L'Iss sul Covid in Italia: "Importanti segnali di allerta"

Il report di Istituto superiore di sanità (Iss) e ministero della Salute sull'andamento dell'epidemia di Covid-19

Coronavirus

Coronavirus

globalist 15 ottobre 2020

Ora basta con i negazionisti e i riduzionista. Basta con questa destra nemico della scienza e amica del denaro che invece di invitare la gente a scaricare la App immuni continua a lamentarsi delle misure che sono state prese - purtroppo tardivamente - da governo dopo un’estate irresponsabile all’insegna del libera tutti.

"La situazione descritta in questo report evidenzia importanti segnali di allerta legati a un aumento della trasmissione. Si evidenzia una nuova fase epidemiologica con un aggravio del lavoro dei servizi territoriali che potrebbe riflettersi in breve tempo in un sovraccarico dei servizi assistenziali".


E' quanto rileva il report di Istituto superiore di sanità (Iss) e ministero della Salute sull'andamento dell'epidemia di Covid-19 nel Paese, relativo al periodo 5-11 ottobre 2020 (con dati aggiornati al 13 ottobre 2020).
Raddoppiati i sintomatici
"Il virus oggi circola in tutto il paese. Questa settimana è stato osservato un forte incremento dei casi che porta l'incidenza cumulativa (dati flusso ISS) negli ultimi 14 gg a 75 per 100 000 abitanti (periodo 28/9-11/10) (vs di 44,37 per 100 000 abitanti nel periodo 21/9-4/10). Nello stesso periodo, il numero di casi sintomatici è quasi raddoppiato (15.189 casi sintomatici nel periodo 28/9-11/10 vs 8.198 casi sintomatici nel periodo 21/9-4/10)". E' quanto emerge dal report di Istituto superiore di sanità (Iss) e ministero della Salute sull'andamento dell'epidemia di Covid-19 nel Paese, relativo al periodo 5-11 ottobre 2020 (con dati aggiornati al 13 ottobre 2020).