Top

Zaia: "A Verona abbiamo perso perché nei partiti le identità contano" (e chi vuol intender...)

Un partito, secondo Zaia deve "essere identitario, costruire la propria fisionomia con gli anni e con le scelte

Zaia: "A Verona abbiamo perso perché nei partiti le identità contano" (e chi vuol intender...)
Zaia

globalist Modifica articolo

28 Giugno 2022 - 09.22


Preroll

“Evidentemente dove si litiga si parte con il freno a mano tirato”. Lo dice in un’intervista al Corriere della Sera il governatore del Veneto Luca Zaia che parla di “sconfitta pesante” a Verona, sottolineando di non aver messo alcun veto all’ apparentamento tra Sboarina e Tosi: “Non mi sono minimamente avvicinato alla porta, di queste vicende non mi sono mai occupato”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Zaia osserva anche che nella regione “le due roccaforti della sinistra, Belluno e Feltre, sono passate al centrodestra”. “Belluno al primo turno. Se fosse accaduto a parti invertite, chissà che show. E invece le ha vinte il centrodestra e nessuno ne parla”.

Middle placement Mobile

Un partito, secondo Zaia deve “essere identitario, costruire la propria fisionomia con gli anni e con le scelte. Credo che quando passerà l’autonomia sarà un fatto che cambierà la storia. Sarà un Big Bang. Noi quello lo abbiamo costruito con pazienza e col duro lavoro negli anni”.

Dynamic 1

Venendo ad altri nodi del centrodestra, come le elezioni in Lombardia, “penso che Fontana abbia fatto bene e sia da difendere – sottolinea il governatore del Veneto -. Ha una lunga storia di amministratore, lo ha fatto in tempi non facili, ha subito una gogna giudiziaria e mediatica assolutamente sproporzionata seguita poi da un proscioglimento perché il fatto non sussiste”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile