Nel Libano Hezbollah 8 marzo festa dell'alfabeto
Top

Nel Libano Hezbollah 8 marzo festa dell'alfabeto

Mobilitazione delle donne libanesi a difesa dell'8 marzo, per la legge contro la violenza e i diritti delle palestinesi. In piazza anche la bandiera del femminismo arabo.<br>

Nel Libano Hezbollah 8 marzo festa dell'alfabeto
Preroll

Desk Modifica articolo

8 Marzo 2012 - 09.31


ATF
di Kiwan Kiwan

E’ tornata a farsi sentire anche lei, la più famosa militante per i diritti della donna, Linda Matar , 87 anni, assistita dal suo bastone di legno a testimoniare la lotta per i diritti della donna in Libano, al sit in di protesta promosso da varie organizzazione e associazione femminili per chiedere che l’8 marzo resti il giorno delle donne libanesi.

“L’ 8 marzo è il giorno della donna libanese e lo rimarrà”, “noi combatteremo contro lo scippo di questa festa “, “Esigiamo il diritto delle donne libanesi a dare la cittadinanza ai loro figli” … Il sit in di Beirut ha promosso le nuove battaglia delle donne libanesi ma soprattutto ha avversato l’idea di trasformare l’8 Marzo in festa dell’alfabeto”.

Nel suo intervento Linda Matar ha detto: “Manifestiamo in questa piazza per far sentire la nostra voce alla società civile: da questa piazza abbiamo chiesto il rispetto dei diritti umani e oggi chiediamo il rispetto dei diritti della donna libanese , perché i nostro deputati devono applicare la Costituzione che prevede uguale i diritti e doveri tra libanesi. Siamo qui perché le donne libanesi non sono presenti nei programmi dei nostri rappresentanti parlamentari , loro ignorano che l’otto di marzo è un giorno per le donne in tutto il mondo da più di cento anni. Perché volete annullare questa ricorrenza e trasformare l’8 marzo in giornata dell’alfabeto? L’alfabeto è il nostro orgoglio, ma trovate un’altra data in un giorno qualsiasi dell’anno” Dopo il sit- in, le rappresentanti delle donne libanesi si sono dirette verso il parlamento per consegnare al Presidente della camera della loro richiesta di mantenere l’8 marzo festa nazionale della donna libanese e spostare ad altra data la festa dell’alfabeto, affermando che “non c’è alfabeto senza una donna”.

Leggi anche:  Una 19enne è stata violentata da quattro giovani nordafricani su una nave: la ragazza era in gita con la classe

Oggi 8 Marzo in occasione della Giornata Internazionale della Donna, tutte le associazioni femminili, giovanili e della società civile organizzano una manifestazione di protesta davanti al Museo Nazionale per “ottenere la parità e la piena cittadinanza per le donne” e per chiedere l’introduzione di una legge per lo stato civile che dia il diritto alle donne libanesi nella concessione della cittadinanza ai propri figli, la criminalizzazione della violenza contro le donne , l’introduzione di una quota pari al 33% in tutte le posizioni decisionali, la riforma della legge elettorale, l’adozione dei diritti civili per le donne palestinesi profughe in Libano, la tutela della sicurezza delle donne, anche sul lavoro.

Native

Articoli correlati