Gaza, Tajani: "Lavoriamo per i due Stati separati, in Italia non c'è rischio attentati"
Top

Gaza, Tajani: "Lavoriamo per i due Stati separati, in Italia non c'è rischio attentati"

Gaza, Tajani: "Non abbiamo rischi di attentati, non c'è nessun segnale in questa direzione, però non possiamo abbassare la guardia, anzi la alziamo proprio per la prevenzione e per proteggere i siti"

Gaza, Tajani: "Lavoriamo per i due Stati separati, in Italia non c'è rischio attentati"
Antonio Tajani
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Ottobre 2023 - 10.32


ATF

In un’intervista al Corriere della Sera, Antonio Tajani ha parlato della situazione di Gaza e della necessità di arrivare alla soluzione di due Stati per i due popoli coinvolti. «Vorrei condividere questa speranza, che da una crisi profondissima possa venire la spinta per un miglioramento. Ma non possiamo permetterci di essere ingenui: siamo ancora nel pieno della crisi militare. È chiaro che la direzione non può che essere una: andare verso una soluzione che rispetti la sicurezza e le aspirazioni di due popoli».

«Molti dicono che una soluzione per uno Stato palestinese è ormai praticamente impossibile: non voglio crederci, la volontà politica può offrire ancora soluzioni. Per Israele il modo migliore per neutralizzare il progetto di Hamas è dare una speranza concreta al popolo palestinese».

«Non vorrei fare l’errore di sostituirmi agli storici, o di essere giudice di comportamenti. Noi siamo totalmente, profondamente vicini a Israele quando si difende da atti orribili di terrorismo. E saremo ugualmente vicini a Israele quando, per la sua sopravvivenza, le ricorderemo che il popolo palestinese ha diritto a non essere lasciato ostaggio di Hamas, deve avere un futuro che non sia solo nelle mani dei terroristi».

Leggi anche:  Ponte sullo Stretto, Bonelli (Avs): "Non è un diritto ma un'esigenza politica di Matteo Salvini"

A Canale 5, Tajani ha poi voluto rassicurare sul rischio attentati in Italia. «Non abbiamo rischi di attentati, non c’è nessun segnale in questa direzione, però non possiamo abbassare la guardia, anzi la alziamo proprio per la prevenzione e per proteggere i siti, in particolare quelli frequentati da cittadini di religione ebraica, per impedire che ci siano azioni violente».

Native

Articoli correlati