Top

I droni assassini diventano piccoli aeromodelli

Si chiama Switchblade l'ultima invenzione dell'ingegneria di guerra, arma in miniatura ma letale. Fonti, il sito Terminal X dello spionaggio pachistano e il Los Angeles Times<br>

I droni assassini diventano piccoli aeromodelli

Desk Modifica articolo

14 Giugno 2012 - 10.10


Preroll

Cercando di ridurre il numero delle vittime civili e i danni collaterali, il Pentagono darà il via all’uso di una nuova generazione di droni della dimensione degli aerei modello forniti di piccole testate esplosive che possono colpire con precisione millimetrica. I droni Predator e Reaper schierati in Pakistan e Afghanistan trasportano 100 libbre di ordigni a guida laser Hellfire: missili o bombe intelligenti da 500 libbre a guida GPS in grado di ridurre in macerie gli edifici. Il micro drone Switchblade, in confronto, pesa meno di 6 chili e può prendere un cecchino su un tetto senza ridurre l’edificio in pezzi. Permette anche ai soldati sul campo di individuare e distruggere bersagli molto più velocemente, senza chiamare in campo droni di grandi dimensioni che possono trovarsi a centinaia di chilometri di distanza.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Questo Switchblades è un’arma di precisione che limita i danni collaterali al minimo possibile”, ha detto William I. Nichols, che ha condotto i test dell’esercito al Redstone Arsenal nei pressi di Huntsville, Alabama. Switchblade -in italiano potremmo tradurlo, coltello a scatto- è così chiamato perché ha le sue ali piegate sulla fusoliera per il trasporto e le apre dopo il lancio. È stato progettato per adattarsi allo zaino di un soldato e viene sparato da un mortaio. Una volta in volo inizia a inviare un video e le coordinate GPS ad un palmare sotto controllo di chi lo ha lanciato. Quando i soldati ritengono di aver identificato e agganciato un bersaglio, inviare un comando di picchiata al il drone-suicida che esploderà esplodere al momento dell’impatto. Infatti lo Switchblade è stato soprannominato il “drone kamikaze”. L’amministrazione Obama e in particolare la CIA, sono stati lungo criticati per l’uso di droni da combattimento che hanno ucciso civili in Pakistan, Afghanistan, Iraq, Yemen e Somalia. Nel 2010, un funzionario delle Nazioni Unite ha detto che la CIA in Pakistan avevano fatto degli Stati Uniti “l’utente più prolifico degli omicidi mirati” in tutto il mondo.

Middle placement Mobile

Nelle ultime settimane, il portavoce della Casa Bianca Jay Carney ha detto che l’amministrazione Obama è impegnata a ridurre le vittime civili. Carney Anche se non ha menzionato il Switchblade in particolare, ha detto “abbiamo a disposizione strumenti che consentono di evitare vittime civili e strumenti di precisione di puntamento mai esistiti in passato”. Il drone Switchblade sembra essere un miglioramento ai tradizionali attacchi dei droni, in termini di riduzione del danno civile “collateale”, ma solleva anche nuove preoccupazioni, ha detto Naureen Shah, direttore associato del contro terrorismo e diritti umani Progetto alla Columbia Law School. Naureen Shah ha sottolineato che quando viene presa in considerazione la possibilità dell’uso di un drone, ci sono squadre di avvocati, analisti e personale militare che analizzano i dati per determinare se la forza letale è necessaria. Ma la Switchblade potrebbe abbreviare la “kill catena”. “Ora sarà delega piena di responsabilità a livello di soldato sul campo”, ha detto. “Questo è preoccupante. E’ una situazione che potrebbe moltiplicare gli gli errori compiuti.”

Dynamic 1

I sostenitori del controllo degli armamenti hanno anche altre preoccupazioni. Poiché queste piccole armi robotiche prolifereranno, si preoccupano di quello che potrebbe accadere se i droni finissero nelle mani di terroristi o di altre forze ostili. Lo Switchblade “è sintomatico di un problema più grande”. Daryl Kimball, direttore esecutivo del Assn controllo delle armi: “Questa tecnologia non sarà sempre in possesso esclusivo degli Stati Uniti e dei suoi alleati. Dobbiamo pensare alle regole della strada per quando e come, questi nuovi strumenti di morte dovessero essere usati da altri, in modo da poter ridurre le conseguenze non volute”. Lo Switchblade è assemblato in Simi Valley da AeroVironment Inc., fornitore superiore del Pentagono di piccoli droni, che includono il Corvo, Wasp e Puma.

Più di 50 Switchblades saranno inviati in Afghanistan questa estate grazie a un contratto di 10,1 milioni di dollari, che comprende anche il costo delle riparazioni, pezzi di ricambio, formazione e altre spese. I funzionari non forniscono dettagli su dove le armi saranno utilizzate, quanti ne sono stati ordinati e quando sarebbero stati distribuiti. AeroVironment, con sede a Monrovia, ha sviluppato l’arma di per sé, pensando ad un drone letale a basso costo utilizzato rapidamente dai soldati sul campo, ha detto il portavoce Steven Gitlin. “Non è certo economico usare un elicottero Apache o F-16 jet da combattimento da una base quando si considera carburante, le persone , il supporto logistico, ecc.. “. Circa una dozzina di Switchblades sono già stati testati lo scorso anno da unità speciali delle operazioni in Afghanistan. Secondo funzionari dell’esercito, il drone si è rivelato efficace. L’esercito sta valutando l’acquisto di 100 milioni di dollari dei droni in qualche anno nell’ambito di un programma chiamato Lethal, sistema miniatura Munition aerea, ha detto Nichols.

Dynamic 2

L’Air Force e il Corpo dei Marines hanno espresso interesse per questa tecnologia. AeroVironment non è l’unica azienda che produce piccoli droni letali. Textron Defense Systems sta lavorando anche su un piccolo kamikaze in stile drone. Nominato Squad-Level Munition Loitering BattleHawk, il drone è in fase di test in una struttura militare nel New Mexico. Peter W. Singer, un collega della Brookings Institution e autore di “Wired for War”, un libro sulla guerra robotica, ha detto che l’avvento dello Switchblade in zona di guerra è tipico dell’evoluzione delle armi. Appaltatori della difesa, ha detto, sono da tempo alla ricerca di tecnologie per uno sviluppo del più piccolo ed economico. Armi ad alta tecnologia vitali per condurre la guerriglia, la guerra nel 21° secolo, e ci stanno provando con successo. “Questo sistema d’arma è il primo nel suo genere” , ha detto. “Se funziona, non c’è dubbio che altri seguiranno”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile