Maternità surrogata, la ministra Roccella: "Scegliere i caratteri genetici del bimbo è razzismo"
Top

Maternità surrogata, la ministra Roccella: "Scegliere i caratteri genetici del bimbo è razzismo"

La ministra Roccella: "La maternità surrogata in Italia è un reato, ma non viene perseguito. Le leggi in Italia ci sono e sono chiare. ci sono fiere internazionali, cataloghi per scegliere l'ovocita in base ai caratteri genetici Non è razzismo questo?".

Maternità surrogata, la ministra Roccella: "Scegliere i caratteri genetici del bimbo è razzismo"
Eugenia Roccella
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Marzo 2023 - 10.16


ATF

La maternità surrogata è al centro del dibattito politico in questi ultimi giorni, un tema spesso affrontato in forma puramente ideologica e che ha svelato, come se ce ne fosse ancora bisogno, il volto peggiore della nostra destra. La ministra per le Pari opportunità Eugenia Roccella, in un’intervista a Il Messaggero, ha parlato della questione.

«La maternità surrogata in Italia è un reato, ma non viene perseguito. Le leggi in Italia ci sono e sono chiare. E, come hanno spiegato recenti sentenze ai massimi livelli della giurisdizione italiana, non comportano per i bambini la negazione di alcun diritto. Anzi, l’ultima sentenza della Cassazione in materia, afferma con chiarezza che la richiesta della trascrizione automatica non tutela il migliore interesse del bambino, ma solo quello dell’adulto, il partner del genitore biologico. Ritengo che i sindaci sappiano tutto questo, e mi aspetto che chi ha responsabilità politiche e amministrative rispetti la legge e le sentenze».

«In Italia, non è vietato soltanto l’utero in affitto, ma anche la sua propaganda. Anche chi offre questo tipo di `servizi´, dunque, nel nostro Paese commette un illecito penale – ha sottolineato Roccella – in Italia ai bambini non è negato nessun diritto. Tutti i minori nel nostro Paese vengono trattati allo stesso modo. Innanzi tutto, il genitore biologico può immediatamente registrare il bambino, che da quel momento gode di tutti i diritti. Quanto al rapporto con il partner del genitore biologico, la soluzione l’ha indicata la Cassazione a sezioni unite: l’adozione in casi particolari, molto più semplice e veloce dell’adozione classica. E, come stabilito dalla Corte Costituzionale, perfettamente idonea ad assicurare al bambino giuridicamente un contesto parentale completo».

Leggi anche:  Ruotolo (Pd): "La nostra Europa è il manifesto di Ventotene, non le idee di Meloni e Orban"

«Temo che chi dice queste cose voglia solo aprire una breccia nel divieto. L’utero in affitto è a tutti gli effetti una pratica commerciale: ci sono fiere internazionali, cataloghi per scegliere l’ovocita in base ai caratteri genetici (non è razzismo questo?), criteri diversi per scegliere la donna che dovrà portare in grembo il bambino. Alcuni, per camuffare questa orrenda realtà, parlano di rimborso spese invece che di compenso. Ma la sostanza non cambia: si tratta di un commercio della maternità, che umilia le donne e priva i bambini, questo si!, di diritti fondamentali, cancellando un genitore biologico», ha concluso Roccella.

Native

Articoli correlati