Il Governo vara la delega fiscale: ecco cosa cambia con le nuove aliquote
Top

Il Governo vara la delega fiscale: ecco cosa cambia con le nuove aliquote

Il governo vara la riforma fiscale, il ministero: "Le nuove regole saranno operative entro 24 mesi dall'entrata in vigore della legge delega".

Il Governo vara la delega fiscale: ecco cosa cambia con le nuove aliquote
Giorgia Meloni e Giancarlo Giorgetti
Preroll

globalist Modifica articolo

17 Marzo 2023 - 09.23


ATF

Il governo Meloni ha varato la nuova delega fiscale, che prevede una nuova Irpef con tre aliquote e ha azzerato l’Iva per i beni di prima necessità. La riforma prevede anche sanzioni penali attenuate per i contribuenti che si sono trovati impossibilitati a pagare e per le imprese che collaborano. Il consiglio dei ministri ha approvato la delega fiscale, che farà da cornice alla riforma delle tasse targata centro destra. E che promette di cambiare il sistema e mettere le basi per la riduzione delle tasse.

Secondo Giorgia Meloni si tratta di una “vera e propria svolta per l’Italia. È una riforma epocale, strutturale e organica: una rivoluzione attesa da 50 anni con importanti novità a favore di cittadini, famiglie e imprese. Con il nuovo Fisco delineiamo una nuova idea di Italia, vicino alle esigenze dei contribuenti e attrattivo per le aziende”.

“Le nuove regole – spiega il ministero dell’Economia – saranno operative entro 24 mesi dall’entrata in vigore della legge delega e vanno nella direzione di semplificare e ridurre la pressione fiscale, favorire investimenti e assunzioni”. Già perché sul fronte delle imprese ci sarà una graduale eliminazione dell’Irap e una riduzione dell’attuale aliquota Ires per chi investe e\o assume”. La riforma punta a instaurare un rapporto tra contribuenti e amministrazione finanziaria nella logica di un dialogo. Così che prende forma il ‘Fisco amico’. Nel quale però opposizioni e i sindacati, che già evocano la piazza, vedono solo condoni e favori ai più ricchi.

Leggi anche:  Elly Schlein: "Anche noi chiediamo il riconoscimento dello Stato della Palestina". Poi l'attacco al governo Meloni
Native

Articoli correlati