Gaza, Occhetto: "Israele rinunci all'occupazione, gli arabi ai desideri di distruggere i sionisti"
Top

Gaza, Occhetto: "Israele rinunci all'occupazione, gli arabi ai desideri di distruggere i sionisti"

Gaza, Occhetto: "Va bene invocare una pace giusta e durevole a patto che ci si muova con decisione per imporre ai paesi arabi la rinuncia alla distruzione dell’entità sionista e agli israeliani quella dell'occupazione senza fine".

Gaza, Occhetto: "Israele rinunci all'occupazione, gli arabi ai desideri di distruggere i sionisti"
Achille Occhetto
Preroll

globalist Modifica articolo

30 Ottobre 2023 - 09.18


ATF

Achille Occhetto, ex segretario del Pci, intervenendo sulle pagine di La Repubblica ha parlato della situazione sulla Striscia di Gaza e dell’atteggiamento della sinistra europea.

«Nei primi giorni del suo attacco criminale si è creduto che quel massacro avesse come unico obiettivo quello di fare saltare il ventilato accordo tra Israele e l’Arabia Saudita. Ma la natura stessa degli immondi massacri compiuti da Hamas ci dice che c’era anche qualcos’altro».

«Rendere impossibile ogni soluzione di pace Netanyahu ha risposto con l’obiettivo, di per sé plausibile e legittimo, di liberare l’area dal dominio di Hamas. Che però, per ora, si è risolto nella distruzione di città, villaggi e nella catastrofe di migliaia di vittime che muoiono sotto le bombe e che languiscono, in attesa del cataclisma, subendo il taglio di elettricità, petrolio e cibo».

«Sul piano storico è doveroso ricordare, come ha fatto il Segretario generale dell’Onu, il contesto delle responsabilità. Purché si riaffermi sempre con chiarezza che la responsabilità immediata è di Hamas e non va, per nessuna ragione, giustificata. Quello che è dannoso fare è fomentare, nelle piazze europee, lo scontro tra diverse `martirologie´».

Leggi anche:  Nell'inferno di Gaza l'emergenza rifiuti provoca danni alle persone e all'ambiente

«Questo è il vero aiuto che noi europei possiamo e dovremmo dare: quello di avere il privilegio di potere ragionare al di sopra dei reciproci odi al fine di scongiurare una generale `eclissi della ragione´ che potrebbe diventare incontrollabile. Va bene chiedere la cessazione del fuoco. A patto però che tali richieste non nascondano la tendenza a prendersi una pausa nelle faticosa ricerca di una soluzione. Va bene invocare una pace giusta e durevole a patto che ci si muova con decisione per imporre ai paesi arabi la rinuncia alla distruzione dell’entità sionista e agli israeliani quella dell’occupazione senza fine”.

Native

Articoli correlati