Maxi truffa al fisco: 200 milioni verso Pechino, indagati 1 italiano e 18 cinesi
Top

Maxi truffa al fisco: 200 milioni verso Pechino, indagati 1 italiano e 18 cinesi

Le aziende, gestite da cinesi in Italia (a Prato, Pistoia, Firenze, Roma e Venezia), incassavano i proventi e, trasferendo i soldi verso Oriente, ne facevano perdere le tracce. Tra i 19 indagati figurano un consulente italiano e 18 cinesi

Maxi truffa al fisco: 200 milioni verso Pechino, indagati 1 italiano e 18 cinesi
La Guardia di Finanza
Preroll

globalist Modifica articolo

23 Marzo 2023 - 10.13


ATF

Frodavano il fisco a Oristano, un giro di soldi che supera i 200 milioni di euro e quasi 40 di evasione Iva: la Guardia di Finanza ha scoperto la truffa e denunciato 19 persone.

Il gruppo aveva creato aziende inesistenti per emettere nei loro confronti fatture elettroniche accentrando su di esse il debito Iva. Le aziende, gestite da cinesi in Italia (a Prato, Pistoia, Firenze, Roma e Venezia), incassavano i proventi e, trasferendo i soldi verso Oriente, ne facevano perdere le tracce. Tra i 19 indagati figurano un consulente italiano e 18 cinesi

Tra i 19 indagati c’è quello che le Fiamme gialle considerano il “dominus” della frode, il titolare di una ditta all’ingrosso di Oristano che circa due anni fa ha chiuso le attività proprio durante i controlli. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori erano a lui riconducibili le operazioni finanziarie che avvenivano in Sardegna, ma anche con altri fornitori a Prato, Pistoia, Firenze, Roma e Venezia.

 “Molti dei soggetti economici posti sotto la lente di ingrandimento – spiegano dalle Fiamme gialle – sono risultati essere “cartiere”, di fatto inesistenti, create al solo scopo di emettere fatture elettroniche ed accentrare su di esse il debito Iva derivante dalle operazioni documentate, omettendone la dichiarazione e il conseguente pagamento”.

Leggi anche:  Pechino contro Londra: "Le accuse sul nostro sostegno militare alla Russia infondate e irresponsabili"

Le società fantasma aprivano appositamente per emettere le fatture fasulle e chiudevano entro i due anni, prima che potessero scattare i controlli. Le società fatturavano vendite per decine di milioni di euro a favore di altri cinesi residenti in tutta Italia, incassavano i guadagnai e trasferivano poi il denaro in Cina facendone perdere le tracce, poi si rendevano irreperibili.

Due anni fa le Fiamme gialle di Oristano hanno fatto scattare gli accertamenti che hanno consentito di scoprire appunto l’emissione di fatture per operazioni inesistenti per oltre 200 milioni di euro e l’evasione 37 milioni di Iva. 

Native

Articoli correlati