Crocifisso obbligatorio e multe fino a 1000 euro per chi non lo espone: la proposta della Lega...
Top

Crocifisso obbligatorio e multe fino a 1000 euro per chi non lo espone: la proposta della Lega...

La Lega propone il crocifisso obbligatorio in tutte le scuole, negli uffici della pubblica amministrazione, nelle carceri italiane, negli ospedali, non mancando di trovare posto anche nelle stazioni, nei porti e negli aeroporti.

Crocifisso obbligatorio e multe fino a 1000 euro per chi non lo espone: la proposta della Lega...
Matteo Salvini mentre bacia un crocifisso
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Settembre 2023 - 16.07


ATF

Dopo il Dio, Patria e Famiglia di Giorgia Meloni, la destra di governo va nel concreto e tramite la leghista Simona Bordonali, propone un disegno di legge sull’obbligatorietà del crocifisso in determinati luoghi pubblici.

L’effigie deve essere «obbligatoriamente» esposta in luogo «elevato e ben visibile» in tutte le scuole, negli uffici della pubblica amministrazione, nelle carceri italiane, negli ospedali, non mancando di trovare posto anche nelle stazioni, nei porti e negli aeroporti. 

Nel testo che introduce la legge si ricorda come l’immagine del Cristo rappresenta «un valore universale della civiltà e della cultura cristiana, riconosciuto quale elemento essenziale e costitutivo e perciò irrinunciabile del patrimonio storico e civico-culturale dell’Italia». «Cancellare i simboli della nostra identità collante indiscusso di una comunità, significa svuotare di significato i princìpi su cui si fonda la nostra società», spiegano i proponenti, con riferimento alle «polemiche relative alla presenza del Crocifisso nelle aule scolastiche, documentate dalla stampa e dai mezzi di comunicazione nazionali».

Per la leghista risulta «inaccettabile per la storia e per la tradizione dei nostri popoli, se la decantata laicità della Costituzione repubblicana fosse malamente interpretata nel senso di introdurre un obbligo giacobino di rimozione del Crocifisso». Il testo di legge, articolato in 5 articoli sottolinea tra le finalità della nuova norma (art.2) quella di «testimoniare, facendone conoscere i simboli, il permanente richiamo del Paese al proprio patrimonio storico-culturale che affonda le sue radici nella civiltà e nella tradizione cristiana».

Leggi anche:  La Russa: "Voglio esprimere le mie opinioni personali, anche se sono il presidente del Senato..."

Cuore del provvedimento l’art. 3 («esposizione del Crocifisso»). Ecco infatti l’elenco dei luoghi dove non potrà mancare la croce simbolo del cristianesimo: «Nelle aule delle scuole di ogni ordine e grado e delle università e accademie del sistema pubblico integrato d’istruzione, negli uffici delle pubbliche amministrazioni» come «negli uffici degli enti locali territoriali, nelle aule nelle quali sono convocati i consigli regionali, provinciali, comunali, circoscrizionali e delle comunità montane, nei seggi elettorali, negli stabilimenti di detenzione e pena, negli uffici giudiziari e nei reparti delle aziende sanitarie e ospedaliere, nelle stazioni e nelle autostazioni, nei porti e negli aeroporti, nelle sedi diplomatiche e consolari italiane e negli uffici pubblici italiani all’estero, è fatto obbligo di esporre in luogo elevato e ben visibile l’immagine del Crocifisso».

Previste anche sanzioni a «chiunque rimuove in odio ad esso l’emblema della Croce o del Crocifisso dal pubblico ufficio nel quale sia esposto o lo vilipende» che dovrà essere «punito con l’ammenda da 500 a 1.000 euro». Una pena prevista anche per «il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio che rifiuti di esporre nel luogo d’ufficio l’emblema della Croce o del Crocifisso».

Native

Articoli correlati