Dopo i disastri del 2011 è pronta una nuova campagna di Libia
Top

Dopo i disastri del 2011 è pronta una nuova campagna di Libia

La Nato prepara una campagna militare in Libia ma in attesa di un governo unitario quello di Tobruk non intende chiedere interventi stranieri, e gli Usa combattebbero gli ex alleati<br>

Dopo i disastri del 2011 è pronta una nuova campagna di Libia
Preroll

redazione Modifica articolo

29 Gennaio 2016 - 16.46


ATF

Dopo la disastrosa campagna del 2011, il Pentagono e un pugno di alleati europei degli Stati Uniti si stanno preparando per un’ “azione decisiva” in Libia, questa volta diretta contro contro “Daesh” (Stato islamico / ISIL) nel nuovo capitolo della loro infinita “guerra al terrore”.

Inizialmente, alla fine di dicembre 2015 il segretario alla Difesa britannico Michael Fallon ha annunciato che Londra avrebbe inviato fino a 1.000 soldati nel Paese devastato dalla guerra. Secondo il piano, il contingente britannico farebbe parte di una rorza congiunta di 6000 uomini assieme con l’Italia, e l’iniziativa avrebbe dovuto prendere il via dopo la firma dell’ “accordo di pace” sponsorizzato dalle Nazioni Unite “accordo di pace” che punta alla creazione in Libia di un governo rappresentativo e unitario.

Tuttavia, si è già verificato uno slittamento :la formazione di un governo di unità libico ha subito un duro colpo lunedi scoro quando la Casa dei rappresentanti di Tobruk (HOR) – il parlamento libico riconosciuto a livello internazionale – ha respinto l’alleanza proposta dall’ Onu. Ci si aspettava che subito dopo un nuovo governo di unità nazionale avrebbe inviato una richiesta ufficiale di assistenza militare alla NATO, ma adesso sembra che il piano stia cadendo a pezzi.

Leggi anche:  Spagna, smantellato un nucleo dell'Isis che incitava i seguaci ad attaccare il Real Madrid

Inoltre, le autorità libiche riconosciute a livello internazionale non mostrano alcuna voglia di invitare forze militari straniere:“Nessuno sta pensando di chiedere l’intervento straniero in questo momento. Siamo disposti a combattere da noi”, ha dichiarato Ibrahim Dabbashi , ambasciatore della Libia alle Nazioni Unite. Questo vuol dire che le potenze occidentali rivedranno i loro piani di intervento?

Mattia Toaldo, “fellow” al Consiglio europeo per le Relazioni estere, ritiene cha sia molto improbabile.”Più si vedranno attacchi del’ ISIL o Daesh, e meno l’Occidente sarà incline ad aspettare un invito da parte del governo,”, dice lui. Nel frattempo,anche l’amministrazione Obama e il Pentagono hanno chiaramente dimostrato la loro volontà di aprire un terzo fronte nella guerra contro Daesh in Libia.Il gennaio il dipartimento per i media della Difesa ha riferito che il generale Joseph F. Dunford Jr. ed il suo omologo francese Gen. Pierre de Villiers hanno discusso di una potenziale operazione militare congiunta .

“E ‘giusto dire che stiamo cercando di intraprendere un’azione militare decisiva contro Daesh in Libia, in combinato disposto con un processo politico legittimo”, ha detto il generale Dunford. I funzionari dell’amministrazione aggiungono che la campagna in Libia potrebbe iniziare nel giro di settimaneed anticipano ce potrebbe essere condotta con l’aiuto di un manipolo di alleati europei, tra cui Gran Bretagna, Francia e Italia, mentre il “New York Times” ha espresso la preoccupazione che il nuovo intervento militare possa svolgersi senza un dibattito significativo nel Congresso degli Stati Uniti.Il giornale ha richiamato l’attenzione sul fatto che quasi contemporaneamente il segretario alla Difesa, Ashton Carter, ha annunciato che il Pentagono sta rafforzando il suo sostegno militare alle forze locali in Siria e in Iraq.

Leggi anche:  La Nato lavora per schierare più armi nucleari sul campo togliendole dai depositi

La nuova campagna di Libia della NATO sembra annunciarsi particolarmente sinistra per il fatto che le potenze occidentali stanno andando ad attaccare gli stessi islamici libici che aveva armato durante la campagna militare 2011, spiega l’analista di geopolitica Toni Cartalucci . L’esperto si riferisce al fatto che l’ambasciatore americano in Libia, Christopher Stevens John (assassinato a Bengasi nel 2012) era noto per lavorare a stretto contatto con il capo delConsiglio militare di Tripoli ,Abdelhakim Belhadj.

“Belhadj era letteralmente il riferimento del Dipartimento di Stato americano per essendo alla guida di un’organizzazione terroristica, il Gruppo combattente islamico libico (LIFG) . Nonostante i suoi ovvi legami con al-Qaeda, è stato apertamente sostenuto dagli Stati Uniti durante la guerra di Libia el 2011, e in seguito, ha posato anche in alcune foto con senatori degli Stati Uniti, tra cui John McCain . Oggi Abdelhakim Belhadj, è considerato un dirigente di Daesh, in Libia”, rileva Cartalucci. Secondo lui Washington ed i suoi alleati della NATO stanno creando deliberatamente un circolo vizioso di guerra in Nord Africa e in Medio Oriente, al fine di perseguire i propri obiettivi economici, militari e geopolitici.

Leggi anche:  La Nato lavora per schierare più armi nucleari sul campo togliendole dai depositi

Fonte: AFP

Native

Articoli correlati