Mirabelli (Pd): "Il nuovo codice degli appalti di Salvini ci preoccupa e ci spaventa"
Top

Mirabelli (Pd): "Il nuovo codice degli appalti di Salvini ci preoccupa e ci spaventa"

Codice degli appalti, Mirabelli (Pd): "Di fronte agli allarmi lanciati solo pochi giorni fa, riguardo i rischi di aggressione dei fondi PNRR da parte delle mafie, la risposta del governo è davvero preoccupante".

Mirabelli (Pd): "Il nuovo codice degli appalti di Salvini ci preoccupa e ci spaventa"
Franco Mirabelli
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Marzo 2023 - 14.33


ATF

L’Anac ha criticato il nuovo codice degli appalti varato dal governo Meloni e anche il Pd si è scagliato contro una misura che favorirà, inutile negarlo, gli accordi sottobanco. ”Un codice degli appalti che consente di affidare senza bandi e senza gare oltre il 90% degli appalti pubblici preoccupa e spaventa”. È quanto dichiara il senatore del Pd Franco Mirabelli.

“Si lascia una discrezionalità totale per gli appalti fino a 150.000 euro, circa il 60% secondo ANAC, che vengono assegnati direttamente senza alcun obbligo di comparazione dei preventivi o altro. Non serve nè il bando nè la gara per gli affidamenti sotto i 5 milioni dove con la procedura negoziata l`unico obbligo è invitare tra le 5 e le 10 aziende”. 

“A ciò si aggiunge la liberalizzazione dei subappalti strumento che spesso, in passato, è stato usato dalla criminalità organizzata per lavorare. Di fronte agli allarmi lanciati solo pochi giorni fa, riguardo i rischi di aggressione dei fondi PNRR da parte delle mafie, la risposta del governo è davvero preoccupante. Il tutto in nome di una generica ‘velocizzazione’ delle opere che solo la qualificazione delle centrali appaltanti può garantire”, conclude.

Leggi anche:  Premierato, De Cristofaro denuncia: "Sta succedendo qualcosa di clamoroso, la crisi democratica è gigantesca"
Native

Articoli correlati