Sostiene i curdi: l'Isis crocifigge un ragazzo in Siria
Top

Sostiene i curdi: l'Isis crocifigge un ragazzo in Siria

Fare il tifo per il nemico è stato considerato un atto di alto tradimento. E così il giovane è stato ucciso in una piazza del centro di fronte a centinaia di persone.

Ragazzo crocifisso dall'Isis in Siria
Ragazzo crocifisso dall'Isis in Siria
Preroll

Desk2 Modifica articolo

15 Marzo 2016 - 11.50


ATF

I miliziani dell’Isis hanno giustiziato nella città siriana Deir ez-Zor un ragazzo accusato di sostenere il nemico. La vittima aveva 22 anni ed è stata arrestata in un ristorante situato nel centro della città mentre parlava della guerra e commentava favorevolmente l’avanzata delle forze curde che, a suo giudizio, sarebbero entrate presto in città.

Proprio per queste parole il ragazzo è stato immediatamente prelevato dalla polizia islamica e portato davanti al tribunale che deve applicare la sharia. I giudici hanno ordinato l’immediata esecuzione e la crocifissione del povero ragazzo. Questo perché fare il tifo per le forze curde è stato considerato un atto di alto tradimento. E così il giovane è stato ucciso in una piazza del centro di fronte a centinaia di persone.

Oltre alla ferocia nei confronti di chi non è schierato dalla loro parte la condanna dell’Isis è motivata anche dal fatto che proprio in questi giorni le forze curde del Ypg (quelle di Kobane) e le loro unità alleate delle forze siriane democratiche Qds, continuano a realizzare progressi nella lotto contro l’Isis nel nord est della Siria. In particolare in questi giorni si sta combattendo una battaglia per il controllo del piccolo centro Markadah.

Leggi anche:  Raid israeliano su Damasco: uccise due persone
Native

Articoli correlati