Calderoli, i desideri del ministro leghista: "Basta con i piagnistei, l'autonomia è un vantaggio per tutti"
Top

Calderoli, i desideri del ministro leghista: "Basta con i piagnistei, l'autonomia è un vantaggio per tutti"

Calderloi: "Voglio trasformare il ruolo della Conferenza Stato-Regioni facendola passare da 'tavolo del piagniste, dove le regioni vengono con il cappello in mano per chiedere soldi al governo, a un luogo propositivo"

Calderoli, i desideri del ministro leghista: "Basta con i piagnistei, l'autonomia è un vantaggio per tutti"
Roberto Calderoli
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Novembre 2022 - 09.35


ATF

Roberto Calderoli detta ancora l’agenda del governo Meloni. Il leghista, che nel 2006 mostrò una maglietta anti Islam provocando una violenta reazione di fronte alle ambasciate italiane in diversi paesi arabi, colui che diede dell’orango al ministro Kyenge, dal suo scranno di ministro per gli Affari regionali e le autonomie ha avuto l’incarico di rimodellare la visione autonomista del nostro Paese.

“A giorni incontrerò tutti i governatori per dire loro che io metterò a disposizione il mio ministero e le mie competenze per trovare le soluzioni giuste per ognuno” ha dichiarato in un’intervista a Libero. “Ad esempio ho già dato mandato ai tecnici di fare uno studio sulle maggiori risorse che una regione potrebbe ricavare in base alle singole materie concorrenti. Credo sia una cosa che vada a vantaggio di tutti”.

“Poi è vero ci sono anche Puglia e Campania che contrastano il percorso dell’autonomia, ma la loro, mi sento di dire, è una posizione puramente ideologica. Toccherà ai due governatori, una volta che i cittadini toccheranno con mano i benefici di questo processo, spiegare perché non l’hanno voluto attuare”.

Leggi anche:  Liste d'attesa, la Cgil: "Il governo Meloni ha partorito un topolino, portano avanti la privatizzazione del Ssn"

“Voglio trasformare il ruolo della Conferenza Stato-Regioni facendola passare da ‘tavolo del piagniste, dove le regioni vengono con il cappello in mano per chiedere soldi al governo, a un luogo propositivo dove tutti parlano stando sullo stesso piano e con pari dignità”, conclude Calderoli: “I numeri della Lega? Quello che conta è riuscire a realizzare i nostri progetti”.

Native

Articoli correlati