Assad su al-Baghdadi: "Era una creatura Usa: è morto o gli hanno fatto una plastica facciale?"

Il presidente siriano continua a esprimere tutto il suo scetticismo sulla morte del leader dell'Isis: "Il regista di questi film sono sempre gli americani"

Bashar al-Assad

Bashar al-Assad

globalist 1 novembre 2019
Il presidente siriano Bashar al Assad non è convinto dell'avvenuta uccisione di Abu Bakr al Baghdadi, leader dell'Isis vittima di un raid degli Stati Uniti. Anzi, esprime tutto il suo scetticismo e sostiene: "Sappiamo tutti che era in una prigione americana in Iraq. E che lo hanno fatto uscire per interpretare un ruolo". 
"È un personaggio che può essere rimpiazzato in ogni momento. È stato veramente ucciso? O è stato ucciso in un altro modo? È stato rapito? Nascosto? Oppure è stato messo da parte e sottoposto a una plastica facciale? La politica americana non è diversa da Hollywood. Si basa sull'immaginazione...Baghdadi sarà ricreato con un altro nome, con un altro personaggio e persino l'Isis può essere ricreato sotto un altro nome con lo stesso obiettivo. Il regista di questi film è sempre lo stesso: gli americani"