Covid-19, bufera sul sottosegretario Gemmato: "Senza vaccini sarebbe andata peggio? Non ci sono prove"
Top

Covid-19, bufera sul sottosegretario Gemmato: "Senza vaccini sarebbe andata peggio? Non ci sono prove"

Marcello Gemmato: «Senza vaccini sarebbe andata peggio? Questo lo dice lei, non abbiamo l'onere della prova inversa. Ma io non cado nella trappola di schierarmi a favore o contro i vaccini».

Covid-19, bufera sul sottosegretario Gemmato: "Senza vaccini sarebbe andata peggio? Non ci sono prove"
Marcello Gemmato
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Novembre 2022 - 10.35


ATF

Il governo Meloni ha annullato i bollettini covid quotidiani e reintegrato il personale sanitario che non si era sottoposto alla vaccinazione. Provvedimenti che hanno scatenato polemiche e reazioni. Di certo, l’ultima dichiarazione del sottosegretario alla Salute Marcello Gemmato non sarà da meno. Intervistato da “Restart – L’Italia ricomincia da te” su Rai 2, Gemmato ha dichiarato: 

«Registro che per larga parte della pandemia, l’Italia è stata prima per mortalità e terza per letalità, quindi questi grandi risultati non li vedo raggiunti».

«Senza vaccini sarebbe andata peggio? Questo lo dice lei, non abbiamo l’onere della prova inversa. Ma io non cado nella trappola di schierarmi a favore o contro i vaccini».

«Io adesso da sottosegretario di Stato, insieme a un ministro» della Salute come Orazio Schillaci, «che finalmente è uno scienziato, analizzando il contesto nel quale oggi viviamo – ricordo che le terapie intensive sono occupate al 2% – abbiamo ritenuto di anticipare di 6 settimane» la scadenza dell’obbligo di vaccinazione anti-Covid per i sanitari e quindi il reintegro degli operatori non vaccinati. Il dibattito in merito «mi sembra surreale, dovremmo parlare di altro», ha aggiunto Gemmato.

Leggi anche:  Premierato, il populismo di Gasparri: "Daremo più potere ai cittadini contro i giochi di Palazzo"

«Probabilmente – ha anche sottolineato il sottosegretario – c’è stato fino ad oggi un approccio ideologico alla gestione della pandemia da coronavirus». Ora «la politica ritorna centrale» e «la politica fa questo: analizza i fenomeni scientifici, analizza i dati e prende le decisioni».

Native

Articoli correlati