Siria e Cina a colloquio, vacilla il cessate il fuoco
Top

Siria e Cina a colloquio, vacilla il cessate il fuoco

Il ministro degli Esteri Muallim ricevuto dall'omologo cinese. Pechino conferma il sostegno a Damasco ma vuole passi concreti. Mosca accusa: "forze esterne" contro la tregua.

Siria e Cina a colloquio, vacilla il cessate il fuoco
Preroll

Desk Modifica articolo

18 Aprile 2012 - 11.09


ATF

La Cina conferma il suo appoggio a Damasco ma, dietro le quinte, chiede un maggior impegno del regime del presidente Bashar Assad a sostegno del cessate il fuoco entrato in vigore una settimana fa. Le pressioni degli Usa e dell’Ue sulla Cina sono sempre più forti e Pechino è costretta a manovrare. «Oggi possiamo scambiarci opinioni, in modo approfondito, sulla situazione in Siria», ha detto il ministro degli esteri cinese Yang Jiechi all’inizio del colloquio con Muallim. Il capo della diplomazia di Pechino ha definito di «grande importanza» la visita di Muallim e sottolineato come l’arrivo del suo omologo siriano rientri nell’impegno della Cina, in contatto con il governo di Damasco e le opposizioni, per promuovere la «riconciliazione in Siria attraverso i negoziati».

Vacilla intanto il cessate il fuoco entrato in vigore il 12 aprile. Ieri, secondo attivisti anti-Assad, decine di persone sarebbero rimaste uccise in Siria in una nuova giornata di violenze. Gli oppositori aggiungono che oggi sono ripresi i bombardamenti sui quartieri ribelli di Homs. Prosegue percio’ tra difficoltà crescenti la missione degli osservatori dell’Onu inviati proprio per verificare il rispetto del cessate il fuoco e che ieri hanno visitato la città di Deraa.

Leggi anche:  Detenuti palestinesi incatenati ai letti nudi e bendati: torture in un ospedale militare israeliano

Da parte sua il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov – che ieri ha incontrato il rappresentante dell’opposizione interna siriana Haitham Manna – ha accusato «forze esterne» di minare gli sforzi di pace armando i ribelli, che «continuano ad attaccare sia le infrastrutture governative sia quelle civili». Anche il movimento sciita libanese Hezbollah, alleato della Siria e dell’Iran, ha accusato gli Usa e Israele di «volere la guerra civile» e ha invitato l’opposizione siriana ad accettare un dialogo con Assad. La ragione è che il presidente siriano «ha servito la causa palestinese molto bene», ha notato il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, nella sua prima intervista dopo sei anni, nella prima puntata di un programma del fondatore di Wikileaks, Julian Assange, per la tv Russia Today.

Native

Articoli correlati