Manovra, ecco la bozza: via l'Iva agevolata sugli assorbenti, il canone Rai scende a 70 euro
Top

Manovra, ecco la bozza: via l'Iva agevolata sugli assorbenti, il canone Rai scende a 70 euro

Manovra, stop all’Iva al 5% sugli assorbenti femminili. Il governo toglie quindi i prodotti per la protezione dell'igiene femminile compostabili o lavabili e le coppette mestruali dalla lista dei beni per i quali è prevista l’imposta agevolata.

Manovra, ecco la bozza: via l'Iva agevolata sugli assorbenti, il canone Rai scende a 70 euro
Giorgia Meloni e Giancarlo Giorgetti
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Ottobre 2023 - 11.15


ATF

La Manovra del governo Meloni, contestata duramente dall’opposizione, approderà a breve in Parlamento. La bozza del provvedimento mostra alcuni dei punti fondamentali voluti dalla destra, con Giorgia Meloni che ha ‘vietato’ gli emendamenti da parte degli esponenti della maggioranza.  

Il canone Rai sarà ridotto a 70 euro per il 2024.“Per il miglioramento della qualità del servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale su tutto il territorio nazionale, nell’ambito delle iniziative previste dal contratto di servizio nazionale tra la Rai-Radiotelevisione italiana e il ministero delle Imprese e del made in Italy di ammodernamento, sviluppo e gestione infrastrutturale delle reti e delle piattaforme distributive, nonché di realizzazione delle produzione interne, radiotelevisive e multimediali, è riconosciuto alla società un contributo pari a 430 milioni di euro per l’anno 2024”, recita l testo della bozza della Manovra.

I cuneo fiscale sarà tagliato. “In via eccezionale, per i periodi di paga dal primo gennaio al 31 dicembre 2024, per i rapporti di lavoro dipendente, con esclusione dei rapporti di lavoro domestico, è riconosciuto, un esonero, senza effetti sul rateo di tredicesima, sulla quota dei contributi previdenziali per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore di 6 punti percentuali a condizione che la retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non ecceda l’importo mensile di 2.692 euro, maggiorato, per la competenza del mese di dicembre, del rateo di tredicesima. L’esonero è incrementato, senza effetti sul rateo di tredicesima, di un ulteriore punto percentuale con retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non superiore all’importo mensile di 1.923 euro, maggiorato del rateo di tredicesima”.

Leggi anche:  Par condicio, Carotenuto (M5s): "Dal governo Meloni un atto di arroganza inaccettabile"

Ci sono poi i fondi per la “Dedicata a te”, la carta che sostituisce il Rdc. Si parla di 615 milioni. Il bonus asilo nido per i bebè nati il prossimo anno con fratelli under 10 cresce. Ai nati a decorrere dal primo gennaio 2024, per i nuclei familiari con Isee fino a 40.000 euro con almeno un figlio di età inferiore ai dieci anni, l’incremento del buono asili nido è elevato a 2.100 euro. Stop invece all’Iva al 5% sugli assorbenti femminili. Il governo toglie quindi i prodotti per la protezione dell’igiene femminile compostabili o lavabili e le coppette mestruali dalla lista dei beni per i quali è prevista l’imposta agevolata.

Native

Articoli correlati