Manovra, il Fisco potrà accedere ai conti correnti: la norma nella bozza varata dal governo Meloni
Top

Manovra, il Fisco potrà accedere ai conti correnti: la norma nella bozza varata dal governo Meloni

Manovra, tramite un "collegamento telematico diretto, alle informazioni relative alle disponibilità giacenti" l’Agenzia delle Entrate potrebbe così fare i suoi controlli in fase stragiudiziale sui conti.

Manovra, il Fisco potrà accedere ai conti correnti: la norma nella bozza varata dal governo Meloni
agenzia delle entrate
Preroll

globalist Modifica articolo

26 Ottobre 2023 - 16.45


ATF

Nella Manovra varata dal governo Meloni e che sta per approdare in Parlamento, è stata inserita una norma che permette al fisco di accedere direttamente ai conti correnti, per verificarne la disponibilità, prima di effettuare un pignoramento.

Tramite un “collegamento telematico diretto, alle informazioni relative alle disponibilità giacenti” l’Agenzia delle Entrate potrebbe così fare i suoi controlli in fase stragiudiziale sui conti. Se dovessero emergere “crediti del debitore” nella disponibilità di uno o più operatori finanziari, l’agente “redige e notifica telematicamente al terzo, senza indugio, l’ordine di pagamento”. 

“La notifica dell’ordine di pagamento è effettuata, a pena di nullità, anche al debitore, con le modalità stabilite”, non oltre trenta giorni dalla notifica al terzo. Le soluzioni tecniche di cooperazione applicativa per l’accesso alle informazioni, si precisa nella norma, sono definite con un decreto del Mef (cui è demandata anche la definizione delle “specifiche modalità informatiche” con cui va redatto e notificato telematicamente l’ordine di pagamento), sentite l’Associazione bancaria italiana, Poste italiane e l’Associazione italiana dei prestatori servizi di pagamento, nonché il Garante per la protezione dei dati personali.

Leggi anche:  Autonomia, l'ex presidente della Corte Costituzionale De Siervo: "Sembra scritta da una persona non lucida"

Questo, si precisa, anche ai fini dell’adozione, da parte dell’Agenzia delle entrate-Riscossione di “idonee misure di garanzia a tutela dei diritti e delle libertà degli interessati, attraverso la previsione di apposite misure di sicurezza, anche di carattere organizzativo”.
   

Native

Articoli correlati