Dossieraggio, Tajani: "Dobbiamo risalire alla Cupola, non credo che Striano abbia fatto tutto da solo"
Top

Dossieraggio, Tajani: "Dobbiamo risalire alla Cupola, non credo che Striano abbia fatto tutto da solo"

Dossieraggio, Tajani: ”Non credo che sia un sottufficiale della Finanza il regista di tutta questa operazione di dossieraggio. Forse è stato utilizzato da qualcuno da cui riceveva ordini. Bisogna capire qual è la Cupola"

Dossieraggio, Tajani: "Dobbiamo risalire alla Cupola, non credo che Striano abbia fatto tutto da solo"
Antonio Tajani
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Marzo 2024 - 11.19


ATF

Antonio Tajani, segretario di Forza Italia e ministro degli Esteri del governo Meloni, in diretta a Canale 5 ha parlato della questione dossieraggio, ipotizzando una “cupola” dietro la ricerca di dati sensibili di politici, imprenditori e personaggi noti.

”Non credo che sia un sottufficiale della Finanza il regista di tutta questa operazione di dossieraggio. Forse è stato utilizzato da qualcuno da cui riceveva ordini. Bisogna capire qual è la Cupola: una persona, un gruppo, per quali fini? Pasquale Striano lavorava a contatto stretto con l’antimafia, con l’ex procuratore Cafiero de Raho, ha seguito per lui tante indagini. Bisogna capire chi gli dava gli ordini e a che fine venivano utilizzate informazioni sensibili. Se erano finalizzate a fare un regalo alla stampa forse anche, oppure potevano essere utilizzate da servizi stranieri?”.

Tajani ha poi parlato delle prossime europee, confermando il sostegno a Ursula von der Leyen, al contrario dei propri alleati di governo.

Forza Italia svolgerà anche un ruolo determinante nei futuri assetti dell’Unione europea. Ursula von der Leyen è la candidata eletta dal Congresso del Partito Popolare Europeo (Ppe) a essere la futura presidente della Commissione europea”. 

Leggi anche:  Europee, Giorgia Meloni: "L'Europa ha limitato la libertà degli Stati nazionali, è ora di tornare indietro"

“Naturalmente dipenderà dalla scelta degli elettori, ma tutto lascia pensare che ancora una volta il Ppe sarà la prima forza politica in Europa e tutto dipenderà, tutti gli equilibri, dalle scelte del Ppe. Ecco percé Forza Italia svolgerà anche un ruolo determinante nei futuri assetti dell’Unione europea, anche per cambiare la linea politica – soprattutto per quanto riguarda l’ambiente – che non deve essere orientata a colpire industria e agricoltura”.

Native

Articoli correlati