni reali e pratiche per i problemi dello stato. Sembra che sia passato molto tempo da quando i cittadini israeliani hanno avuto un governo che ha semplicemente lavorato, che viene a lavorare.  Infatti, questo è ciò che è richiesto ora: Un governo che lavori per i cittadini. Per questo, bisogna prima di tutto rafforzare la funzione pubblica e restituirle potere, autorità e responsabilità. Il primo passo su questa strada è la nomina delle persone alle varie posizioni in base al loro talento, professionalità e idoneità. Basta nominare yes-men, basati sulla lealtà personale e sulle corrette opinioni politiche. Ma anche l’approccio generale al servizio pubblico deve cambiare. Negli ultimi anni Israele si è abituato a vivere in una palude di odio e incitamento incessante, guidato da un imputato criminale sfrenato, che attacca ripetutamente le burocrazie statali, denigra il sistema legale e la polizia, incita contro il procuratore generale e i media, e mette le quattro tribù di Israele una contro l’altra. Bennett e Lapid devono risanare il discorso pubblico e ripristinare la fiducia nel governo e nei sistemi dello stato. La politica dell’incitamento non si è fermata con la “fine dell’era Netanyahu”, come Bennett stesso ha imparato dal momento in cui ha deciso di arruolarsi nel governo di cambiamento, e come è stato dimostrato domenica nel plenum. Questo incitamento è illegittimo e pericoloso. È importante resistere fermamente e difendersi da esso con gli strumenti adeguati”.

Noa Landau è tra i più autorevoli analisti politici in Israele. “Il messaggio principale condiviso da tutti i rami disparati del nuovo governo, da destra e da sinistra, è chiaro: questa settimana, Israele ha detto no a un governo con caratteristiche autoritarie – spiega – Dopo 12 anni al potere, Benjamin Netanyahu ha adottato più di qualche tratto di questo tipo: Ha trasformato i membri del governo e del gabinetto in timbri di gomma e ha concentrato il potere e numerosi tipi di autorità nel suo ufficio. Ha minato il principio della separazione delle autorità, e specialmente l’indipendenza del sistema giudiziario e delle forze dell’ordine, ha compartimentato il ramo esecutivo, ha coltivato un culto personale e familiare della personalità, si è attribuito qualità sovrumane, ha soffocato la competizione politica nel Likud ed è diventato il leader supremo del suo partito. La linea ideologica del movimento che rappresentava ha perso significato perché è stata zigzagata al servizio delle sue esigenze ciniche. Netanyahu mentiva con la stessa facilità con cui respirava e aveva sempre in tasca un nemico esterno e interno e un immaginario stato profondo che bisognava combattere seminando divisioni. Ha anche sfidato i diritti umani e la libertà di stampa. Al di sopra di tutto questo c’erano le accuse di corruzione, che sono anche tipiche dei governanti che credono di meritare di avere tutto. Per consolidare la sua presa sul potere per un tempo illimitato e per sfuggire alla giustizia, non ha esitato a cercare un cambiamento delle leggi fondamentali e ad alterare le regole del gioco a suo favore. Ha veramente cominciato a credere che lo stato è lui, che i suoi successi sono i suoi successi, dai fondi sanitari e high-tech ai ristoranti della periferia, e che tutto emana dalla sua parola.

Dynamic 2

Sì, Israele entro le linee del ’67 non era ancora diventato un caso da manuale di regime antidemocratico. Ma con il modo minaccioso in cui soffiavano i venti sembrava che ci si potesse arrivare. In un passo da non prendere alla leggera in un paese così relativamente giovane, i cittadini hanno scelto di sostituire Netanyahu, dicendo effettivamente, attraverso i loro rappresentanti nella coalizione: “Non qui”. Bibi ha cresciuto, e tradito, una generazione di politici. Ieri sera lo hanno detronizzato

Al centro delle critiche pubbliche del blocco del cambiamento non c’era solo la presunta corruzione di Netanyahu e le sue campagne divisive, ma anche un segno che gli israeliani non sono disposti ad accettare un leader con ambizioni megalomani che vuole governarli per sempre. Alla base, la società israeliana è una società politica che, nonostante il paradosso dell’occupazione, anela a far parte del mondo democratico. In questo senso, in altri paesi dove le linee problematiche sono state superate, come l’Ungheria, stanno ora cercando di imparare da Israele come costruire un’opposizione simile.

Dynamic 3

Ma nonostante questo enorme successo, c’è ancora una minaccia che non è passata. Israele ha detto no all’autoritarismo, ma il pericolo del populismo rimane. Naftali Bennett e Yair Lapid possono aver sostituito il governo Netanyahu, ma in molti modi, sono ancora intrappolati nei confini del discorso che ha plasmato. Questo è un discorso in cui c’è un costante bisogno di dimostrare il patriottismo per mezzo di posizioni di destra che presumibilmente rappresentano “il popolo”, e chi non tiene queste posizioni, come la sinistra e i cittadini arabi, è un traditore, o per lo meno, illegittimo. In passato, sia Bennett che Lapid hanno ceduto a questa narrazione. Anche ora, lo spirito bibi-ista del populismo si sente nel modo in cui Bennett usa un linguaggio apologetico per giustificare le sue scelte.

Dal suo scranno  all’opposizione, Netanyahu diventerà il rivale dall’inferno. Anche se non tiene più le redini di molti centri di potere, ha ancora un’arma molto significativa: continuerà a delineare i confini del discorso in nome dell’immaginario “popolo” che ha votato per lui. Il vero cambiamento avverrà quando Bennett e Lapid si libereranno dalla necessità di seguire la sua linea e di dimostrare che sono “abbastanza di destra”. Cos’è che hai detto quella volta, Bennett? Abbiamo finito di scusarci”.

Dynamic 4

“Provate a immaginare se Bennett…”

Gideon Levy, icona vivente del giornalismo “liberal” israeliano, spiazza sempre. Mai scontato, la storica firma di Haaretz nella sua lunga carriera di giornalista e scrittore non ha fatto sconti a nessuna parte politica, pur manifestando sempre idee progressiste. E Levy spiazza ancora una volta, con questa riflessione scritta:

Dynamic 5

“L’archivio di Haaretz non mente, anche se ogni tanto sorprende: Ho scoperto che sono a favore di Naftali Bennett. Novembre 2014: :  “[Con Bennett] Israele non indosserà più la sua faccia bugiarda, falsa e carina, che gli ha permesso di continuare le sue politiche. Ecco perché sono per lui”. Agosto 2020: “Dobbiamo iniziare a pensarci – Naftali Bennett, il prossimo primo ministro di Israele. … Questa è una brutta notizia, ma c’è di peggio – una catena di eventi che non è immaginaria: Il partito Likud di Netanyahu crolla, la Yamina di Bennett sale, il centro-sinistra manca di una leadership adeguata e Bennett attira la sospirata coalizione ‘Anyone But Bibi’. … L’estrema destra sostituirebbe la destra moderata, i religiosi sostituirebbero i laici, … la fine dell’inganno. Con Bennett al timone, Israele sarebbe ufficialmente dichiarato uno stato capitalista e colonialista di apartheid”. Anche un orologio rotto ha ragione due volte al giorno.

Si comincia domenica. L’ex direttore generale del Consiglio degli insediamenti Yesha di Ra’anana giurerà come primo ministro. Metà della nazione sente che sta passando dal buio alla luce, l’altra metà sente che sta facendo il contrario, e in entrambi i casi non è per colpa di Bennett. Lui è ancora una cattiva notizia, ma non la peggiore. Ma la verità è che, salvo uno scenario estremo, immaginario, inconcepibile, Bennett come primo ministro non è una notizia. Al netto di tutte le riforme della sanità pubblica e dei trasporti che saranno o non saranno attuate, alla fine la Pretoria del Medio Oriente ha scelto un primo ministro, e continuerà a fare quello che fanno i pretoriani.

È lo stesso in Israele. Finché non nasce l’israeliano F.W. de Klerk – e apparentemente non è nato, nemmeno con il giuramento di Bennett – allora i margini per un cambiamento storico tra un primo ministro e l’altro sono davvero molto sottili, quasi invisibili, proprio come lo erano in Sud Africa. Anche lì c’erano elezioni libere, anche se non elezioni generali; anche lì c’erano coalizioni, governi che cadevano e salivano, estremisti di vario grado – tutto all’interno degli stretti confini di un regime malvagio e criminale.

Tutto quello che possiamo fare ora è sognare. Nessuno si aspettava nulla neanche da de Klerk. Immaginate Bennett, la cui kippah è minuscola e che tuttavia è anche di Ra’anana e d’America, anche se viene dalle alture del Golan e dal Consiglio di Yesha; immaginate che nei due anni che gli sono stati assegnati come premier, in cui può rimanere un’oscura nota a piè di pagina nella lista dei primi ministri d’Israele o trasformarsi in un rivoluzionario di livello mondiale, scelga la seconda scelta. Provate a immaginare. Le probabilità sono minime o nulle. Erano le stesse per tutti i suoi predecessori, di destra e di sinistra. Ma anche le probabilità che Bennett diventasse primo ministro erano molto scarse, eppure lo è. La possibilità che lui faccia ora quello che un primo ministro israeliano farà un giorno – ma solo quando Israele raggiungerà l’orlo dell’abisso – è immaginaria. 

Eppure: Provate a immaginare. Anche in Sudafrica non importava molto chi fosse il primo ministro finché l’apartheid continuava. A chi importava se John Vorster era più moderato di P.W. Botha, o viceversa – essi sostenevano lo stesso regime, il che ha sempre determinato chi lo guidava. Bennett non ha niente da perdere: mette il suo nome o su un episodio dimenticato, o sulla storia. O una voce di un paragrafo in Wikipedia, un articolo di stub, o libri sulla storia di Israele. Forse è anche coraggioso. Forse conosce la verità, nel profondo, e la verità è che sarà il primo ministro di circa 14 milioni di persone. Cinque milioni di loro non hanno diritti. Non possono votare per o contro di lui, anche se è anche il loro primo ministro, contro la loro volontà. Negli Stati Uniti, Bennett deve aver imparato che questo può essere chiamato solo apartheid. E che il primo ministro dell’apartheid è il primo ministro dell’apartheid, e non di Israele o di una democrazia. Bennett sa anche dalla storia che questa situazione è reversibile. Può essere cambiata in un solo colpo, anzi è l’unico modo per cambiarla. È successo quando nessuno si aspettava che succedesse. È successo perché non si può andare avanti così. Ci siamo già, signor primo ministro”, conclude Levy.

Sì, proviamo a immaginare…A volte i sogni si realizzano. 

 

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage