Top

Il virologo Crisanti: "Dallo studio su Vo Euganeo emerge che i bambini non si infettano e non infettano"

Il professore dell'università di Padova spiega che il problema non è mandare i bambini a scuola ma come portarli: "Il problema è quello che ci sta prima e ci sta dietro".

Andrea Crisanti, virologo dell'università di Padova
Andrea Crisanti, virologo dell'università di Padova

globalist

21 Aprile 2020 - 15.21


Preroll

Il virus è ancora largamente sconosciuto ed è normale che emergano dati in contraddizione tra di loro.
Così mentre un bambino è nato positivo ad Aosta altri dati mostrano aspetti diversi.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 Lo studio effettuato sulla popolazione di Vo Euganeo, paese in provincia di Padova che il 21 febbraio è diventato il primo cluster di coronavirus in Veneto, ha evidenziato che “i bambini sotto i 10 anni, seppure conviventi con infettati in grado di infettare, non si infettano. E se sono negativi non infettano”.

Middle placement Mobile

Lo ha affermato il virologo dell’Università di Padova Andrea Crisanti, in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile regionale a Marghera.

Dynamic 1

Il problema, quindi, è “come portare questi bambini a scuola”. Perché “io mi immagino i cancelli a scuola con tutte le mamme che iniziano a parlare, e non è questo quello che si vuole creare”.

Di fatto “la congregazione di gruppi di bambini non credo che di per sé una fonte di contagio. il problema è quello che ci sta prima e ci sta dietro”.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile