In Senato nasce la commissione sul femminicidio, Valente (Pd): "E' un cambio di cultura"
Top

In Senato nasce la commissione sul femminicidio, Valente (Pd): "E' un cambio di cultura"

Una nuova commissione d'inchiesta parlamentare sul femminicidio e la violenza di genere, il Senato ha votato all'unanimità in favore della proposta. Valente (Pd): "Ora passiamo dalle parole ai fatti".

In Senato nasce la commissione sul femminicidio, Valente (Pd): "E' un cambio di cultura"
Valeria Valente
Preroll

globalist Modifica articolo

1 Febbraio 2023 - 14.45


ATF

Il Senato ha votato unanimemente a favore dell’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio e la violenza di genere. La senatrice del Pd Valeria Valente, ne ha parlato con enorme soddisfazione. «Esprimo soddisfazione, netta, convinta, appassionata sul voto favorevole e unanime da parte dell’aula del Senato che istituisce una nuova commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio e sulla violenza di genere, questa volta bicamerale: un salto di qualità, il Parlamento unito su un tema prioritario».  

«La soddisfazione ancora più grande è anche per il livello del dibattito in Senato, per le parole d’ordine e il linguaggio utilizzato da tutti, 4-5 anni fa non sarebbe stato così. Credo che il lavoro importante della commissione femminicidio nella passata legislatura abbia contribuito a costruire, con il lavoro certosino dei movimenti femminili e femministi, un sentire comune, un alfabeto sulla violenza maschile contro le donne come fenomeno strutturale di natura culturale, annidato nella sperequazione di potere tra uomini e donne, e non un’emergenza, né un fenomeno privato ma pubblico, che interroga la politica».  

Leggi anche:  Ventidue anni in carcere per femminicidio, esce e viene arrestato di nuovo per stalking: chi è Raimondo Gaspa

«È anche per questo – ha proseguito – che serve una nuova commissione femminicidio. La bicamerale dovrà monitorare che le indicazioni date e le leggi varate non rimangano lettera morta e fare di più e meglio su alcuni temi ancora da approfondire. Ho apprezzato sinceramente le parole coraggiose della ministra Roccella e al governo dico: bisogna passare dalle parole ai fatti, con impegni sull’attuazione della legge sulle statistiche, investimenti sulla formazione e la specializzazione di tutti gli operatori, un intervento per la legge organica sulla violenza e il femminicidio, una grande, straordinaria campagna di sensibilizzazione».

«Quello che preoccupa non è l’impegno sul tema della violenza, ma la visione di un esecutivo che ha varato norme penalizzanti per le donne come la nuova Opzione donna, il quoziente famigliare, la cancellazione dell’impatto di genere degli appalti. La prima prevenzione è l’idea di donna che abbiamo, è questa la vera sfida soprattutto per questo esecutivo».

Native

Articoli correlati