Pnrr, Molinari (Lega): "E' meglio rinunciare a una parte dei fondi a debito di Bruxelles"
Top

Pnrr, Molinari (Lega): "E' meglio rinunciare a una parte dei fondi a debito di Bruxelles"

Pnrr, Molinari (Lega): "E' giusto ridiscutere il piano con la Commissione europea, o si cambia la destinazione dei fondi o spenderli per spenderli a caso non ha senso. Forse sarebbe il caso di valutare di rinunciare a una parte dei fondi a debito».

Pnrr, Molinari (Lega): "E' meglio rinunciare a una parte dei fondi a debito di Bruxelles"
Salvini e Riccardo Molinari
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Aprile 2023 - 14.43


ATF

Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera della Lega, in un’intervista ad Affaritaliani ha parlato del Pnrr adombrando la possibilità di rinunciare a una parte dei soldi provenienti da Bruxelles.

«Giorgia Meloni ha già rassicurato sulle paure relative al blocco della terza tranche del Pnrr, paure immotivate. Un mese in più serve per problemi tecnici ma i soldi non sono a rischio. Ha fatto bene il ministro Fitto a invitare a fare un ragionamento serio sui progetti da realizzare perché, pensando soprattutto alle grandi opere, alcuni sono impossibili da realizzare entro il 2026 a causa della burocrazia e della mancanza di personale. Il nuovo decreto Pnrr comunque prevede nuove procedure di sburocratizzazione».

«Il problema semmai sono i vincoli di spesa e occorre chiedersi se serva veramente impiegare così tanti fondi su certe partite. Ho parlato con molti sindaci di comuni piccoli e i problemi sono numerosi, ha senso indebitarsi con l’Ue per fare cose che non servono? Giusto quindi ridiscutere il piano con la Commissione europea, o si cambia la destinazione dei fondi o spenderli per spenderli a caso non ha senso. Forse sarebbe il caso di valutare di rinunciare a una parte dei fondi a debito».

Leggi anche:  Ponte sullo Stretto, la Procura di Roma apre un fascicolo dopo l'esposto di Schlein, Bonelli e Fratoianni
Native

Articoli correlati