Ucraina, Tajani: "Siamo con voi, ma non possiamo mandare altre armi, non siamo gli Usa"
Top

Ucraina, Tajani: "Siamo con voi, ma non possiamo mandare altre armi, non siamo gli Usa"

Tajani sull'invio di armi all'Ucraina: "Non possiamo sottrarre altre armi alle forze armate italiane. Tutto quello che potevamo mandare lo abbiamo mandato".

Ucraina, Tajani: "Siamo con voi, ma non possiamo mandare altre armi, non siamo gli Usa"
Antonio Tajani
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Febbraio 2023 - 12.12


ATF

A un anno dall’inizio della guerra in Ucraina, il ministro degli Esteri Antonio Tajani, in un’intervista al Corriere della Sera ha confermato l’appoggio dell’Italia a Kiev ma ha anche ribadito che più di quello che ha già fatto – in termine di invio di armi – il nostro Paese non può fare. 

«Liberare il Donbass e la Crimea non è semplice. L’Italia vuole lavorare insieme agli altri. L’unità della coalizione è importante, non bisogna mostrare segni di cedimento. Dobbiamo trovare delle soluzioni condivise. Io ho detto da cosa bisogna iniziare: da Zaporizhzhia e dai corridoi per il grano. La Cina è amica della Russia – dice ancora – ma deve convincerla a più miti consigli, perché Mosca non riuscirà a vincere sul terreno. Qui si vedrà la capacità di leadership pacifica e stabilizzatrice della Cina».

Rispetto all’invio di armi, «noi non siamo gli Stati Uniti. Non possiamo sottrarre altre armi alle forze armate italiane. Tutto quello che potevamo mandare lo abbiamo mandato. Per quanto riguarda gli aerei, non è qualcosa all’ordine del giorno: la formazione di un pilota di un aereo da caccia richiede mesi di addestramento, altrimenti rischi di mandare a morire la gente. Devi avere armi compatibili, non puoi schierare due aerei di un tipo e due di un altro».

Leggi anche:  Paolo Signorelli si dimette dopo la vergogna delle chat con Diabolik: "Non sono più quel Paolo..."

Le parole di Berlusconi sull’Ucraina sono state rilanciate dai russi, gli viene fatto notare: «Non ci facciamo strumentalizzare da chi vuole seminare zizzania. Berlusconi e Meloni si sono sentiti dopo il viaggio. Da parte di Forza Italia c’è sostegno al governo, collaborazione, lealtà, quindi il governo è solido come non mai».

Native

Articoli correlati